InfoAut
Immagine di copertina per il post

Nazione Mapuche: Appello urgente di solidarietà verso il popolo Mapuche e il CAM

All’opinione pubblica cilena e internazionale

Nel Giorno Internazionale dei Diritti Umani, le organizzazioni firmanti questa dichiarazione allertano l’opinione pubblica cilena e internazionale sulle gravi offese e violazioni dei diritti umani del popolo Mapuche, delle sue comunità e i suoi membri. Lo Stato del Cile continua la sua politica di criminalizzazione, in particolare del Coordinamento delle comunità in conflitto Arauco Malleco (CAM), colpendo in tal modo il diritto dei popoli indigeni alla libera determinazione, riguardo alle proprie forme di organizzazione e le proprie manifestazioni per il recupero delle terre, dei territori e delle risorse che storicamente possedevano prima del Saccheggio e della mal chiamata Pacificazione dell’Araucanía.

A questo scopo, lo Stato del Cile dispone di un ampio arsenale giuridico e legifera freneticamente per perfezionarlo per rafforzare la repressione e la criminalizzazione. La Legge di Sicurezza dello Stato, una disposizione legale del diritto penale politico che data dall’anno 1958, è stata utilizzata tanto nella dittatura civico-militare come per commettere gravi e sistematiche violazione dei diritti umani durante gli ultimi 30 anni e specialmente a partire dal 18 ottobre 2019. La sua applicazione al portavoce del CAM, Héctor Llaitul, colpisce gravemente il suo diritto ad un dovuto processo dato che opera nel quadro della dottrina del nemico interno e cerca di criminalizzare le idee del movimento autonomista Mapuche come la legittima protesta sociale delle comunità Mapuche in resistenza.

Il fondo del conflitto tra il popolo Mapuche e lo Stato del Cile è in relazione alle terre in disputa che oggi sono in grande proporzione nelle mani di un sistema di produzione forestale a carattere estrattivista, avallato e sussidiato dallo stato. Ultimamente, l’acutizzazione del conflitto è data dall’aumento degli investimenti del settore economico transnazionale nei territori rivendicati come il megaprogetto di Modernizzazione e Ampliamento dell’Impianto Arauco (MAPA) e attraverso le politiche di incentivazione degli investimenti stranieri come il Trattato di Associazione Transpacifico (TPP11). Tali investimenti e megaprogetti richiedono sempre più maggiori estensioni di territorio per la monocoltura, avanzando verso le valli, le riserve naturali e la selva valdiviana, luogo di biodiversità unica al mondo. Pertanto, le imprese forestali, non solo hanno ribadito il loro costante rifiuto delle legittime richieste del popolo Mapuche, ma intervengono per incorporarli nelle loro attività capitaliste, colpendo profondamente la cosmovisione Mapuche e la loro stessa idea di sviluppo.

Il territorio storico del popolo Mapuche, Wallmapu nell’idioma Mapuche, o Macrozona Sud per l’amministrazione, si trova anche militarizzato mediante i decreti presidenziali di Stato d’Emergenza Costituzionale dal 12 ottobre 2021 (Giorno della Resistenza Indigena), firmati a quel tempo dall’ex presidente Sebastián Piñera Echenique e ora da Gabriel Boric Font. Gli ultimi decreti, sostenuti ripetutamente dal Congresso e dalle coalizioni di governo, hanno delimitato l’intervento delle Forze Armate alle strade. Questa delimitazione, che in nessun modo modera l’azione militare, ha precisamente come oggetto quello di proteggere gli investimenti capitalisti e le vie di trasporto della materia prima estratta dall’industria forestale.

Sotto lo Stato d’Emergenza, è stata realizzata un’offensiva mediatica e poliziesca che colpisce gravemente i diritti del popolo Mapuche e i suoi membri, come la libertà di pensiero e la libertà d’espressione, a detrimento degli obblighi internazionali dello Stato del Cile. Questa offensiva è consistita in discorsi razzisti che incitano all’odio, nuove montature giudiziarie, arresti arbitrari specialmente da parte dei militari, differenti forme di tortura, discriminazione nelle carceri e l’utilizzo smisurato della prigione preventiva come condanna anticipata. La carcerazione in centri di detenzione dati in concessione e il trattamento razzista e coloniale verso i prigionieri politici Mapuche del CAM, in particolare lo sradicamento delle loro comunità e famiglie, hanno provocato il 27 novembre 2022 l’inizio di uno sciopero della fame per nove di loro.

Di fronte a questa grave situazione:

1. Facciamo un appello urgente alla solidarietà internazionale per bloccare le politiche congiunte di criminalizzazione di tutti i poteri dello stato, incluso il governo di turno, verso il popolo Mapuche e il CAM.

2. Sollecitiamo una visita ufficiale in Cile del Relatore Speciale delle Nazioni Unite per i diritti dei popoli indigeni, Sig. Francisco Calí Tzay, allo scopo di formulare raccomandazioni e proposte sulle effettive misure di protezione dei diritti del popolo Mapuche.

3. Chiediamo l’immediata realizzazione della richieste dei prigionieri politici Mapuche del CAM, tutelate dagli standard internazionali dei diritti umani, in vista di un dovuto processo così come di garantire l’esercizio dei diritti culturali dentro i centri di detenzione.

Organizzazioni firmatarie:

1. Familiares de los Presos Políticos Mapuche de la CAM (CCP Bío Bío y CCP Valdivia)

2. Colectivo Nuevas Generaciones Chile-Suiza

3. Colectivo Internacional de Apadrinamiento de lxs Presxs Politicxs de la Revuelta Social en Chile

4. ARLAC, Asociación de solidaridad en Bélgica

5. Defensoría Popular

6. Vocesenlucha – Comunicación Popular (España)

7. Brigada Salvador Allende BRISA

8. Colectivo de chilenos ex presos políticos en Panamá

9. Centro Cultural Creando Valle, Provincia del Huasco, Región de Atacama

10. Comité Recuperación Cuartel Borgoño

11. Trawunche Madrid (Coordinación de Apoyo al Pueblo Mapuche)

12. Revista El Topo

13. Comité Carlos Fonseca, Roma (Italia)

14. Confederación de Sindicatos de Base COBAS, Roma (Italia)

15. Centro Social Ocupado Autogestionado ex SNIA, Roma (Italia)

16. Revista y Ediciones La Estaca

17. Alba Movimientos, capítulo Perú

18. Mundo Verde de Perú

19. Comisión de Derechos Sociales del Colegio de Abogados de Río de Janeiro (Brasil)

20. Manke en Movimiento

21. Chile Solidarity Network (Reino Unido)

22. Mapuche International Link (Reino Unido)

23. Confederación Intersindical (Estado español)

24. Centro de Estudios Francisco Bilbao (Chile)

25. Colectivo Octubre Combativo

26. Colectiva Corazón del tiempo

27. Centro Cultural de Derechos Humanos Salvador Allende

28. Movimiento Javier Heraud (Perú)

29. Todas Somos Micaelas (Perú)

30. Partido Igualdad (Chile)

31. Movimiento de Pobladores en Lucha

32. Solidaridad en Renuencia, Talca

33. Sodepau País Valencià (España)

34. Red Nacional de Derechos Humanos RENADDHH

35. Vocalía de Derechos Humanos, Solidaridad y Conflictos Sociales FEC 2022

36. Federación de Estudiantes UDEC

37. Observa DDHH Los Ríos

38. Centro Cultural Pablo Neruda

39. Colectivo José Martí Los Ríos

40. Movimiento de Territorios Soberanos MTS

41. Consejo Nacional para la Defensa del Derecho Humano a la Salud CNDDHS (Venezuela)

42. Fundación Internacional Baltasar Garzón FIBGAR

43. Colectivo de Radio Luis Emilio Recabarren

44. Cordón Marga Marga

45. Colectivo 31 de julio, región de Valparaíso

46. Collectif pour les Droits Humains au Chili (France)

47. Derechos Humanos Madrid (España)

48. Bolivia Solidarity Campaign (Reino Unido)

49. Colombia Solidarity Campaign (Reino Unido)

50. Plataforma 12 de octubre – la Resistencia Continua

51. Asamblea Territorial Huanhuali

52. LAPAZ centro Italia – Abruzzo e Molise, prov. Ascoli e Rieti

53. Laboratorio Sociale Largo Tappia

54. Laboratorio Spontaneo Fuochi Fatui

55. Partido de Trabajadores Revolucionarios PTR

56. La Izquierda Diario Chile, medio digital

57. Confederación General del Trabajo CGT (España)

58. Casona Latina de Lausanne

59. Comité de Solidaridad Internacionalista de Zaragoza (España)

60. Izquierda Castellana, Castilla

61. Euskadi-Cuba, País Vasco

62. Asociación Sierra Maestra-Euskadi – Cubanas y cubanos en el País Vasco

63. Red Internacional por la Democracia Comunal

64. Colectivo de comunicación ContrahegemoniaWeb (Argentina)

65. Coordinadora Simón Bolívar (Venezuela)

66. Radio Al Son Del 23 (Venezuela)

67. Nueva Constituyente Ciudadana y Popular de Costa de Oaxaca

68. Resistencia Civil Oaxaca y Veracruz

69. Pastoral Social, Iglesia Anglicana de México

70. Iglesias por la Paz

71. Servicio Internacional Cristiano de Solidaridad con América Latina SICSAL/México.

72. Mujeres para el Diálogo

73. Colectivo por la autonomía. México

74. Desarrollo Económico y Social de Los Mexicanos Indígenas (DESMI)

75. Unión de Organizaciones de la Sierra Juárez Oaxaca, S. C.

76. Asamblea de Defensores del Territorio Maya Múuch Xíinbal

77. Unión de Ejidos en Defensa del Territorio Maya

78. SINE COMUNARR La Tarahumara

79. Nueva Constituyente Ciudadana y Popular de Chiapas

80. Comité de Derechos Humanos Sierra Norte de Veracruz

81. Casa Tecmilco

82. Colectivo ReverdeSer

83. Colectivo Hasta Encontrarte, Guanajuato

84. Asociación Mutual Ex PP Mira

85. Resistencia Popular

86. Comuna Debate

87. Cordón Quinta Región en Apañe a lxs presxs políticxs

88. Olla de la resistencia ex-Cárcel

89. Agrupación de Familiares de Ejecutad@s Polític@s y Detenid@s Desaparecid@s, Región de Valparaíso

90. Coordinadora internacional por la libertad de los presos y presas políticas

91. Coordinación por la libertad de lxs prisionerxs políticxs, Valparaíso

92. Frente de Pueblos en Defensa de la Tierra (Atenco), México

93. Organización Popular Francisco Villa de Izquierda Independiente (OPFVII), México

94. Coordinadora Socialista Revolucionaria, México

95. Coordinadora Nacional de Usuarios en Resistencia, México

96. Consejo Supremo Indígena de San Francisco Xochicuautla, Estado de México

97. Indignación, Promoción y Defensa de los Derechos Humanos/ Yucatán, México

98. La Marabunta/Sonora, México

99. Servicios para una Educación Alternativa A.C (EDUCA)/Oaxaca, México

100. Instituto Mexicano para el Desarrollo Comunitario (IMDEC)/México

101. Centro de Derechos Humanos Fray Bartolomé de Las Casas/ Chiapas, México

102. Movimiento Guevarista Tierra y libertad, Ecuador

103. Alfaro Vive Carajo, Ecuador

104. Centro Regional de Derechos Humanos Bartolome Carrasco Briseño AC, México

105. Comité por la Defensa de los Derechos Indígenas CODEDI, México

106. Vientos de la Ruah, México

107. Coordinadora de Pueblos en Defensa del Río Atoyac- Veracruz, México

108. Movimiento de Trabajadores y Campesinos MTC (Costa Rica)

109. Bloque de Vivienda (Costa Rica)

110. Casa El Migrante (Costa Rica)

111. Asociación Costarricense de Derechos Humanos ACODEHU

112. Instituto Cultural Nuestra América, Ecuador

113. Juventud Comunista del Ecuador

114. FPDT Atenco, México

115. Familiares en Búsqueda Maria Herrera, México

116. Mesa de Cooperativas de Vivienda de la Zona Metropolitana Del Valle de México, Chicoace Calli

117. Maria Herrera Magdaleno

118. Unión Nacional de Educadores UNE (Ecuador)

119. Fundación de Derechos Humanos de Centroamérica (Costa Rica)

120. UNDEHUCA (Costa Rica)

121. Colectivo IRIRIA TSÒCHOK (Costa Rica)

122. Asamblea de Solidaridad con México, País Valencia

123. Raíces de identidad de los pueblos del sur A.C.

124. Tierra y Libertad para Arauco-Wallmapu (France)

125. Comisión de Migración y Antirracismo del 8M de Madrid

126. Cátedra Libre Extracurricular « Ernesto Che Guevara » de la Facultad de Ciencias Humanas de la Universidad Nacional de La Pampa, Argentina (UNLPam)

127. Fundalatin (Venezuela)

128. Red Ecumenica de Venezuela

129. Colectivo Profesionales por el Socialismo

130. Coordinación Ni un Día Más en la Cárcel

131. Comité Memoria y Justicia Chile-Suiza-América Latina

132. Association Donde Están Genève

133. Periódico Electrónico Mapuche ‘Werken Noticias »

134. Concejo Indígena y Popular de Guerrero – Emiliano Zapata (México)

135. Corporación Perro Negro

136. Periodico Resumen Latinoamericano

137. Organizaciones Libres del Pueblo – Resistir y Luchar (Argentina)

138. Asociación de EX Presos Políticos CHilenos AEXPPCh (Francia)

139. Fraternidad Cristiana Vida (Perú)

140. Asociación Costarricense de Derechos Humanos ACODEHU (Costa Rica)

141. Asociación Para Una Ciudadanía Participativa ACI-PARTICIPA (Honduras)

142. Rojava Azadi Madrid

143. Women Defend Rojava Madrid

144. Lumaltik Herriak (País Vasco)

145. Mujeres en Movimiento Hamburgo

146. Senzaconfine di Aprilia (Italia)

147. Revista El Porteño, Valparaíso

148. Chile Despertó – Suecia

149. Coordinadora de Comunidades Afectadas por TRECSA (Guatemala)

150. Latín American Solidarity Network LASNET (Australia)

151. Organización Sures (Venezuela)

152. Movimiento Internacional de Trabajadores MIT (Chile)

153. Coordination 38 Chili 50 ans Grenoble (France)

154. Frente Bicentenario de Mujeres 200 (Venezuela)

155. Red Ecológica de Chile

156. Fundación venezolana por el derecho a la vivienda Fundavivienda

157. Marx21.net, red anticapitalista (Estado español)

158. Comité antiimperialista general Abreu e Lima (Brasil)

159. Asamblea de pueblos originarios del Pikun Mapu

160. Centro Cultural y Político Casa Bolívar

161. Movimiento Patriótico Manuel Rodríguez

162. Colectiva Memoria Feminista DDHH

163. Plataforma de Periodistas y Comunicadores de Venezuela

164. Partido Trabajadores y la Ecología PTE

165. Samidoun España, Red de presxs políticxs Palestinxs, Madrid

166. Masar Badil, Ruta alternativa en apoyo a Palestina, Madrid

167. Alkarama, En apoyo a las mujeres Palestinas, Madrid

168. Al Yudur, En apoyo a la juventud Palestina, Madrid

169. Peruanxs en Madrid, Peruanes residentes en Madrid

170. Asamblea Plaza de Los Pueblos, Madrid

171. Asamblea Descolonicémonos, Madrid

172. Bureau d’information Alba Granada North Africa, Tunisie

173. Eco Mapuche (Italia)

174. Anticapitalistas (Estado español)

175. ECOSS de Barrio

Per nuove adesioni, scrivere al seguente indirizzo: generations.chili@gmail.com

11 dicembre 2022

Vocesenlucha

Traduzione a cura di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cilemapuchePOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

Di seguito pubblichiamo alcuni contributi che provengono delle occupazioni studentesche avvenute ieri a Torino e Pisa e aggiornamenti dalle altre università italiane occupate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Salone del Libro: come è fatta la vera censura

Riprendiamo il comunicato del Coordinamento cittadino Torino per Gaza su quanto accaduto ieri al Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: la Via Istituzionale v/s Resistenza e Controllo Territoriale

Sotto uno stato capitalista e coloniale è impossibile garantire i diritti fondamentali dei popoli originari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: Una guerra contro il movimento indigeno

Il decreto di Conflitto Armato Interno emesso dal governo di Daniel Noboa “si inscrive in modo diretto nella Dottrina dello Shock come condizione di possibilità per l’aggiustamento economico”, sostiene l’economista ecuadoriano Pablo Dávalos.