InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il cuneo del reddito nel cerchio gialloverde

||||

È opinione diffusa in questi primi mesi di governo gialloverde che in un tempo piuttosto breve si manifesteranno le contraddizioni profonde tra le due componenti dell’esecutivo. Queste contraddizioni si possono descrivere con le difficoltà future nell’affrontare in maniera comune, figuriamoci a risolvere, le problematiche che realmente stanno a cuore alla popolazione e su cui il governo misurerà la propria tenuta. Ovvero quelle relative alla situazione economica.

Del resto le elezioni sono state vinte su flat tax, reddito di cittadinanza e riforma Fornero: hic Rhodus hic salta. Il tema delle migrazioni sarebbe da questo punto di vista destinato a svanire come importanza sul lungo periodo, dato che la foglia di fico della ’emergenza sbarchi’ sarebbe crollata insieme alle promesse elettorali al momento della prima bozza legge finanziaria. È una posizione che a nostro avviso va discussa e messa a critica affinché non porti ad un sostanziale immobilismo.

Al momento non possiamo infatti fare a meno di rilevare come non si sia ancora incrinato minimanente il consenso nei confronti dell’esecutivo da parte dell’ampio blocco sociale che lo ha portato alla vittoria. La cosa non cambierà realisticamente in un tempo molto breve. La ragione è che i disastri precedenti hanno lasciato un segno profondo: i fischi di Genova ai funerali per la tragedia del Morandi sono la manifestazione plastica dell’insofferenza e dell’odio associati al PD e agli esponenti del vecchio establishment, giustamente ritenuti responsabili delle politiche che hanno portato al disastro ligure.

La luna di miele con il ‘governo del cambiamento’ è ancora in corso, e i dati sulla percezione dell’emergenza migratoria la dicono lunga dell’importanza che il tema avrà anche nel medio periodo nel determinare le percezioni sociali. Non possiamo dunque aspettarci alcuna ripresa da parte delle ‘opposizioni’ che possa colpire il governo, sia in Parlamento che nelle piazze dell’associazionismo benpensante piddino.

Al momento l’unico scontro sembra essere quello interno tra poteri con l’inchiesta aperta dalla Magistratura sul caso Diciotti. Su questo va tenuto bene il punto: la magistratura non è e mai sarà alleata anche solo tattica dei movimenti. La sua azione, che realisticamente porterà a poco o niente, va tenuta separata in tutto e per tutto dal campo del conflitto sociale, che deve procedere nel delineare una nemicita’ capace di espungere dalla partita non solo il razzismo sfacciato gialloverde, ma anche il ritorno in gioco dei partiti della stabilità come il Partito Democratico con il suo arsenale di giudici e finanzieri. Con cui oggi come oggi è inaccettabile scendere in piazza, regalando una verginità in nome del frontismo democratico anti-Salvini che altro non fa che favorire il radicamento del leader leghista.

Il governo sembra insomma francamente molto stabile. Salvini, nonostante il passo falso sulla Diciotti registrato grazie anche alla determinazione e all’antirazzismo di classe dei manifestanti di Catania, ha buon gioco visti i sondaggi a ricattare di Maio sulla questione immigrazione, che i CinqueStelle non sembrano più gradire come elemento baricentrale dell’azione di governo. Il ministro del Lavoro è portato dai sondaggi che lo darebbero sconfitto in caso di nuove elezioni a una pratica di servilismo a Salvini, in un’ennesima manifestazione dell’opportunismo senza precedenti che ha dimostrato nell’affermare tutto e il contrario di tutto senza moralità alcuna (altro che lotta alla Kasta!)

È dunque interesse di DiMaio che il governo regga, ma i CinqueStelle hanno un grande problema. Ovvero lo scenario economico a venire, con una fuga di capitali imponente dall’Italia che fa prefigurare una serie di movimenti speculativi contro lo Stato. La fine del quantitative easing della Bce porterà nel prossimo futuro ad una grossa difficoltà nel finanziare il debito pubblico, preoccupando il governo che infatti ha lo sguardo rivolto verso la Cina dove il ministro dell’economia è ora in viaggio a mendicare quattrini. La situazione economica sembra intendere che le roboanti promesse elettorali si ridurranno probabilmente a piccole mancette, se non a sostanziosi tagli.

Realisticamente, il problema verrà scagliato dal governo nei confronti dei diktat assassini dell’unione europea, costruendo l’ennesimo nemico pubblico a sostegno del proprio immobilismo. Come riuscire a costruire opposizione al finto scontro tra governo ed Ue, tutto elettorale,diventerà allora cruciale. Rompere la tenaglia discorsiva tra ritorno alla sovranità e tecnocrazia liberista europea si prepara come la battaglia cruciale. Salvini, reduce non a caso dall’incontro con Orban, e Di Maio sembrano infatti voler un po’ più in là, al maggio 2019 di elezioni europee. È lì lo scontro cruciale per i due partiti, dove riuscire a guadagnare campo, o chissà una incredibile vittoria, per l’opzione sovranista di Orban, Kurz, LePen e Salvini, e dove proporsi come elemento di innovazione sistemica e rottamatore dei vecchi partiti, simbolo dell’austerita’ europeista degli ultimi 5 anni, per quanto riguarda Di Maio.

Per quanto ci riguarda, il dibattito sulla legge finanziaria potrebbe allora essere il primo momento in cui il governo può andare in difficoltà nella sua tenuta, di fronte al misurabile iato tra quanto promesso e quanto verrà effettivamente fatto. Forzare il tema del reddito, allargare le contraddizioni interne all’esecutivo in campo economico è all’ordine del giorno per i movimenti. Ma pure la scadenza europea avrà senza dubbio un peso sui mesi a venire di politica interna, e i due temi, legandosi tra loro, ci chiameranno in causa nelle piazze.

In tutta la UE la campagna elettorale si farà cercando di polarizzare il corpo elettorale sul tema migranti, in modo da ottenere una possibile maggioranza di forze anti immigrazione che tuttora non è però scontata, nonostante i fatti di Chemnitz fanno percepire una brutta aria in un paese decisivo a livello numerico di seggi come la Germania. L’estrema destra, di piazza e in doppio petto, è pronta con passerelle e comizi, se non con cortei, a mettersi in marcia in tutta Europa. E il febbraio antifascista appena passato potrebbe ripetersi con scala ancora maggiore, da noi come altrove..bisognerà farsi trovare pronti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

antirazzismoreddito

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: Reddito contro Rendita, tre giorni per il diritto all’abitare lancia la proposta di mobilitazione nazionale per il 19 ottobre

Dall’8 al 10 settembre si è svolta a Roma presso Metropolix la tre giorni “Reddito contro rendita. Dalla parte del diritto all’abitare.”

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Reddito contro Rendita. Dalla parte del diritto all’abitare

Dall’8 al 10 settembre si terrà a Roma a Metropoliz una importante tre giorni sull’abitare ed il reddito indetta dai Blocchi Precari Metropolitani. Di seguito riprendiamo l’appello.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ci vuole un reddito!!! 27 maggio Manifestazione nazionale a Roma

Sulle nostre spalle c’è tutto il peso della fatica quotidiana, di chi porta avanti il nostro Paese lavorando nei bar, nei magazzini, nei campi, nelle fabbriche.
Sulle nostre spalle la difficoltà di mettere insieme il pranzo con la cena per via del carovita, di affitti sempre più cari.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Nasce da Napoli una convergenza sociale a difesa del reddito e contro le politiche di sfruttamento e cancellazione dei diritti del Governo Meloni

Diverse centinaia di persone hanno partecipato all’assemblea popolare a difesa del reddito di cittadinanza e per la sua estensione che si è tenuta venerdì nel pieno centro storico di Napoli presso il cortile di Santa Chiara vicino Piazza del Gesù.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sciopero dalla formazione: uno sguardo studentesco sulle lotte in Francia.

All’interno del ciclo di mobilitazioni, scioperi e lotte che sta attraversando la Francia, una composizione che si è attivata in maniera diffusa e determinata è quella studentesca.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Reddito alimentare: l’importanza di un dibattito critico

Nell’ultima legge di Bilancio è stato introdotto il Fondo per la sperimentazione del Reddito alimentare. Si baserà sull’“erogazione, a soggetti in condizioni di povertà assoluta, di pacchi alimentari realizzati con l’invenduto della distribuzione alimentare”.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Manovra antisociale: la dignità del rifiuto

La questione del reddito di cittadinanza è uno dei temi centrali all’interno della manovra di bilancio del neo governo Meloni. Nel ritardo più assoluto nel chiudere la manovra entro l’anno il governo, tra uno strafalcione e l’altro, inizia a porre alcuni elementi sul tavolo, dichiarando quali sono le priorità e cosa sacrificare sull’altare della suddivisione della torta. Entro domattina all’alba la votazione dovrà essere conclusa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

LAVORO, REDDITO E CONSUMO (II)

Quale senso ha oggigiorno il lavoro salariato? Se la tendenza in Occidente è quella di un peso specifico sempre minore del lavoro salariato come componente fondamentale di riproduzione del capitale, come si mantiene la società dei consumi?  La risposta non è semplice, l’analisi delle attuali tendenze del mercato del lavoro, inducono ad immaginare lo sviluppo […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

LAVORO, REDDITO E CONSUMO (I)

Il lavoro, nella sua essenza di processo trasformativo, non è una prerogativa dell’essere umano; macchine e animali possono svolgere molte mansioni, ma soprattutto le macchine le quali, in ragione dell’avanzamento tecnologico, tendono a sostituire il lavoro umano.  Quindi il lavoro in sé, come fonte di profitto per chi lo utilizza, organizzandolo in un processo razionale, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Fuggire dal lavoro. “Prima che sia troppo tardi”

Questo vuol essere un breve commento ad un’intervista rilasciata per “De Heeling” (Olanda) da Marguerite van den Berg, autrice del saggio “werk is geen plossing” [Il Lavoro non è una soluzione]. L’autrice incomincia spiegando la genesi del suo libro, avvenuta in piena pandemia, sicuramente un periodo in cui sono emerse con più forza le contraddizioni […]