InfoAut
Immagine di copertina per il post

Kurdistan: i guerriglieri rispondono agli attacchi turchi

Mentre l’esercito turco continuava i suoi attacchi contro le aree di guerriglia, i guerriglieri esercitarono il loro diritto all’autodifesa cinque volte, distruggendo un lanciagranate turco.

Tradotto da ANF

Nella sua panoramica quotidiana della guerra in Kurdistan, il centro stampa delle Forze di difesa popolare (HPG) ha riferito di continui attacchi da parte delle forze di occupazione turche e scontri dopo le azioni di autodifesa dei guerriglieri nelle zone di difesa di Medya nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Quattro contatti con il nemico si sono verificati il 19 e il 20 aprile nella zona di resistenza di Girê Cûdî nella regione di Zap, quando i guerriglieri hanno risposto agli attacchi effettuati dall’esercito turco con armi pesanti e obici.

Nell’area di resistenza di Girê FM, le guerrigliere di YJA Star (Free Women’s Troops) hanno esercitato il loro diritto all’autodifesa quando sono stati attaccati due volte con armi pesanti a mezz’ora l’uno dall’altro giovedì mattina. Durante i combattimenti che sono seguiti, le guerrigliere YJA Star hanno distrutto un lanciagranate usato dalle truppe turche.

HPG ha anche riferito di tre attacchi di aerei da combattimento turchi sulle aree di Girê Çarçêl e Golka a Metîna e nell’area di resistenza di Girê Amêdî il 20 aprile. Secondo la dichiarazione dell’HPG, l’esercito turco ha usato un’arma proibita contro una posizione di guerriglia a Sîda. Inoltre, 68 attacchi con obici, carri armati e armi pesanti sono stati diretti contro Girê FM, Girê Cûdî, Çemço e Sîda negli ultimi due giorni.

Gli attacchi della Turchia continuano nonostante il cessate il fuoco annunciato dall’Unione delle comunità del Kurdistan (KCK). La decisione è stata presa dopo il devastante terremoto nella zona di confine turco-siriana del 6 febbraio. I guerriglieri curdi, che includono l’HPG e la YJA Star (Free Women’s Troops), stanno attuando l’appello per la cessazione di tutte le ostilità e sono in una posizione difensiva.

In una dichiarazione del 9 febbraio, l’Unione delle comunità del Kurdistan (KCK), un’organizzazione ombrello del movimento di liberazione curdo di cui è membro anche il PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), ha chiesto la cessazione delle azioni militari in Turchia, nelle metropoli e nelle città. “È necessario evitare che le persone sperimentino ancora più sofferenza in questa afflizione”, ha detto Cemil Bayık, co-presidente del consiglio esecutivo della KCK.

Il quartier generale centrale delle Forze di difesa popolare (HSM) ha espresso sostegno all’appello del KCK e ha dichiarato l’11 febbraio che i guerriglieri erano pronti a fare la loro parte per alleviare le sofferenze della gente.

Il 27 marzo, il co-presidente del Consiglio esecutivo della KCK Besê Hozat ha annunciato che il cessate il fuoco unilaterale sarebbe rimasto in vigore fino a dopo le elezioni che si terranno in Turchia il 14 maggio.

Secondo il bilancio annuale della guerra nelle zone di difesa di Medya, pubblicato dal quartier generale centrale delle forze di difesa popolare il 14 aprile, l’esercito turco ha effettuato 3.730 attacchi con bombe chimiche e altre bombe non convenzionali su aree di guerriglia, 4.233 attacchi da aerei da combattimento e 5.628 attacchi da elicotteri da combattimento.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

cessate il fuocoguerrigliakurdistanterremototurchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.