InfoAut
Immagine di copertina per il post

Bologna, riprende la lotta dei lavoratori Unibo

Nelle scorse settimane era stata ottenuta una prima vittoria, l’aumento della paga ai lavoratori di Palazzo Paleotti e l’assicurazione di continuità contrattuale e retributiva agli altri lavoratori CoopService. Ma questi sono accordi ancora tutti sulla carta, e inoltre non bastano ai lavoratori dato che non rispecchiano ancora, a livello di salario, le mansioni svolte effettivamente dai lavoratori.

Sin dalla mattina allora alle 7 sono ricominciati i picchetti davanti a Palazzo Paleotti e al 32 (sede del dipartimento di Italianistica), mentre i civici 34 e 36 erano chiusi a causa dell’astensione totale dal lavoro dei manifestanti, che erano invece in piazza sotto l’occhio della digos, quella stessa digos che si scoprirà qualche ora dopo ha emesso le prime denunce nei confronti di studenti solidali che avevano partecipato negli scorsi giorni ai primi picchetti contro CoopService.

Diversi docenti hanno solidarizzato oggi con la protesta dei lavoratori, tenendo all’esterno le loro lezioni e esprimendosi contro le condizioni lavorative subite da chi giorno dopo giorno assicura il funzionamento dell’università. Il modello Poletti dello sfruttamento a guida LegaCoop che vige in università è lo stesso contro il quale 30.000 persone sono scese in piazza sabato 12 aprile, in una giornata solo parte di un percorso di contestazione al governo Renzi.

Un percorso che vede già nell’11 luglio la prossima giornata di lotta, che andrà costruita con percorsi continuativi di lotta sul territorio come quello che sta venendo portato contro lo sfruttamento in università.

Il comunicato dell’Ass. Studenti-Lavoratori-Precari:

La quotidiana attività di comunicazione e informazione all’interno dell’università, il blocco delle mansioni e degli edifici di via Zamboni, a partire dalle scorse settimane, hanno permesso un ulteriore salto di qualità nella mobilitazione dei lavoratori dell’UniBo. Infatti, assieme ai blocchi dei civici 25, 32, 34 e 36, da parte di lavoratori e studenti, oggi diversi docenti hanno deciso di mostrare attivamente la loro solidarietà scegliendo di svolgere le lezioni direttamente davanti a quegli edifici che rappresentano il quotidiano e silente sfruttamento a marchio CoopService.

Ribadiamo che lo sciopero, e i blocchi di questa mattina sono la risposta ai tentativi, da parte di rettore e CoopService, di smorzare una lotta legittima per la dignità di chi permette il quotidiano funzionamento dei servizi universitari. Giornate, come quella di oggi, segnate dalla solidarietà viva e dalla forza della coesione, sono le testimonianze di un’altra università che si afferma contro le logiche del profitto dell’azienda AlmaMater.

Apprendiamo inoltre dei tentativi, da parte della questura e dei suoi mandanti, di spaccare l’unità tra studenti e lavoratori, attraverso la notifica di sette denunce per violenza privata e interruzione di pubblico servizio verso chi mostra attivamente la sua solidarietà. Sappiamo invece che questi tentativi di dividere il fronte tra buoni e cattivi non scalfiscono minimamente quanto costruito fino ad ora. L’unica violenza è quella del legalizzato sistema di sfruttamento rappresentato da quelle cooperative che di rosso hanno solo il sangue.

La giornata di oggi trova ancora più forza dopo la manifestazione nazionale del 12 aprile, dove sono stati ribaditi i concetti di diritti e dignità per tutt* anche contro il modello delle cooperative del Ministro Poletti e di LegaCoop. Una giornata intensa che ha saputo rilanciare in avanti, verso il contro-vertice europeo sulla disoccupazione giovanile, che si terrà l’11 luglio a Torino.

Domani torneremo nella zona universitaria, con lezioni, dibattiti e blocchi, perché non vogliamo speranze ma garanzie!

No Coop! Sì Dignità!

Assemblea lavorat* student* precar*

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

Bolognacoopserviceunibo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Terzo numero del bollettino delle lotte abitative “Case in Rivolta”, che lancia la settimana di mobilitazione collettiva diffusa a livello nazionale durante la settimana del 20 -26 maggio 2024.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ciao Ste, che la terra ti sia lieve

Se ne è andato Stefano, compagno, No Tav. Come redazione di InfoAut ci uniamo al ricordo del movimento No Tav ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza ed affetto ad Ermelinda, ai compagni ed alle compagne che hanno condiviso le piazze, le strade ed i sentieri di montagna con Stefano.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Giocate, giocate! L’azzardo del Governo

Il gioco d’azzardo nel nostro Paese non conosce crisi e la crescita del gioco online sembra sempre più inarrestabile. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: morta a 75 anni Barbara Balzerani

In carcere e poi fuori la Balzerani ha riletto a lungo la storia – personale e collettiva – degli anni ’70 e ’80, attraverso molti incontri pubblici, prese di posizione e soprattutto con numerosi libri.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: dopo le cariche all’inaugurazione dell’anno accademico, occupato il rettorato

Occupato il rettorato dell’Università di Bologna. L’iniziativa si inserisce all’interno della “Israeli Genocide Week”, settimana di solidarietà e mobilitazione nelle Università contro il genocidio in corso a Gaza, promossa dai Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: “UNIBO complice del genocidio. Stop accordi con Israele”. La polizia carica il corteo per la Palestina

Centinaia di studentesse e studenti in corteo per le strade di Bologna mentre si svolge l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università felsinea alla presenza della ministra Bernini.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bologna: Studentessa colpita con un calcio al pube. I collettivi accusano polizia

E’ successo durante le proteste che mercoledì hanno risposto agli sgomberi di via Corticella e via Filopanti: è “una violenza sessuale praticata da un uomo, nel corso dello svolgimento di un’attività in divisa”, affermano Cua e Plat, annunciando l’intenzione di “denunciare questo poliziotto, il suo caposquadra, il questore ed il ministro”.