InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso. Allo stesso modo, altre organizzazioni piquetere hanno informato di situazioni simili nei loro locali pubblici.

In nessuno dei casi ci sono stati arresti ma sono stati sequestrati cellulari e materiale amministrativo delle organizzazioni. La scusa per questa nuova scalata repressiva sembrerebbe motivata dal fatto di castigare la mobilitazione realizzata pochi giorni dopo l’assunzione dell’incarico da parte del presidente Javier Milei, quando il 20 dicembre migliaia di manifestanti marciarono verso Plaza de Mayo. L’etichetta della causa 4489/2023 parla di “coazione, estorsione e frode contro la pubblica amministrazione”, che in realtà significa un giro di vite sulle continue minacce che questo governo compie contro tutti e tutte quelle che si organizzano per difendere i propri diritti.

Secondo quanto è trapelato, le perquisizioni sarebbero 27 e sarebbero stati convocati a fare dichiarazioni 28 dirigenti sociali, stando all’istruzione del caso a carico del pubblico ministero Gerardo Pollicita, ma la punta di lancia di tutta questa operazione, che ovviamente conta sull’appoggio dei media egemonici della destra, è la ministra Patricia Bullrich. Lei stessa si è presa la briga di divulgare che in questi giorni il suo ministero “continua a ricevere denunce contro i referenti piqueteri”. La politica di invitare a denunciare chi il sistema giudica come suoi nemici, è uno strumento tipico dei governi fascisti.

In realtà, dietro queste politiche di aperta intimidazione delle organizzazioni sociali c’è l’idea di imporre “manu militari” le misure economiche del capitalismo selvaggio del governo, cercando di placare la protesta sociale. Dietro queste iniziative di pressione promosse dalla Bullrich, il cui protocollo “anti proteste” è stato convertito in un documento senza valore, c’è la frustrazione del governo per non aver potuto rompere il legame che unisce le organizzazioni sociali con i più poveri, che riconoscono e valutano che solo riunendosi possono difendersi da questi attacchi. Inoltre, influisce anche il risentimento e la rabbia che provocano al Governo le azioni delle e dei lavoratori, il successo dello sciopero generale della CGT e la mobilitazione piquetera ad Olivos con i 500 blocchi stradali in tutto il paese.

Denunciamo l’aumento repressivo della Bullrich e di Milei!

Ad oggi il governo nazionale ha deciso di andare avanti nell’aumento della repressione. In un’operazione senza precedenti dal ritorno della democrazia, si stanno portando a termine 27 perquisizioni alle mense popolari e ai domicili di dirigenti. Simultaneamente è stato sollecitato l’arresto preventivo di 28 referenti. Hanno montato, con false denunce, uno schema per andare avanti nella criminalizzazione dell’organizzazione sociale e popolare.

Non c’è modo che il violento aggiustamento che si porta avanti contro il nostro popolo in generale e contro i settori popolari in particolare, il piano di saccheggio dei beni comuni e l’osceno allineamento con gli Stati Uniti passi senza repressione contro noi che ci organizziamo a difesa della nostra patria.

Facciamo un appello all’unità per affrontare la sistematica pauperizzazione e per difendere le più elementari libertà democratiche.

Basta perseguitare coloro che lottano!

Blocco Sociale per il Lavoro

(FNT – Federazione Nazionale dei Lavoratori cooperativisti precarizzati e dell’economia sociale + CTD Anibal Veron)

13 maggio 2024

Resumen Latinoamericano

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinaMileiPIQUETEROSpolo obrero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’altra provocazione di Milei che annuncerà un indulto per i genocidi

Il presidente Javier Milei, su richiesta della sua vicepresidente Victoria Villarruel, ha deciso che il prossimo 24 marzo concederà un indulto a tutti i militari genocidi

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.