HPG rende omaggio a tre guerrigliere cadute.

Stampa

L'HPG rende omaggio alle guerrigliere Gulan Hêmin, Mizgîn Cigerxwîn e Sozdar Feraşîn cadute come martiri dopo il bombardamento da parte dell'esercito turco delle zone di difesa di Medya nel settembre 2020. 

||||
|||| ||||

Il Centro Stampa delle Forze di Difesa del Popolo (HPG) ha pubblicato i nomi di tre donne guerrigliere cadute come martiri nel bombardamento da parte dell'esercito turco delle zone di difesa di Medya nel Kurdistan del Sud il 25 settembre 2020. Le informazioni sull'identità delle guerrigliere sono le seguenti:

Nome in codice: Gulan Hêmin

Nome e cognome: Zilan Gök

Luogo di nascita: Mûş

Nome del padre e della madre: Gülazer – Abdulmenaf

Data e luogo del martirio: 25/9/2020 / Medya Defense Areas

Nome in codice: Mizgîn Cigerxwîn

Nome e cognome: Şehnaz Okşamak

Luogo di nascita: Amed

Nome della madre e del padre: Emine - Metin

Data e luogo del martirio: 25/9/2020 / Medya Defense Areas

Nome in codice: Sozdar Feraşîn

Nome e cognome: Emine Bor

Luogo di nascita: Van

Nome del padre e della madre: Behiye - Yusuf

Data e luogo del martirio: 25/9/2020 / Medya Defense Areas

Il comunicato dell'HPG ha detto: "Gulan Hêmin è nata a Malazgirt nella provincia di Mûş come figlia di una famiglia patriottica curda. Ha fatto il suo primo incontro con il movimento di liberazione curdo quando era una bambina. Formata dalla volontà di far parte di questo movimento, di resistere al dominio maschile e statale sulle donne del Kurdistan, di crearsi di nuovo e di dare così un contributo importante alla lotta di liberazione, la nostra compagna Gulan si è unita alle file della Guerriglia".

gulan.jpg

La dichiarazione continuava: "Mizgîn Cigerxwîn è nata nel distretto di Silvan vicino ad Amed come figlia di una famiglia tradizionale di lavoratori. È cresciuta in un ambiente afflitto da un'oppressione ostile e ha incontrato da bambina il volto disumano dello stato turco genocida".

mizgin.jpg

L'HPG ha continuato: "Sozdar Feraşîn è nato a Van da una famiglia patriottica. Quando aveva due anni, sua madre fu arrestata. Come risultato, ha trascorso la sua infanzia dietro le mura della prigione del regime turco. In questo modo ha conosciuto il volto disumano dello stato turco, ha sperimentato l'oppressione ed è cresciuta con i sentimenti di odio e di rabbia che questo ha causato".

sozdar ferasin.jpg

Tradotto da https://anfenglish.com/kurdistan/

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons