InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’intifada social: come i giovani palestinesi usano i social media per creare forme istantanee di attivismo

I social media hanno incanalato la rabbia e il risentimento contro l’occupazione, ma sono anche diventati il nuovo canale attraverso il quale i giovani possono identificare e trovare un terreno politico comune.

Fonte: English version

Nino Orto – 8 dicembre 2022

Con un clic di un pulsante, le realtà della vita sotto l’occupazione israeliana possono essere condivise istantaneamente con il mondo. Nonostante vivano sotto sorveglianza, i giovani palestinesi hanno utilizzato questo mezzo per mobilitare nuove forme di attivismo transnazionale.

Arrivo a Nablus una mattina presto. La radio nel taxi trasmette notizie sull’ennesimo raid notturno dell’esercito israeliano e le voci di una nuova, imminente incursione si stanno rapidamente diffondendo.

Per mesi la città è stata oggetto di un’operazione militare israeliana su larga scala contro la “Tana dei Leoni”, un gruppo armato palestinese di recente formazione che risponde all’esercito israeliano e all’aggressione dei coloni con operazioni militari coordinate. Il gruppo rappresenta il volto mutevole della resistenza palestinese e gode del sostegno popolare.

La città, trasformata nella roccaforte del gruppo, è diventata un campo di battaglia con operazioni quotidiane dello Shabak (il servizio di sicurezza interno israeliano) e dell’esercito, che prendono di mira i membri della milizia.

“I palestinesi usano gli smartphone come strumenti per trasmettere in streaming ciò che sta accadendo sul campo. Questo rende i social media un potente strumento per aggregare le persone, ma è anche un mezzo pericoloso, che rende vulnerabili. Molti di questi giovani infatti sono stati rintracciati attraverso i cellulari”

Entrare nella vecchia cittadella è difficile. Non ci sono giovani nei caffè o per strada. Il vecchio mercato è innaturalmente silenzioso, solo gli anziani e le donne percorrono i vicoli. L’atmosfera è tesa, pronta ad esplodere da un momento all’altro.

“I soldati hanno attaccato ieri il funerale di un martire. La gente è furiosa, non c’è rispetto nemmeno per la morte. Non possiamo aspettarci nulla di buono. Il futuro si fa sempre più incerto”, spiega un commerciante locale mentre apre l’ingresso del suo negozio.

La “Tana dei Leoni” ha recentemente subito duri colpi con l’uccisione di Wadee al-Houh, il leader dell’organizzazione, e di Ibrahim al-Nabulsi, un’altra nota personalità del gruppo, insieme a dozzine di suoi membri. Altri si sono arresi all’Autorità palestinese in cambio dell’amnistia.

Il 2022 ha visto a un livello senza precedenti di violenza contro i palestinesi da parte dell’occupazione israeliana [photo credit: Nino Orto]

Khalid, un trentenne che lavora a Nablus come tassista, spiega la situazione. “Oggi le persone usano gli smartphone come strumenti per trasmettere in diretta ciò che sta accadendo sul campo. Questo rende i social media uno strumento potente per coinvolgere le persone, ma è anche un mezzo pericoloso che rende vulnerabili. Molti di questi giovani sono stati infatti rintracciati attraverso i telefoni cellulari”, dice.

Secondo il Palestine Center for Policy and Survey di Ramallah, la milizia con sede a Nablus è formata principalmente da giovani di età compresa tra i 18 ei 24 anni, senza alcun background religioso o politico, e senza alcun legame con i partiti politici storici palestinesi. Molti di loro sono parenti di membri delle forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese.

Il gruppo ha rapidamente guadagnato popolarità grazie al suo incorruttibile approccio alla causa palestinese e ha conquistato i cuori e le menti di molti, in particolare degli adolescenti, per la loro disponibilità a morire per porre fine all’occupazione. Su Telegram e Tik Tok, centinaia di migliaia di palestinesi celebrano i combattenti della “Tana del Leone” come i nuovi eroi.

Chi li sostengono è la nuova generazione della società palestinese, nata dopo la seconda Intifada e sempre più critica nei confronti delle condizioni economiche e sociali, del sistema politico e dei rapporti con Israele – una nuova generazione meno religiosa e più liberale, che considera l’Autorità palestinese altamente inefficiente e corrotta.

“Credo che non siano solo martiri, ma eroi. Hanno sacrificato le loro vite per combattere contro l’occupazione della nostra terra”, dice una giovane donna che preferisce non essere nominata. “Non abbiamo un futuro. Che differenza farebbe morire oggi o tra dieci anni? Questa è la ragione principale per cui molti giovani palestinesi si uniscono al gruppo”, afferma.

Secondo molti palestinesi che hanno parlato con The New Arab, a Nablus, a causa della sproporzione di forza tra i due giocatori, non c’è più uno scontro militare E’ qualcosa a un livello più personale, che tocca qualcosa di profondamente intimo, in un mix di sentimenti religiosi e ricerca della libertà personale che va oltre le ambizioni nazionali.

I giovani palestinesi hanno usato i social media come un nuovo modo per venerare i loro amici perduti e come mezzo per costringere i loro sostenitori a resistere ulteriormente [photo credit: Nino Orto]

Al centro della lotta c’è la disperazione delle giovani generazioni, che si è trasformata in rabbia. La disoccupazione e la reclusione hanno spinto molti giovani a cercare nuovi modelli non collegati agli storici partiti politici palestinesi come Fatah, Hamas o la Jihad islamica.

I social media hanno incanalato la rabbia e il risentimento contro l’occupazione, ma sono anche diventati il nuovo canale attraverso il quale i giovani possono identificare e trovare un terreno politico comune.

“I social media sono stati utili nel fornire supporto per mobilitare e organizzare le giovani generazioni in gruppi che, a determinate condizioni, si sarebbero persino uniti alle ali militari”, ha affermato il dott. Khalil Shikaki, professore di scienze politiche e direttore del Centro palestinese per la politica con sede a Ramallah e Sondaggio.

“Ciò che è chiaro è che è in corso una trasformazione sociale per un cambiamento all’interno della società palestinese, con la necessità di un nuovo approccio per affrontare l’occupazione”, spiega il dottor Shikaki.

Rispetto alla prima e alla seconda Intifada, dove l’uso dei media era limitato a TV e giornali, oggi l’ampia fruizione dei social da parte dei giovani ha reso i media tradizionali inutili e il flusso di informazioni molto più difficile da controllare – forse addirittura impossibile a volte. Qualcosa che non è mai successo prima e che rende facile per certi gruppi guadagnare popolarità e influenza in così poco tempo.

“Vivono per un’eredità, il che rende questo fenomeno estremamente pericoloso per l’Autorità palestinese e Israele”, ha affermato il dottor Shikaki.

“Sono madre di un adolescente che sta diventando sempre più furioso nei confronti della situazione”, ha detto Lana, manager nel settore dell’ospitalità. “Dice spesso che preferirebbe essere un martire piuttosto che un ragazzino viziato. Molti della sua età vogliono emularli per fare la cosa giusta. So che non posso più controllarlo. Ho paura di ciò che il futuro porterà”, ha aggiunto.

Poco più in là, assorto nei suoi pensieri, vedo un vecchio palestinese che fissa il vuoto. Il suo comportamento calmo è in contrasto con le emozioni prevalenti intorno a lui. Il negozio dietro è semivuoto, una vecchia foto ingiallita dal tempo e dall’oblio sovrasta gli oggetti intorno. “Prego Dio di proteggere i nostri bambini e la Palestina. Ne avremo bisogno”, sussurra mentre mi allontano.

Nino Orto è un giornalista freelance italiano specializzato nell’analisi di Iraq, Siria e guerre in Medio Oriente. È caporedattore dell’Osservatorio Mashrek che fornisce approfondimenti e analisi sul Medio Oriente.

Traduzione di Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” – Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

intifadapalestinaSocial Network

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“La Palestina è un laboratorio: così Israele esporta la tecnologia dell’occupazione”

Armi, tecnologie della sorveglianza, droni, tattiche e repressione: Antony Loewenstein, giornalista australiano e nipote di ebrei tedeschi rifugiati, racconta come la Palestina sia diventata il luogo perfetto per gli affari dell’industria militare israeliana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Yesh Gvul: aumento senza precedenti del rifiuto dell’arruolamento nella guerra di Gaza

Mercoledì, un movimento israeliano di sinistra ha riferito di un aumento senza precedenti del numero di israeliani che si rifiutano di prestare servizio militare nella guerra in corso nella Striscia di Gaza, riferisce l’agenzia Anadolu.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il genocidio in Palestina non si ferma. Netanyahu criminale di guerra ignora la comunità internazionale.

Nella Striscia di Gaza non esistono “zone sicure”. Ormai è evidente a tutti, seppur dovesse essere chiaro sin dall’inizio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: mobilitazioni di massa per la Palestina.

Lunedì 27 maggio, migliaia di persone sono scese spontaneamente in piazza a Parigi e in altre città per esprimere la loro rabbia contro il genocidio in corso a Gaza, all’indomani di atroci bombardamenti sulle tende dei rifugiati a Rafah

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Perquisizioni al SUDD Cobas per una manifestazione in solidarietà con il popolo palestinese

Questa mattina le abitazioni di alcuni compagni e compagne di Firenze sono state perquisite in relazione alla manifestazione del 23 febbraio in solidarietà con il popolo palestinese durante il quale la polizia ha ripetutamente caricato il corteo.