InfoAut
Immagine di copertina per il post

La Tana dei Leoni non è un fenomeno transitorio: si profila una rivolta armata

Disincantati dal modello politico fallito dell’Autorità Palestinese e sempre più impressionati dalla resistenza armata a Gaza, una ribellione armata in Cisgiordania è semplicemente una questione di tempo.

Fonte: English version

Di Ramzy Baroud – 20 dicembre 2022

Immagine di copertina: Il gruppo armato della Fossa dei Leoni nella città vecchia di Nablus, foto pubblicata il 3 settembre 2022 (Tana dei Leoni/Telegram)

Proprio quando Israele, e persino alcuni palestinesi, hanno iniziato a parlare del fenomeno di Areen al-Usud, La Tana dei Leoni, al passato, un gran numero di combattenti appartenenti al gruppo palestinese appena formatosi ha marciato attraverso Nablus nella Cisgiordania occupata la scorsa settimana. A differenza della prima apparizione del gruppo il 2 settembre, il raduno nella Città Vecchia il 9 dicembre è stato notevolmente più grande e meglio organizzato, con combattenti che indossavano divise militari e mettevano in atto una sicurezza più stretta.

“I Leoni appartengono a tutta la Palestina e credono nei legami di sangue e nella lotta armata”, hanno dichiarato. Questo era un riferimento al tipo di resistenza collettiva che supera gli interessi di fazione.

Inutile dire che l’evento è stato significativo. Solo due mesi fa, il Ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha cercato di sminuire il gruppo in termini di numero e di influenza. Ha stimato che avesse solo “30 membri” e si è impegnato a “stanarli ed eliminarli”.

Anche l’Autorità Palestinese è stata attiva nella soppressione del gruppo, sebbene utilizzando un approccio diverso. I media palestinesi e arabi hanno parlato di generose offerte di incarichi e denaro da parte dell’Autorità Palestinese per i combattenti della Tana dei Leoni nel caso in cui accettassero di deporre le armi.

Le dirigenza israeliana e palestinese hanno entrambi frainteso la situazione. Hanno presunto erroneamente che il movimento nato a Nablus sia un fenomeno regionale e transitorio che, come altri in passato, può essere schiacciato o comprato con facilità.

I membri della Tana dei Leoni, tuttavia, sembrano essere aumentati di numero e si è già ramificata a Jenin, Al-Khalil (Hebron), Balata e altrove. Per Israele, e anche per alcuni palestinesi, la Tana dei Leoni è un problema senza precedenti, le cui conseguenze minacciano di cambiare completamente le dinamiche politiche nella Cisgiordania occupata.

Poiché le insegne della Tana dei Leoni ora appaiono in ogni quartiere palestinese nei Territori Occupati, il gruppo è riuscito a diramarsi da uno specifico quartiere di Nablus, Al Qasaba, per diventare un’esperienza palestinese collettiva.

Un recente sondaggio condotto dal Centro di Ricerca Palestinese di Politica e Sondaggio ha dimostrato la suddetta affermazione in un modo inequivocabile. Il sondaggio del Centro ha suggerito che il 72% di tutti i palestinesi sostiene la creazione di un maggior numero di gruppi armati di questo tipo in Cisgiordania. Quasi il 60% teme che una ribellione armata rischi uno scontro diretto con l’Autorità Palestinese. Il 79% rifiuta l’appello ai combattenti di arrendersi alle forze dell’Autorità Palestinese, e un enorme 87% rifiuta l’idea stessa che l’Autorità Palestinese abbia il diritto di effettuare tali arresti.

Tali statistiche attestano la realtà sul campo. Indicano la quasi totale mancanza di fiducia nell’Autorità Palestinese insieme alla significativa convinzione che solo la resistenza armata, simile a quella nella Striscia di Gaza, sia in grado di sfidare l’occupazione israeliana.

Queste nozioni sono basate su prove concreto: il fallimento della finanziariamente e politicamente corrotta Autorità Palestinese nel promuovere le aspirazioni palestinesi in qualsiasi modo, per esempio; il totale disinteresse di Israele per qualsiasi forma di negoziato di pace; e la crescente deriva estremista verso destra nella società israeliana, che è direttamente collegata alla violenza quotidiana inflitta contro i palestinesi a Gerusalemme Est occupata e in Cisgiordania.

L’inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente Tor Wennesland ha riferito di recente che il 2022 è “prossimo a essere l’anno più mortale per i palestinesi in Cisgiordania dal 2005”. Il Ministero della Sanità palestinese ha registrato che solo quest’anno sono stati uccisi 167 palestinesi in Cisgiordania.

È probabile che questi numeri aumentino con l’arrivo del Primo Ministro israeliano di destra Benjamin Netanyahu e della sua coalizione di destra ancora più estremista. Il nuovo governo può rimanere al potere solo con il sostegno di Bezalel Smotrich del Partito del Sionismo Religioso e di Itamar Ben-Gvir dell’Otzma Yehudit (Potere Ebraico). Ben-Gvir è un noto estremista ed è, ironicamente, anche se non sorprendentemente, destinato a diventare il nuovo Ministro della Sicurezza di Israele.

Tuttavia, nell’incombente rivolta armata in Cisgiordania c’è di più della violenza israeliana. Quasi tre decenni dopo la firma degli Accordi di Oslo, i palestinesi non hanno ottenuto nessuno dei loro diritti politici o giuridici fondamentali. Al contrario, gli incoraggiati politici di destra in Israele parlano ora di “annessione morbida” unilaterale di vaste parti della Cisgiordania. Nessuna delle questioni ritenute importanti al momento della firma degli Accordi nel 1993, lo status di Gerusalemme occupata, i rifugiati, le frontiere, l’acqua, ecc., sono ancora all’ordine del giorno oggi.

Da allora, Israele ha investito di più nelle leggi razziali e nelle politiche razziste, rendendosi l’incarnazione di un regime di Apartheid. I principali gruppi internazionali per i diritti umani hanno dimostrato e denunciato la nuova identità completamente razzista dello Stato di Apartheid israeliano.

Con il totale sostegno degli Stati Uniti e nessuna pressione internazionale su Israele che sia degna di nota, la società palestinese si sta mobilitando oltre i canali tradizionali degli ultimi tre decenni. Nonostante l’ammirevole lavoro di alcune ONG palestinesi, la “ONG-izzazione” della società palestinese, che opera con fondi in gran parte ottenuti dai sostenitori occidentali di Israele, ha ulteriormente accentuato le divisioni di classe tra i palestinesi. Con Ramallah e pochi altri centri urbani che fungono da quartier generale dell’Autorità Palestinese e un lungo elenco di ONG, le città di Jenin e Nablus, e i loro adiacenti campi profughi, sopravvivono sotto l’emarginazione economica, la violenza israeliana e l’abbandono politico.

Disincantati dal modello politico fallito dell’Autorità Palestinese e sempre più impressionati dalla resistenza armata a Gaza, una ribellione armata in Cisgiordania è semplicemente una questione di tempo.

Ciò che differenzia i primi segni di un’altra Intifada in Cisgiordania dall’ “Intifada di Gerusalemme” del 2015, nota anche come “Intifada dei Coltelli”, è che quest’ultima è stata una serie di atti individuali compiuti da giovani oppressi della Cisgiordania, mentre la prima era un fenomeno popolare ben organizzato con un fronte politico unitario che faceva appello alla maggioranza della società palestinese. Inoltre, a differenza della Seconda Intifada Palestinese armata (2000-2005), l’incombente rivolta armata è radicata in una base popolare, non nelle forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese.

Il riferimento storico più vicino a questo fenomeno è la rivolta palestinese del 1936-39, guidata da migliaia di fellahin (contadini) palestinesi nelle campagne della Palestina. L’ultimo anno di quella ribellione ha visto una grande spaccatura tra la dirigenza dei fellahin e i partiti politici cittadini. La storia si sta quindi ripetendo. E, come nella rivolta del 1936, il futuro della Palestina e della resistenza palestinese, di fatto, il tessuto sociale stesso della società palestinese, è in gioco.

Ramzy Baroud è un giornalista e redattore di The Palestine Chronicle. È autore di sei libri. Il suo ultimo libro, curato insieme a Ilan Pappé, è “La Nostra Visione per la Liberazione: Leader Palestinesi Coinvolti e Intellettuali Parlano”. Il Dr. Baroud è un ricercatore senior non residente presso il Centro per l’Islam e gli Affari Globali (CIGA), Università Zaim di Istanbul (IZU).

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cisgiordaniapalestinatana dei leoni

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stop al genocidio: cariche sotto la sede della RAI a Napoli

La vostra repressione non ci fermerà: Stop genocidio, 23 febbraio sciopero generale, 24 manifestazione nazionale a Milano!

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cannoni italiani contro i palestinesi di Gaza

La conferma giunge adesso direttamente dalla Marina Militare di Israele: alle operazioni di guerra contro Gaza partecipano le unità navali armate con i cannoni di OTO Melara del gruppo italiano Leonardo SpA.