Vincenzo torna ai domiciliari, ma l'arresto è illegittimo!

Stampa

Oggi pomeriggio la digos di Bologna ha tratto agli arresti domiciliari Vincenzo con il pretesto di essere stato segnalato a Bologna, al di là dei permessi studio, contravvenendo così al divieto di dimora. La foga repressiva della procura di Bologna, scatenata contro i militanti antagonisti negli ultimi giorni, ha spinto le autorità fino all’arresto illegittimo di Vincenzo, in quanto si contestano al nostro compagno l’inosservanza di misure cautelari per cui non stava scontando il divieto di dimora. L’illegittimità dell’iniziativa repressiva è già stata impugnata dal nostro avvocato.

Prendiamo l’occasione per rivolgere la nostra solidarietà a Vincenzo e a tutti i compagni e le compagne che devono fronteggiare le aggressioni delle questure e delle procure che davanti alle istanze dei movimenti contro la crisi e l’austerità cercano tutti i mezzi per contrastare le giuste lotte per la giustizia sociale. L'autunno di lotta che i movimenti stanno costruendo dal nord al sud dell'Italia sono la migliore risposta alle autorità repressive che non sanno più con quali mezzi arginare fiumi che potrebbero straripare!

Noi continueremo a spalancare argini!

 

Liberi tutti! Libere tutte!

 

Lab Crash!

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons