Operazioni di polizia a Diyarbakir molte attiviste arrestate

Stampa

Durante le perquisizioni nelle prime ore della mattina molte donne sono state arrestate a Diyarbakır, tra cui laportavoce del Movimento per le donne libere (TJA) Ayşe Gökkan. Nelle prime ore del mattino numerose abitazioni sono state perquisite dalla polizia a Diyarbakır nelle. La polizia ha perquisito le abitazioni di un elevato numero di donne attiviste per lo più curde e ne ha arrestate molte.

||||
|||| ||||

La portavoce della Piattaforma delle donne giornaliste della Mesopotamya direttrice di Jinnews Ayşe Güney, la portavoce del Movimento libero delle donne (TJA) Ayşe Gökkan, la co-presidente della Federazione Med di supporto legale e di solidarietà con le Associazioni delle famiglie dei detenuti (MED TUHAD-FED) Elif Haran, l’esponente dell’Associazione per l’assistenza ai detenuti Rabia Ataş, l’esponente dell’Assemblea delle famiglie (TUAY-DER) Panayır Çelik, l’esponente dell’Assemblea della municipalità di Bağlar Bağlar Halime Bayram, gli ex co-presidenti provinciali del Partito democratico dei popoli (HDP) di Yenişehir Demet Özkaran, Zekiye Güler, Figen Ekti, i dirigenti dell’Unione dei lavoratori della sanità e dei servizi sociali (SES) di Diyarbakır Rozerin Çatak, Emine Kaya, Dilan Yakut, i membi dell’assemblea municipale di Yenişehir Gülşen Güneş e Ronda Bat sono coloro che si è appreso siano stati arrestati.

È stato riferito che anche le abitazioni del dirigente di TUAY-DER Bahar Akyapı e del copresidente provinciale di HDP di Sur Hatun Yıldız sono state perquisite, ma poiché non erano a casa non sono stati arrestati.

MA

kadinlarorgutu 700x325

 

Numerose associazioni delle donne in Turchia stanno protestando contro l’ultima ondata di repressione contro il movimento delle donne curde a Amed (Diyarbakir). Martedì mattina decine di donne sono state arrestate nella metropoli curda, tra cui Ayşe Gökkan, portavoce del TJA (Tevgera Jinên Azad / Movimento delle donne libere), la giornalista Ayşe Güney, la Madre della Pace settantenne Hayriye Demir ed Elif Haran, copresidente dell’organizzazione di aiuto ai detenuti MED TUHAD-FED.

La dichiarazione congiunta delle associazioni delle donne afferma: “La politica misogina dell’alleanza maschile AKP e MHP sta assumendo dimensioni maggiori ogni giorno. In questo paese, ci svegliamo ogni mattina con la notizia che la polizia ha preso d’assalto appartamenti di curdi, donne e membri dell’opposizione. Questa mattina, una campagna politica di annientamento ha avuto nuovamente luogo.

Nessun potere può spezzare la nostra resistenza

Le donne arrestate sono amiche che hanno combattuto per anni sotto l’egida del TJA per la liberazione delle donne e che hanno promosso le donne in politica, nei media e nei sindacati. Sappiamo che questo attacco al movimento delle donne curde non è il primo attacco, come sappiamo da numerosi altri amici che sono tenuti in prigione come ostaggi politici. Ogni volta che l’alleanza maschile AKP / MHP è in difficoltà, attacca il libero arbitrio delle donne. Noi donne sappiamo che gli arresti e le detenzioni hanno lo scopo di reprimere la nostra lotta e intimidirci. Quando abbiamo iniziato a combattere il patriarcato, sapevamo già che avremmo incontrato uomini che non hanno un libero arbitrio e che ci ignorano. Ma ciò che l’altra parte ovviamente non ha ancora imparato è che nessun potere può spezzare la nostra resistenza. Se l’AKP presume che possa intimidirci con la sua campagna di annientamento, si sbaglia. Contro la politica oppressiva dell’AKP e del suo alleato MHP, che mira a educare la società all’obbedienza, noi donne abbiamo assunto la nostra speranza nelle nostre mani e abbiamo deciso di presentarla alla società. E questo è esattamente ciò che spaventa di più i governanti: la determinazione a lottare, che nasce sotto la guida delle donne.

L’AKP e MHP insistono sulla loro politica misogina. Dovrebbero sapere che noi donne continueremo ad essere in strada contro il rifiuto della Convenzione di Istanbul, contro la legittimazione dell’abuso di minori attraverso il matrimonio, contro i fiduciari e contro la legge di esecuzione. Non ci ritireremo mai, nemmeno per un momento, dalla nostra lotta di liberazione contro la politica aggressiva, fascista, militarista, sessista e patriarcale dell’AKP. Lo diciamo di nuovo: la lotta delle donne arrestate è anche la nostra lotta. Non ci piegheremo e non obbediremo mai. Noi esistiamo e siamo qui. Chiediamo il rilascio immediato delle nostre amiche detenute illegalmente “.

Le organizzazioni sottoscrittrici

La dichiarazione è stata redatta congiuntamente dalle organizzazioni femminili di HDP, HDK, DBP, DTK, SYKP, dalla Liberazione delle donne (Kadınların Kurtuluşu), dalla Piattaforma di solidarietà socialista, dai Consigli delle donne socialiste e Donne rosso-verdi.

ANF

Da Rete KurdistanRete Kurdistan

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons