InfoAut
Immagine di copertina per il post

Palestinesi e sauditi si uniscono contro la normalizzazione con l’apartheid israeliano

Il Comitato Nazionale Palestinese BDS (BNC) si schiera con la maggioranza del popolo fraterno dell’Arabia Saudita nella sua schiacciante condanna degli sforzi di normalizzazione tra la dittatura saudita e l’apartheid israeliano.

da ISM

Questi colloqui diretti e indiretti, mediati dall’amministrazione statunitense e che promettono al regime saudita uno scudo militare statunitense, servono principalmente gli interessi del governo di estrema destra israeliano, fornendogli un’ancora di salvezza in un momento in cui si trova ad affrontare disordini interni senza precedenti, una crescita internazionale pressione e una crisi economica incombente. Servono anche a sostenere il regime saudita nonostante i suoi crimini e le gravi violazioni dei diritti umani. 

La società civile palestinese condanna fermamente il coinvolgimento dell’Autorità Palestinese in questi colloqui di normalizzazione, in quanto fornisce una copertura per un potenziale accordo israelo-saudita che mina i diritti riconosciuti a livello internazionale del popolo palestinese.

Il sondaggio più attendibile sull’opinione pubblica nella regione araba ha dimostrato che il 70% della popolazione nella regione del Golfo Arabo si oppone alle relazioni diplomatiche con Israele, mentre solo l’8% le sostiene. In Arabia Saudita, il rapporto tra coloro che sono contrari a tali relazioni e coloro che le sostengono è quasi di 8:1.

Il regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid utilizzerà qualsiasi risultato diplomatico con l’Arabia Saudita per mascherare e distogliere l’attenzione dai suoi crimini di guerra in corso e dai crimini contro l’umanità contro il popolo indigeno della Palestina. Questi includono massacri; pulizia etnica, soprattutto a Gerusalemme, nel Naqab e nella Valle del Giordano; il brutale assedio di Gaza; demolizioni di case; decimazione di uliveti secolari; e la distruzione o l’appropriazione del patrimonio culturale e archeologico.

Come hanno dimostrato gli Accordi di Abraham, i cosiddetti accordi di “pace” tra il regime di apartheid israeliano e i regimi dispotici arabi sono in gran parte alleanze di sicurezza militare che aiutano Israele a mantenere il suo regime di apartheid mentre rafforzano lo spietato dominio dei dittatori arabi, aggravando la repressione interna. Senza eccezioni, tali accordi sono serviti a minare i diritti inalienabili del popolo palestinese, in particolare il diritto all’autodeterminazione e il diritto dei rifugiati al ritorno e al risarcimento.

Questi accordi di normalizzazione cercano anche di nascondere ciò che i palestinesi, la maggior parte degli arabi e i progressisti di tutto il mondo sanno da decenni: le relazioni con Israele danneggiano non solo i palestinesi ma anche milioni di altre persone in tutto il mondo. Israele è diventato un modello per gran parte dell’estrema destra e dei suprematisti bianchi del mondo, collaborando con regimi autoritari e con gruppi fascisti in Occidente, la maggior parte dei quali sono profondamente antisemiti.

Vende le sue tecnologie di sicurezza militare come “testate in battaglia” ed esporta le sue dottrine militari e le tecnologie spyware come armi, come Pegasus di NSO, e altri servizi di guerra informatica, disinformazione e brogli elettorali come strumento diplomatico in tutto il mondo.

Gli Accordi di Abraham rappresentano l’ultima prova di questo modello, poiché hanno portato ad un aumento del 24% nelle vendite di armi israeliane in un solo anno. Un altro esempio è l’uso dello spyware Pegasus da parte del regime dispotico dell’Arabia Saudita per rintracciare il dissidente saudita Jamal Kashoggi, che fu poi brutalmente assassinato nell’ambasciata saudita in Turchia nel 2018. All’epoca il BNC chiese di imporre un embargo militare al regime saudita.

La dittatura saudita sta cercando di nascondere i propri orribili crimini contro i civili yemeniti, perpetrati in collaborazione con il regime degli Emirati Arabi Uniti, e le gravi violazioni dei diritti umani in corso contro i difensori dei diritti umani sauditi, le donne saudite e i lavoratori migranti.

Mentre il regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid continua a commettere crimini di guerra e crimini contro l’umanità contro il popolo palestinese, è nostro dovere etico difendere la giustizia e la libertà ovunque e opporci al razzismo e all’oppressione ovunque.

Chiediamo alle persone di coscienza di tutto il mondo di opporsi vigorosamente ai colloqui di normalizzazione e militarizzazione della sicurezza mediati dagli Stati Uniti che coinvolgono i regimi di Israele e Arabia Saudita e di intensificare le campagne di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) per aiutare a smantellare il regime di apartheid israeliano appena come è stato fatto contro l’apartheid sudafricano. Un accordo israelo-saudita-statunitense danneggerebbe gravemente i diritti umani e la lotta per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

arabia sauditaBIDENisraelenetanyahupalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: mobilitazioni di massa per la Palestina.

Lunedì 27 maggio, migliaia di persone sono scese spontaneamente in piazza a Parigi e in altre città per esprimere la loro rabbia contro il genocidio in corso a Gaza, all’indomani di atroci bombardamenti sulle tende dei rifugiati a Rafah

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gaza: Israele bombarda i campi profughi a Rafah. Strage di civili almeno 45 le vittime.

Almeno 45 morti e 250 feriti: questo il bilancio parziale dell’ultima strage compiuta dall’esercito israeliano a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Student* pront* al dialogo: ma il rettore dov’è?

Siamo al sedicesimo giorno di occupazione e blocco nella sede Unito di Palazzo Nuovo, collocandoci attivamente all’interno del movimento internazionale di Intifada Studentesca che, ormai da mesi, si sta mobilitando per il boicottaggio accademico..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La preghiera del venerdì a Palazzo Nuovo : un bel bagno di realtà.

Cosa ci insegna la Palestina. Questo è stato il contenuto politico del discorso di Brahim Baya a Palazzo Nuovo occupato all’interno del momento di preghiera di venerdì scorso tenutosi in Università.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Perquisizioni al SUDD Cobas per una manifestazione in solidarietà con il popolo palestinese

Questa mattina le abitazioni di alcuni compagni e compagne di Firenze sono state perquisite in relazione alla manifestazione del 23 febbraio in solidarietà con il popolo palestinese durante il quale la polizia ha ripetutamente caricato il corteo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.