InfoAut
Immagine di copertina per il post

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.

tradotto da ANF

Il 12 gennaio, i guerriglieri delle HPG e delle YJA Star hanno portato a termine l’Operazione Rivoluzionaria Şehîd Helmet Dêraluk nella regione di Zap, nelle Zone di Difesa Medya controllate dalla guerriglia, nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale). La catena montuosa Girê Amêdîyê, di importanza strategica, si trova nella parte occidentale del fronte di Zap, che dalla scorsa estate è nuovamente al centro della guerra nel Kurdistan meridionale nell’ambito di una nuova operazione di occupazione da parte dello Stato turco. È una delle aree di guerriglia della regione da cui le truppe d’invasione della Turchia si sono ritirate alla fine del 2022.

Gerîla TV ha pubblicato un video documentario di settanta minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria condotta nell’area di resistenza di Girê Amêdîyê. Almeno 61 soldati sono stati uccisi, altri 4 sono stati feriti, decine di armi e una grande quantità di equipaggiamento militare sono stati confiscati e tutto il resto è stato distrutto dal fuoco durante l’operazione rivoluzionaria.

Il governo turco e i media da esso controllati hanno nascosto la reale portata dell’operazione e le elevate perdite subite dall’esercito. Allo stesso tempo, è stato dichiarato che un alto numero di guerriglieri è stato ucciso, cosa che secondo l’HPG non è vera. “Durante l’operazione rivoluzionaria e nei giorni successivi, i nostri compagni Serxwebûn e Rizgar sono caduti in una coraggiosa battaglia. Non abbiamo subito altre perdite. Le informazioni fornite dal regime fascista dell’AKP/MHP e dall’esercito turco sono una completa menzogna”, ha annunciato l’HPG il 14 gennaio.

“L’operazione rivoluzionaria Şehîd Helmet Dêraluk ha inferto un duro colpo all’esercito turco invasore e ha scosso il regime fascista dell’AKP-MHP. Il regime fascista dell’AKP-MHP e i media speciali di guerra hanno nascosto le proprie perdite per superare lo shock del colpo e per impedire che la verità della guerra venisse riflessa dal pubblico. Allo stesso tempo, ha affermato di aver inflitto molte perdite alle nostre forze armate effettuando bombardamenti aerei e terrestri casuali. Tuttavia, le dichiarazioni del regime fascista dell’AKP-MHP, delle sue autorità e dell’esercito turco sono completamente false. I nostri compagni Serxwebûn e Rizgar, che hanno combattuto eroicamente durante l’operazione rivoluzionaria e nei giorni successivi, sono caduti come martiri, e noi non abbiamo subito altre perdite oltre a quelle di questi compagni”, si legge nella dichiarazione dell’HPG del 14 gennaio.

La dichiarazione afferma che: “Innanzitutto, le misure di protezione adottate dall’esercito turco, come trappole esplosive, attrezzature militari e filo spinato, sono state disattivate dalle nostre forze professionali dell’operazione rivoluzionaria. Nell’operazione rivoluzionaria, che è iniziata con tattiche di attacco e infiltrazione completamente su iniziativa delle nostre forze, tutti gli occupanti dell’area di resistenza di Girê Amediyê sono stati presi di mira simultaneamente. Le nostre forze operative rivoluzionarie hanno esaminato i corpi di 20 invasori, hanno chiarito e documentato la loro morte. Anche altri luoghi appartenenti agli invasori sono stati efficacemente colpiti con armi pesanti, medie automatiche e individuali. Le nostre forze operative rivoluzionarie professionali hanno confiscato 4 casse di granate, lanciagranate e palle di cannone appartenenti agli invasori e le hanno utilizzate contro gli invasori e hanno sparato al nemico con le loro stesse armi.

Secondo l’HPG, nel corso dell’operazione rivoluzionaria è stata confermata la morte di 61 soldati e il ferimento di altri quattro. Anche molti soldati nelle tende sono stati uccisi, ma non è stato possibile chiarirne il numero. In questa operazione rivoluzionaria, le nostre forze hanno incendiato e distrutto 3 container, 11 postazioni, 2 punti logistici, 1 punto di munizioni, 1 sistema di comunicazione, 1 generatore, 1 sistema radar, 1 telecamera di sorveglianza normale, 1 telecamera di sorveglianza termica, 2 fucili A4, 2 fucili lanciagranate a catena larga e 8 telefoni cellulari appartenenti agli invasori.

I guerriglieri hanno sequestrato agli invasori quanto segue: 7 armi individuali MPT-55, 250 proiettili per armi MPT-55, 4 lanciagranate a tamburo, 1 lanciagranate singolo, 2 armi automatiche medie BKC, 200 proiettili per armi automatiche medie BKC, 5 binocoli termici, 7 binocoli notturni, 2 laser per armi, 5 cannocchiali per armi, 1 spotter per armi, 2 dispositivi di comunicazione e 1 batteria di ricambio, 2 fari, 2 coltelli, 3 bombe fumogene, 5 batterie per binocoli termici, 3 giubbotti d’assalto corazzati, 2 cappotti militari e 2 cuffie.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

erdoganesercito turcoguerrigliairaqKURDISTAN IRAQ

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: continuano gli attacchi turchi. La testimonianza di una donna curda dal campo di Washokani

Proseguono i bombardamenti turchi sull’Amministrazione autonoma della Siria del nord e dell’est, Rojava.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

HSM: l’azione ad Ankara è stata condotta dalla Brigata degli Immortali

Se il regime dell’AKP/MHP non fermerà i suoi crimini genocidi e fascisti, le azioni legittime nel senso della giustizia rivoluzionaria continueranno, ha avvertito l’HSM.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Protesta contro l’adesione della Svezia alla NATO a Stoccolma

A Stoccolma si è svolta una manifestazione contro l’adesione della Svezia alla NATO e i relativi impegni nei confronti della Turchia. I partecipanti portavano bandiere del PKK e chiedevano il rilascio di Abdullah Öcalan.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: si intensificano su tutti i fronti gli attacchi degli stati-nazione contro la rivoluzione confederale

Sebbene il movimento rivoluzionario per la libertà attivo in Kurdistan sia costantemente sotto la minaccia non soltanto della Turchia, ma di tutti gli stati-nazione capitalisti dell’area, i movimenti di truppe che negli ultimi giorni si stanno verificando su tutti i lati di questo accerchiamento, uniti all’intensificarsi, di settimana in settimana, degli attacchi, su più fronti, fanno temere un’ulteriore escalation e devono essere seguiti con attenzione per diversi motivi.