InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cop28 a Dubai: una comoda copertura per la repressione

I media e i politici occidentali difenderanno i diritti umani negli Emirati Arabi Uniti,  come non hanno invece fatto in Egitto?

Fonte: English version

Ddl – 18 novembre 2022

Immagine di copertina: Lo skyline di Dubai  – 20 giugno 2022 (AFP)

Una delle stranezze della conferenza sul clima Cop27 è stata la scarsa copertura mediatica occidentale della brutale situazione dei diritti umani in Egitto. In virtù del suo essere cittadino britannico, il caso dell’attivista Alaa Abd el-Fattah ha assicurato un certo livello di consapevolezza, e questa è una buona cosa. È un combattente estremamente coraggioso che merita molto di più del tiepido sostegno che lui e la sua famiglia hanno ricevuto dal governo britannico.

 Gli Emirati Arabi Uniti sanno sicuramente che il cambiamento climatico è un ottimo strumento da usare come arma

Ma Fattah è solo uno tra i circa 60.000 prigionieri politici detenuti in condizioni terribili nel complesso di prigioni che il regime egiziano usa per reprimere il dissenso. E mentre il suo sciopero della fame e la decisione di smettere di bere acqua – che avrebbe potuto portarlo alla morte – hanno attirato l’attenzione dei media, a malapena si è fatto cenno alle migliaia di altri prigionieri senza nome. O agli altri milioni a cui sono negate le libertà fondamentali in uno degli stati più repressivi del mondo.

La scarsità di copertura mediatica delle preoccupazioni sui diritti umani in Egitto contrasta con la tempesta di critiche che si è abbattuta sul Qatar durante la Coppa del Mondo 2022. Era, forse, inevitabile che uno dei più grandi eventi sportivi del mondo, che si svolgeva per la prima volta in uno stato musulmano del Medio Oriente, attirasse un’attenzione così rigorosa.

Il prossimo anno, Dubai ospiterà la Cop28. Gli Emirati Arabi Uniti sanno sicuramente che il cambiamento climatico è un ottimo strumento da usare come arma, una comoda copertura per i regimi autoritari per nascondere le violazioni dei diritti umani, presentando al contempo una facciata di preoccupazione e impegno per affrontare le crisi ambientali globali.

Giocatori critici

In vista della Cop27 nella città egiziana di Sharm el-Sheikh, il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti ha affermato che il prossimo anno il suo stesso paese “guiderà un approccio ambizioso, inclusivo e orientato alle soluzioni nel vertice globale sul clima del 2023”, come ha riportato riporta il quotidiano Asharq Al-Awsat. E questo non è un atteggiamento vano: le compagnie energetiche statali del Golfo, tra cui la Abu Dhabi National Oil Company e la Saudi Aramco, sono attori fondamentali nella corsa al raggiungimento dello zero netto. Il mondo ha bisogno di queste aziende per avere successo nella lotta ai cambiamenti climatici

Quindi, i media occidentali che si sono indiganti per il  Qatar e la Coppa del Mondo, presteranno  la stessa attenzione alle violazioni dei diritti umani negli Emirati Arabi Uniti? Non sono uno scommettitore, ma se lo fossi, non  punterei dei soldi.

Il robot della polizia FOTOA è sull’attenti nel centro di Dubai a maggio 2017 (AFP)

Gli Emirati Arabi Uniti sono uno degli stati più pesantemente sorvegliati al mondo. Solo Dubai vanta decine di migliaia di telecamere altamente sofisticate che monitorano costantemente i suoi cittadini. Le leggi sulla criminalità informatica, applicate rigorosamente, vengono utilizzate per sorvegliare Internet  e per  reprimere i sentimenti anti-regime.

E poi ci sono quelli che sono stati incarcerati: l’attivista per i diritti umani Ahmed Mansoor, l’economista Nasser bin Ghaith, decine di dissidenti nel caso “UAE 94”, e molti altri, tra cui Alia Abdulnoor, incarcerata per aver raccolto fondi per donne e bambini  intrappolati nella guerra civile siriana.

Secondo quanto riferito, le sono state negate le cure oncologiche, ed è morta incatenata a un letto d’ospedale.

Proteste nascoste

Ciò che manca agli Emirati Arabi Uniti in termini di numero assoluto di prigionieri politici rispetto all’Egitto, è più che compensato dal modo crudele e barbaro in cui rapisce, detiene, tortura e condanna attivisti per i diritti umani, cittadini comuni e critici del regime.

Mentre emergiamo dalla Cop27, dove i manifestanti internazionali sono stati nascosti a Sharm el-Sheikh e altrove nel paese, e gli attivisti per il clima sono stati arrestati, possiamo guardare alla prossima  edizione di questo evento negli Emirati Arabi Uniti dove, ci viene detto, fiorisce la tolleranza.

Dubai consentirà proteste per il clima nelle strade cittadine o proteste virtuali online? La pretesa di tolleranza degli Emirati sarà messa alla prova in modo significativo? Conosciamo la risposta, così come sappiamo che tutti coloro che sono detenuti nelle carceri, scontando condanne lunghe e politicamente motivate, non riceveranno nulla che si avvicini alla giustizia.

La domanda che rimane è: i media ei politici occidentali accetteranno questo gioco, condividendo  la linea che è stata così facilmente accettata a Sharm el-Sheikh? Consentiranno all’agenda sul cambiamento climatico di diventare, ancora una volta, una comoda copertura per regimi autoritari ferocemente repressivi? Temo di conoscere già la risposta.

Bill Law è l’editore di Arab Digest. Giornalista pluripremiato, ha riferito ampiamente dal Medio Oriente e dal Nord Africa per la BBC. Oltre a numerosi documentari radiofonici, i suoi film si sono concentrati sulla primavera araba e sulle sue conseguenze. Ha anche riferito dall’Africa occidentale e centrale, dall’Afghanistan, dall’India e dal Pakistan. Prima di lasciare la BBC nel 2014, Law era l’analista del Golfo della società. Ora gestisce TheGulfMatters.com, fornendo analisi e giornalismo incentrato sugli stati del Golfo e sul più ampio Medio Oriente.

Traduzione di Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” – Invictapalestina.org

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Cop 28CRISI CLIMATICADubaiemirati arabi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fiumicino: bloccato il terminal della Turkish Airlines in solidarietà al Rojava sotto attacco

Bloccato ieri mattina il check-in Turkish-Airlines a Fiumicino. Una iniziativa di sostegno e solidarietà al Rojava sotto attacco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

COP27: l’agenda climatica di Israele è un “greenwashing” della sua occupazione di terre palestinesi?

Senza giustizia climatica per i palestinesi e per le minoranze arabe in patria, la strategia di Israele di utilizzare l’ambiente come trampolino di lancio per la cooperazione politica ed economica con i vicini equivale a un greenwashing del suo scarso record di diritti umani.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Come la pandemia ha cambiato il panorama del lavoro organizzato negli USA

La prospettiva dell’intreccio tra crisi sociale e crisi climatica e la centralità assunta da relativamente nuovi settori del lavoro contemporaneo accanto a mansioni più tradizionali ci paiono spunti di ragionamento fondamentali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: su Radio Onda d’Urto le corrispondenze dalla Siria del Nord e dell’Est, ancora sotto attacco turco

Radio Onda d’Urto è in Rojava, territorio della Siria del Nord e dell’Est che da dieci anni sperimenta l’autogoverno mettendo in pratica i principi del confederalismo democratico. Un territorio ancora una volta sotto attacco militare da parte dello Stato turco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Muore Hebe de Bonafini, storica presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo e simbolo mondiale della lotta per i diritti umani

La presidente delle Madri di Plaza de Mayo, Hebe de Bonafini, è morta domenica all’età di 93 anni, secondo fonti vicine all’attivista per i diritti umani.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: le forze israeliane attaccano e demoliscono scuole. A Hebron aggrediti brutalmente studenti e insegnanti

L’apartheid israeliana ha molti volti. Uno di questi è quello della persecuzione contro i giovani e giovanissimi palestinesi e l’attacco agli istituti della loro formazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bombardamenti turchi in Rojava e Iraq contro il Confederalismo Democratico

Gli aerei da guerra dello Stato turco hanno bombardato la parte occidentale della Siria settentrionale e orientale: Kobanê e il villaggio di Belûniyê a Shehba, a sud-ovest di Kobanê. E’ stato colpito anche il villaggio di Teqil Beqil, vicino a Qereçox a Dêrik, nella parte orientale del Rojava e i magazzini di grano di Dehir Ereb, a nord-est di Zirgan.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: La polizia reprime una marcia in onore di un dirigente mapuche assassinato dai carabinieri nel 2018

La Polizia di Santiago (Cile) ha utilizzato la violenza per reprimere e disperdere le manifestazioni realizzate questo lunedì per il quarto anniversario dell’assassinio del comunero mapuche Camilo Catrillanca, che morì dopo che i carabinieri gli spararono alle spalle.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lavoro sottopagato, vita carissima e ambiente devastato

“La verità è che né l’umanità è colpevole della crisi ecologica né la natura e la società sono cose separate. In realtà, i corpi della classe lavoratrice vengono sfruttati nello stesso modo del resto della natura.” Il presente testo è la traduzione di un articolo di Rubén Martínez e Carme Arcarazo (La Hidra Cooperativa) pubblicato […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Civiltà ecologica, rivoluzione ecologica. Una prospettiva ecologico-marxista

Sui nessi tra civiltà ecologica, marxismo ecologico e rivoluzione ecologica, e dei modi in cui i tre concetti, qualora considerati insieme dialetticamente, possano essere intesi nella direzione di una nuova prassi rivoluzionaria per il XXI secolo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ciampino: occupato il terminal dei jet privati contro il lusso climaticida

In Europa il 50% della Co2 emessa dall’aviazione è da attribuire all’1% più ricco della popolazione che si sposta su jet privati. In Italia in un anno è stata calcolato che i jet privati emettono tanta Co2 quanta quella prodotta da quasi 20.000 persone che si spostano.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il ghiacciaio del Gran Paradiso sta sparendo. Persi oltre 200 metri nell’ultimo anno

Il ghiacciaio si è ritirato di 209,5 metri rispetto al 2021, secondo le rilevazioni effettuate dal Corpo di sorveglianza del Parco.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il peso degli eserciti e delle spese militari sull’aggravarsi della crisi climatica

Il comparto militare è tra i principali responsabili a livello globale delle emissioni climalteranti ma non sta facendo nulla per ridurre il proprio impatto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Contro il capitalismo del disastro

«La decrescita nella sfera materiale dell’economia è un dato. Il declino di energie e materiali, o la diminuzione delle raccolte che vengono colpite dal cambiamento climatico o i problemi dell’acqua sono fatti. Né il modello alimentare attuale, né quello dei trasporti, né quello energetico, né il consumo potranno essere sostenuti in un contesto di contrazione materiale. Subire contrazione materiale nell’ordine economico e politico attuale, senza trasformare i rapporti che esistono al suo interno, vuol dire mettere la politica nella zattera della Medusa, dove le uniche possibilità sono uccidere o morire.»

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: scommessa vinta per il movimento No Bassines: più di 7000 invadono il sito di Sainte-Soline!

A Sainte-Soline, nelle paludi di Poitevin, più di 7000 oppositori ai mega-bacini si sono riuniti sabato scorso prima di riuscire a entrare nel cantiere del più grande bacino in costruzione, nonostante i pesanti divieti e una presenza di polizia senza precedenti.