InfoAut
Immagine di copertina per il post

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.

tradotto da ANF

Il 12 gennaio, i guerriglieri delle HPG e delle YJA Star hanno portato a termine l’Operazione Rivoluzionaria Şehîd Helmet Dêraluk nella regione di Zap, nelle Zone di Difesa Medya controllate dalla guerriglia, nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale). La catena montuosa Girê Amêdîyê, di importanza strategica, si trova nella parte occidentale del fronte di Zap, che dalla scorsa estate è nuovamente al centro della guerra nel Kurdistan meridionale nell’ambito di una nuova operazione di occupazione da parte dello Stato turco. È una delle aree di guerriglia della regione da cui le truppe d’invasione della Turchia si sono ritirate alla fine del 2022.

Gerîla TV ha pubblicato un video documentario di settanta minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria condotta nell’area di resistenza di Girê Amêdîyê. Almeno 61 soldati sono stati uccisi, altri 4 sono stati feriti, decine di armi e una grande quantità di equipaggiamento militare sono stati confiscati e tutto il resto è stato distrutto dal fuoco durante l’operazione rivoluzionaria.

Il governo turco e i media da esso controllati hanno nascosto la reale portata dell’operazione e le elevate perdite subite dall’esercito. Allo stesso tempo, è stato dichiarato che un alto numero di guerriglieri è stato ucciso, cosa che secondo l’HPG non è vera. “Durante l’operazione rivoluzionaria e nei giorni successivi, i nostri compagni Serxwebûn e Rizgar sono caduti in una coraggiosa battaglia. Non abbiamo subito altre perdite. Le informazioni fornite dal regime fascista dell’AKP/MHP e dall’esercito turco sono una completa menzogna”, ha annunciato l’HPG il 14 gennaio.

“L’operazione rivoluzionaria Şehîd Helmet Dêraluk ha inferto un duro colpo all’esercito turco invasore e ha scosso il regime fascista dell’AKP-MHP. Il regime fascista dell’AKP-MHP e i media speciali di guerra hanno nascosto le proprie perdite per superare lo shock del colpo e per impedire che la verità della guerra venisse riflessa dal pubblico. Allo stesso tempo, ha affermato di aver inflitto molte perdite alle nostre forze armate effettuando bombardamenti aerei e terrestri casuali. Tuttavia, le dichiarazioni del regime fascista dell’AKP-MHP, delle sue autorità e dell’esercito turco sono completamente false. I nostri compagni Serxwebûn e Rizgar, che hanno combattuto eroicamente durante l’operazione rivoluzionaria e nei giorni successivi, sono caduti come martiri, e noi non abbiamo subito altre perdite oltre a quelle di questi compagni”, si legge nella dichiarazione dell’HPG del 14 gennaio.

La dichiarazione afferma che: “Innanzitutto, le misure di protezione adottate dall’esercito turco, come trappole esplosive, attrezzature militari e filo spinato, sono state disattivate dalle nostre forze professionali dell’operazione rivoluzionaria. Nell’operazione rivoluzionaria, che è iniziata con tattiche di attacco e infiltrazione completamente su iniziativa delle nostre forze, tutti gli occupanti dell’area di resistenza di Girê Amediyê sono stati presi di mira simultaneamente. Le nostre forze operative rivoluzionarie hanno esaminato i corpi di 20 invasori, hanno chiarito e documentato la loro morte. Anche altri luoghi appartenenti agli invasori sono stati efficacemente colpiti con armi pesanti, medie automatiche e individuali. Le nostre forze operative rivoluzionarie professionali hanno confiscato 4 casse di granate, lanciagranate e palle di cannone appartenenti agli invasori e le hanno utilizzate contro gli invasori e hanno sparato al nemico con le loro stesse armi.

Secondo l’HPG, nel corso dell’operazione rivoluzionaria è stata confermata la morte di 61 soldati e il ferimento di altri quattro. Anche molti soldati nelle tende sono stati uccisi, ma non è stato possibile chiarirne il numero. In questa operazione rivoluzionaria, le nostre forze hanno incendiato e distrutto 3 container, 11 postazioni, 2 punti logistici, 1 punto di munizioni, 1 sistema di comunicazione, 1 generatore, 1 sistema radar, 1 telecamera di sorveglianza normale, 1 telecamera di sorveglianza termica, 2 fucili A4, 2 fucili lanciagranate a catena larga e 8 telefoni cellulari appartenenti agli invasori.

I guerriglieri hanno sequestrato agli invasori quanto segue: 7 armi individuali MPT-55, 250 proiettili per armi MPT-55, 4 lanciagranate a tamburo, 1 lanciagranate singolo, 2 armi automatiche medie BKC, 200 proiettili per armi automatiche medie BKC, 5 binocoli termici, 7 binocoli notturni, 2 laser per armi, 5 cannocchiali per armi, 1 spotter per armi, 2 dispositivi di comunicazione e 1 batteria di ricambio, 2 fari, 2 coltelli, 3 bombe fumogene, 5 batterie per binocoli termici, 3 giubbotti d’assalto corazzati, 2 cappotti militari e 2 cuffie.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

erdoganesercito turcoguerrigliairaqKURDISTAN IRAQ

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La guerra su Gaza ha privato 800 mila studenti del “diritto all’istruzione”, afferma l’Ufficio dei media di Gaza

Gaza. Almeno 800 mila studenti sono stati privati dell’istruzione a causa del protrarsi dell’offensiva israeliana contro la Striscia di Gaza, durata mesi, ha dichiarato sabato l’Ufficio dei media di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Senza acqua né cibo e in “condizioni inumane”, così sono stati i giorni in prigione per aver marciato contro la Legge Basi

Sofía Ottogalli si sente una perseguitata politica. Lei, insieme ad altre 32 persone, è stata detenuta la settimana scorsa mentre protestava al Congresso contro la Legge Basi che è promossa dal Governo di Javier Milei.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unità operativa rivoluzionaria di guerriglieri a Zap: “Noi non ci arrenderemo, ma il nemico sì”

Gerîla TV ha pubblicato un filmato del gruppo d’azione Girê Şehîd Pîrdogan che ha preso parte all’operazione rivoluzionaria per espellere l’esercito turco dalla regione occidentale di Zap, nelle zone di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: l’ipocrisia di Erdogan e il ruolo di Ankara in Medio Oriente. Intervista a Murat Cinar

“La Turchia risulterà l’unico membro della famiglia Nato ad avere un dialogo con Hamas?”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: continuano gli attacchi turchi. La testimonianza di una donna curda dal campo di Washokani

Proseguono i bombardamenti turchi sull’Amministrazione autonoma della Siria del nord e dell’est, Rojava.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

HSM: l’azione ad Ankara è stata condotta dalla Brigata degli Immortali

Se il regime dell’AKP/MHP non fermerà i suoi crimini genocidi e fascisti, le azioni legittime nel senso della giustizia rivoluzionaria continueranno, ha avvertito l’HSM.