InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: Bastoni, proiettili, feriti e detenuti per inaugurare la Costituzione di Gerardo Morales

Violenta repressione a Jujuy contro i manifestanti che rifiutano la riforma.

La cerimonia di giuramento della nuova magna carta provinciale, che ha avuto un dibattito espresso e diminuisce il diritto alla protesta, ha fatto esplodere manifestazioni di lavoratori statali, docenti, movimenti sociali e popoli originari. Il governo del radicale Morales ha risposto con una selvaggia repressione, che ha fatto almeno 170 feriti e 69 detenuti. Le operazioni di polizia hanno incluso veicoli senza identificazione e inseguimenti nelle case e nei quartieri.

Laura Vales

Da San Salvador de Jujuy

Gerardo Morales ha inaugurato la sua nuova Costituzione con la provincia incendiata. Sindacati statali e di docenti, movimenti sociali e popoli originari hanno rifiutato nelle strade di San Salvador de Jujuy la riforma con cui il governatore ha limitato il diritto alla protesta, e che è accusata di preparare il terreno ad un’avanzata dell’affare del litio senza proteste né opposizione.

La cerimonia di giuramento di questa riforma costituzionale, che è stata approvata di fretta in tre settimane, e che lunedì Morales ha cercato di tornare a cambiare come se il testo costituzionale dipendesse solo dalla sua volontà, è sfociata in forti proteste. La risposta è stata una selvaggia repressione. Durante quattro ore la città è rimasta coinvolta in tumulti, e alla fine del giorno c’erano 69 persone detenute, alcune arrestate nella manifestazione e altre in successive retate poliziesche nei quartieri. Il messaggio disciplinatore dato da queste operazioni, in cui sono stati utilizzati veicoli senza identificazione, è stato rafforzato questa notte da un ordine della Giustizia Federale di sgombrare i blocchi stradali nelle località di Purmamarca, Libertador (Ledesma) e San Pedro.

video: https://www.pagina12.com.ar/560237-palos-balas-heridos-y-detenidos-para-inaugurar-la-constituci

“Abbiamo circa 170 feriti per le manifestazioni e gli scontri, uno dei quali è grave”, ha informato all’agenzia Télam Pablo Jure, direttore del servizio di emergenze Same a Jujuy. Una persona ha dovuto essere operata per l’impatto a bruciapelo di una cartuccia di gas e per lo meno altre due avevano ricevuto pallini negli occhi. Il clima nella provincia è di molta tensione di fronte alla possibilità di nuove operazione repressive nella Quebrada e nella Puna.

Sindacati, movimenti e comunità

Come suole succedere quando tutto è sul punto di saltare in aria, il giorno è scorso con una strana calma. Che era, in realtà, frutto della confusione: nessuno sapeva se questo martedì la riforma costituzionale sarebbe stata giurata -fatto che sembrava una pazzia, dato che alcune ore prima il governatore aveva fatto marcia indietro su vari suoi articoli-. Nemmeno era chiaro se ci sarebbe stato un atto ufficiale per presentare il nuovo testo in una teatro del centro, come era circolato durante il fine settimana. L’unica cosa sicura era che una intersindacale di sindacati avrebbe fatto una sbandierata e che, nel caso in cui la Costituzione fosse stata discussa -o nel caso in cui Morales effettuasse un atto per presentarla in società-, i sindacati e i movimenti si sarebbero radunati nel luogo dove questo sarebbe successo, per respingerlo.

La Legislatura jujegna si è svegliata recintata, e dalle undici del mattino i manifestanti hanno incominciato a mobilitarsi verso la zona.

La colonna sindacale più numerosa era costituita da docenti. Il settore ha marciato con il proprio repertorio di canti: “Morales, gatto / sei un ladrone, hai rubato all’educazione / hai mentito hai ingannato / tutto il popolo Morales gatto!”, cantavano in coro le maestre. Un altro molto ripetuto è stato: “Passo passo passo, viene il jujeñazo”.

I docenti sono in sciopero a tempo indeterminato per chiedere un aumento salariale. Sebbene il governatore dica di avergli fatto una buona offerta, che porta la base salariale a 179 mila pesos, i maestri prospettano che sono al di sotto della linea della povertà. “Vogliamo 200 mila pesos minimi”, ha detto nella protesta Silvia Vélez, la dirigente del sindacato Adep. I maestri denunciano che per la precarizzazione del settore ci sono lavoratori dell’educazione che stanno riscuotendo 45 mila pesos.

Nella colonna dei municipali del SEOM c’erano anche lavoratori della salute e statali della provincia. I sindacati sono arrivati fino a dove glielo ha permesso la recinzione, a un isolato dalla Legislatura. Dietro le sbarre era stata dispiegata un impressionante operazione di polizia.

Contro una seconda recinzione si sono riuniti i movimenti sociali e i partiti di sinistra, inclusi i congressisti del PTS, che giorni addietro, durante la discussione iniziale della riforma della Costituzione, si erano ritirati denunciando che gli era stato impossibile dibattere.

La repressione

Prima di mezzogiorno è incominciata a correre la notizia che la Costituzione era stata giurata. “L’hanno giurata, Morales l’ha fatta giurare ed è andata”, era la frase ripetuta. Allora, un gruppo di manifestanti ha abbattuto le recinzioni e ha proseguito il cammino verso la Legislatura.

Nella repressione che è seguita si sono viste due cose. Una, che la polizia era decisa ad un’azione senza freni: di nuovo ci sono state persone che hanno ricevuto spari di proiettili di gomma negli occhi. Un altro fatto importante è stato che sono stati portati via gli arrestati in autobus senza identificazione e ci sono stati arresti al volo. In mezzo agli scontri, un manifestante, che dopo sarebbe stato identificato come Nelson Mamani, è rimasto sparato sull’asfalto, in una pozza di sangue. Ieri lo hanno operato e rimane ricoverato.

La seconda cosa evidente è stata che le organizzazioni che erano in strada erano decise a rimanere. Così, mentre in un primo circolo accostato alla Legislatura gruppi di manifestanti tiravano pietre, incendiavano pneumatici, ricevevano i gas lacrimogeni e i proiettili di gomma e rovesciavano veicoli -ad un certo punto sono anche entrati nell’edificio della Legislatura-, ai bordi, a distanza dagli effetti dei gas, le colonne più grosse di manifestanti sono rimaste, sostenendo la loro presenza. Per questo i tumulti e la repressione sono durati tanto: più di quattro ore.

Ma anche una volta dispersa la protesta, la repressione non è cessata. La polizia è entrata con fuoristrada senza targa nei quartieri, dove gruppi di agenti sono entrati nelle abitazioni e hanno fatto nuovi arresti. Per questo nel carcere penale di Alto Comedero hanno continuato a portare arrestati anche nel pomeriggio. Per gli avvocati delle organizzazioni, l’impressione è stata che, se si sono fermati, è stato per mancanza di luoghi.

Alla Quebrada e alla Puna

Tra coloro che sono stati protagonisti delle proteste, l’opinione diffusa è che la nuova Costituzione sia stata redatta, fondamentalmente, per aumentare un modello estrattivista mantenendo disciplinata la popolazione. “L’obiettivo è fissare un nuovo ordine, adatto ad una nuova ondata di affari”, ha affermato nella protesta Nando Acosta, storico dirigente dei lavoratori statali di Jujuy e uno di coloro che hanno ricevuto pallini di gomma in viso. Come si sa, uno degli articoli della nuova Costituzione proibisce i blocchi stradali e l’occupazione di edifici pubblici. Un altro vieta l’indulto ai condannati “per corruzione”, fatto che fa pensare all’intenzione di mantenere in prigione Milagro Sala. Il rifiuto sociale, nonostante ciò, va molto al di là della limitazione del diritto a protestare.

Così lo hanno prospettato le comunità dei popoli originari, che anche se Morales gli “ha concesso” di cancellare gli articoli impugnati da loro (la riforma li lasciava a rischio di essere sgomberati per mancanza di titoli di proprietà comunale), hanno deciso di mantenere i blocchi stradali alla Quebrada e alla Puna.

Nella protesta ci sono stati rappresentanti di queste comunità. Néstor Jerez, capo del popolo Ocloya, ha affermato che il principale motivo per cui la rifiutano è che si è trattato di una riforma senza consultazione, e per questo c’è la convinzione che è fatta “per il saccheggio”. Tra i popoli originari circola l’idea di fare un Terzo Attacco Indigeno della Pace che porti le loro richieste nella Città di Buenos Aires.

La minaccia di repressione ora si trasferirà ai loro blocchi stradali. Il giudice federale Diego Matteucci ha emesso nell’ultima ora un ordine di sgombero dei picchetti che mantengono nelle località di Purmamarca, Libertador (Ledesma) e San Pedro, anche in rifiuto della nuova Costituzione.

I detenuti rimarranno questa notte ad Alto Comedero. Alla chiusura di questa edizione, al portone del carcere penale decine di persone con familiari che non avevano potuto ubicare i propri cari aspettavano di avere qualche notizia se fossero detenuti. L’avvocata Lorena Mamani, che insieme ad altri colleghi sono rimasti sul posto per assistere i detenuti, ha dichiarato che alcuni dei prigionieri sono stati accusati dei delitti di resistenza all’autorità, danni ai beni pubblici e di impedimento dei compiti dei funzionari pubblici, come tentativo. Un’accusa che sprizza cinismo, come chi dice al prigioniero poiché ha protestato “così e tutto, ma non ci sei riuscito”.

21 giugno 2023

Página/12

Traduzione a cura di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinacostituzioneJujuyrepressione

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“Ad Haiti c’è un caos pianificato, un piano del sistema neocoloniale”

Intervista ad Henry Boisrolín del Comitato Democratico Haitiano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il primo sciopero generale contro Milei e lo smantellamento dello stato

Javier Milei ha affrontato il suo primo sciopero generale soltanto dopo sei settimane dall’essersi insediato alla presidenza con un piano di governo che punta ad una riduzione minima dello stato, stabilendo un nuovo primato, dopo aver superato il primato di tre mesi che ostentava Fernando de la Rúa.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La camera approva la legge contro gli ecoattivisti

La Camera ha approvato definitivamente la legge per contrastare le azioni simboliche dei movimenti che si battono per la giustizia climatica contro monumenti e opere d’arte. Pene da due a cinque anni di reclusione e sanzioni da 20mila a 60mila euro.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Centinaia di denunce e fogli di via in tutta Italia a Extinction Rebellion.

Sono un centinaio le denunce, i fogli di via e gli avvisi orali notificati nelle ultime settimane a persone che hanno partecipato ad azioni di Extinction Rebellion negli ultimi mesi. “Chiamate persino la notte di Natale, per notificare denunce surreali e misure di prevenzione del codice antimafia a persone totalmente incensurate” riportano alcune di loro. Il movimento dichiara di aver iniziato le procedure di opposizione per via amministrativa e lancia una conferenza stampa davanti al Comune di Torino, mercoledì mattina, con avvocati e docenti di diritto di UniTo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia: l’attacco finale dello Stato contro il Rouvikonas

Da alcuni anni i militanti del collettivo vengono inquisiti sulla base di accuse false o pretestuose, che hanno come obiettivo la criminalizzazione dei movimenti e delle lotte sociali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La dittatura mineraria in tempi di democrazia elettorale

Le politiche estrattiviste hanno attraversato la “democrazia” argentina sotto tutti i governi, indipendentemente dal segno politico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Decine di migliaia di manifestanti hanno partecipato alla convocazione della CGT e dei movimenti sociali per protestare contro il DNU di Milei

Numerose organizzazioni di lavoratori e lavoratrici hanno marciato a Plaza Lavalle con la parola d’ordine “Abbasso il DNU” (Decreto di Necessità e Urgenza).