InfoAut
Immagine di copertina per il post

Intervista: “sono Maya Hannouk… del movimento 20 febbraio”

 

Quali sono le cause della tensione in Marocco?

La situazione economica è molto difficile e di conseguenza la situazione sociale è molto tesa. Le promesse di riforma non hanno dato frutti e dunque la politica dei grandi progetti pubblicizzati finora è un fiasco.

Infine, ci siamo resi conto  che la nuova squadra del re altro non era che una messa in scena che fu completata intorno al 2004. Da allora, non abbiamo potuto che assistere al lento deterioramento della situazione politica al punto che tutte le parti che agiscono in ambito politico sono stati screditati a favore del palazzo reale. In parallelo, abbiamo constatato l’aumento degli arresti di persone per le proprie opinioni e la censura dei mezzi di comunicazione. Il risveglio tunisino ed egiziano, due paesi i cui leader hanno fatto di tutto per garantire la successione di forma patrimoniale ci ha costretti a scuoterci.

 

Ci sono delle analogie tra il movimento marocchino e quello arabo?

Uno dei punti in comune è il fatto di usare lo spazio pubblico come spazio per la contestazione. Si noti anche la grande mobilitazione dei giovani  che non erano politicizzati, e le giovani donne, nonostante il ritorno al conservatorismo. Tutte quelle persone che erano invisibili e per le quali le autorità del potere prendevo le decisioni, ora  appaiono improvvisamente in strada con discorsi fortemente contestativi.

 

Scendendo nelle piazze e manifestando, le libertà d’espressione e d’opinione sono garantite?

Dipende dalle città e luoghi dove si svolgono gli eventi. Nelle comunità rurali, i manifestanti sono spesso fortemente repressi. Nelle grandi città, le cose accadono in modo diverso. Stiamo ora assistendo a una ondata di violenza da parte delle autorità. Durante gli ultimi eventi di Taza e Beni Mellal, è la violenza usata dalla polizia contro i manifestanti, che accese la popolazione. In tutti i casi, indipendentemente dal luogo, i manifestanti sono fotografati e perseguitati successivamente.

 

Quali sono le rivendicazione del M20Febbraio?

– Un sistema giudiziario indipendente e, più in generale, la separazione dei poteri;
– Il processo per tutti coloro che sono coinvolti nel saccheggio, nella cattiva gestione e nello sperpero della ricchezza del paese;

– Il riconoscimento della lingua Amazigh come lingua ufficiale e il riconoscimento della specificità dell’identità marocchina nei suoi elementi essenziali: linguistici, culturali e storici;

-Il rilascio di tutti i prigionieri  politici e la persecuzione giudiziaria di tutti i responsabili di arresti arbitrari, “sparizioni”, tortura e  repressione selvaggia.
– Integrazione dei laureati disoccupati nel mondo del lavoro;
– garantire una vita dignitosa per tutti e dunque aumento degli stipendi e l’adozione dei minimi salariali;

-garantire a tutti i cittadini l’accesso ai servizi pubblici, e assicurare che siano dignitosi;

-l’annullamento delle posizioni pubbliche occupate dagli amici del re, che ha usato e abusato del suo potere per collocare le proprie simpatie, in particolare Fouad Ali El Himma e Mounir Majidi.

 

In un video girato durante la manifestazione a Rabat il 22/01/2012 i manifestanti hanno utilizzato il celebre slogan “a cha3b yurid is9at a nidam”. La gente non teme più il regime?

Il potere monarchico marocchino è fondato sulla paura, il rapporto dunque di questo potere si basa sulla servitù. Le autorità terrorizzano chiunque osi alzare la testa e per chi è cresciuto in Marocco diviene pericoloso pronunciare parole come “Re” o “Monarchia”.  Il sistema educativo si basa sul principio del rispetto della gerarchia, nel punto più alto si posiziona il re, la cui opinione è indubitabile. Hassan II non ha mai esitato ad uccidere chi s’opponeva alle sue parole, uccideva gli avversari e distruggeva le loro famiglie. Ora noi non dimentichiamo! Sotto la monarchia di Mohamed VI, le cose non sono cambiate nonostante la retorica. Sappiamo tutti quali siano le forme di punizione e di tortura utilizzati dalla Monarchia per far tacere il popolo, il centro di detenzione di Temara è un esempio.

 

Cos’è successo a Taza?
Quello che è accaduto a Taza accade in moltissime altre città da  molti anni: Sidi Ifni, Guelmim Bouarfa … La gente è stanca di vivere nella miseria. Tutto Qua!.

Quali sono le recenti attività organizzate dal M20Fev a Casablanca?
Per il 20 febbraio (anniversario della nascita del movimento) abbiamo organizzato manifestazioni e attività in molte città.

 

Secondo lei, quali sono le prospettive future del movimento marocchino? C’è una speranza per una rivoluzione, o ci si aspetta  semplici riforme ?
Sappiamo che stiamo solo all’inizio. Infine, penso che abbiamo percorso una lunga strada da quando un anno fa, la situazione politica in questo paese era completamente senza speranza. Siamo quindi soddisfatti che la “parola si sia liberata”. Per contro, non siamo stati ascoltati dal Makhzen, che viste le riforme proposte  o non ci ha preso sul serio nella nostra volontà di cambiare le cose, o assume il carattere arcaico del suo progetto nazionale . Continueremo ancora di più. L’irrigidimento del potere nelle ultime settimane (vedi le condanne irreali di Walid Banomane, e altri giovani di Taza) mostra che la resa dei conti è solo agli inizi, e personalmente penso che il futuro del Paese richieda qualche sacrificio. In ogni caso, esploderà in questo paese in un momento o un altro.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

maghrebmarocco

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenya: le proteste della generazione Z contro il presidente Ruto si allargano alle classi popolari

Nuove manifestazioni ieri in Kenya, organizzate dalle associazioni per i diritti civili e dai giovani della Generazione Z. Lo slogan delle piazze è: “Ruto se ne deve andare”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La crisi dell’UE, tra comitati d’affari e spinte geopolitiche

Il terremoto che sta sconvolgendo il Parlamento Europeo dopo l’affaire Qatar odora di “tangentopoli” europea. Lo spettro dell’inchiesta si allarga di giorno in giorno e la vera preoccupazione generale dei politici di ogni schieramento è che salti tutto.

Immagine di copertina per il post
Culture

Geopolitica della qualificazione del Marocco

Dopo aver sconfitto il Portogallo il Marocco è alle semifinali contro la Francia. Un match estremamente simbolico esattamente quanto quelli che l’hanno preceduto. Le ripetute vittorie hanno generato festeggiamenti in ogni angolo del continente africano e anche in molte periferie d’Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Marocco: indignazione per le violenze della polizia contro gli insegnanti che protestano

Il 16 marzo a Rabat centinaia di inseganti a contratto sono scesi in piazza per protestare contro le condizioni di lavoro. La polizia ha disperso la folla brutalmente creando un moto di indignazione nel paese.   Gli insegnanti a contratto, che si definiscono “educatori a contratto forzato”, hanno iniziato il loro sciopero nel 2019, chiedendo […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La normalizzazione tra Israele e Marocco affonda palestinesi e saharawi

Nuova batosta diplomatica per Abu Mazen. Ma l’Amministrazione Usa uscente ha anche riconosciuto la sovranità del Marocco sul Sahara occidentale cancellando le aspirazioni del popolo saharawi Re Mohammed VI, Donald Trump e Benjamin Netanyahu di Michele Giorgio – Il Manifesto Roma, 11 dicembre 2020, Nena News – L’ennesima sorpresa dell’Amministrazione Trump a favore di Israele […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Aggressione del Marocco al Sahara Occidentale

In seguito ad un’operazione militare lanciata dal Marocco in Sahara Occidentale, il Fronte Polisario ha dichiarato la guerra e la ripresa della lotta per la propria autodeterminazione. Lo scorso 13 novembre ha avuto inizio una nuova fase del conflitto che oppone il Marocco alla Repubblica Araba Sahrawi Democratica (RASD), 29 anni dopo il cessate il fuoco raggiunto tra le parti in […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Marocco: il virus e la crisi economica scatenano le proteste

A causa dell’acuta crisi socio-economica in Marocco, causata dalle ripercussioni della disastrosa gestione pubblica e dalle conseguenze della pandemia globale di Covid-19, migliaia di manifestanti sono scesi nelle strade principali di Rabat e di Casablanca. Secondo le immagini condivise sui social network, i giovani marocchini colpiti dalla disoccupazione e dalla repressione della polizia, hanno bruciato […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Giornalista marocchino rischia un anno di carcere per un tweet

Omar Radi, attivista e giornalista marocchino è stato fermato due giorni fa a Casablanca per un tweet. Omar, attivo nelle lotte sociali del 2011, aveva criticato sui social più di un anno fa, la sentenza contro il movimento del Rif, il movimento per la giustizia sociale del Marocco del nord duramente represso dalla monarchia. Adesso […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Torino. Aggiornamenti e corteo in solidarietà con le lotte nel Rif

Martedì 26 Giugno si è conclusa, con condanne molto pesanti, la prima fase del processo contro gli attivisti del movimento Hirak, arrestati nel corso delle mobilitazioni avvenute durante la primavera e l’estate del 2017. Chi, in Marocco, decide di prendere parte a manifestazioni lo fa con la consapevolezza di essere sotto lo sguardo attento di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Marocco: violenti scontri a Jerada contro povertà e disoccupazione

A Jerada – città nel nord-est del Marocco – la popolazione si è scontrata violentemente con la polizia nel corso di una protesta contro la povertà e la marginalizzazione economica. Jerada, capoluogo dell’omonima provincia nordorientale al confine con l’Algeria, per anni ha costruito la sua economia attorno all’attività estrattiva del carbone. Con la chiusura delle […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Marocco. Terza vittima in miniera, esplode la protesta

Un 32enne è morto giovedì a Jerada nelle “miniere della morte”, a dicembre avevano perso la vita due fratelli. Nella regione marginalizzata dal governo centrale migliaia tornano in piazza Roma, 3 febbraio 2018, Nena News – La terza vittima in poco più di un mese nelle “miniere della morte” ha riportato nelle piazze migliaia di persone […]