InfoAut
Immagine di copertina per il post

Bologna: la procura attacca sul diritto all’acqua, i movimenti bloccano sfratti

Mentre il Comitato Inquilini Resistenti si impegnava con successo nell’evitare uno sfratto multiplo (6 famiglie coinvolte) in via di Corticella, arrivava infatti la notizia per la quale l’ordinanza con cui il sindaco Merola aveva imposto il riallaccio dell’acqua al Condominio Sociale di via Mario de Maria è stata messa sotto indagine dalla Procura di Bologna.

 

Un gravissimo episodio, che si scaglia contro il godimento di un diritto fondamentale come l’accesso all’acqua in un palazzo dove vivono anche decine di minori; una prova di come il Piano Casa di Renzi e Lupi si basi su una spaventosa brutalità che si ostina a mettere davanti una monolitica legalità al valore di tante vite, come dimostrato oggi non solo a Bologna ma anche a Torino nel corso dello sgombero dello Spazio Popolare Neruda.

Di seguito i comunicati dell’Assemblea Occupanti e Comitato Inquilini Resistenti con Social Log sull’ennesima esecuzione di sfratto rinviata oggi e sulla vicenda dell’attacco della Procura all’ordinanza:

Oggi dopo una lunga trattativa tutte e sei le famiglie interessate dallo sfratto hanno potuto tirare un sospiro di sollievo con un lungo rinvio. Grazie alla solidarietà e alla determinazione del Comitato Inquilini Resistenti il tribunale fallimentare intervenuto per liquidare i debiti della società di speculazione edilizia a cui appartenevano gli immobili, ha dovuto oggi fare i conti con la carne e il sangue di persone organizzate e decise a non fare un passo indietro di fronte alla minaccia di dover lasciare le proprie case senza alcuna soluzione alternativa per consentirne una messa all’asta.

 
Ancora una volta grazie alla resistenza il diritto ad avere un alloggio e la dignità sono prevalsi sugli interessi delle banche creditrici.
Lasciamo soddisfatti e con una promessa il picchetto, finché la speculazione e gli interessi dei banchieri vorranno prevalere sulla vita e sulla dignità delle persone non saremo disposti a fare un passo indietro. 

La lotta continua…‪#‎stopsfratti‬

Abolire l’articolo fascista del Piano Casa! Il ministro Delrio cancelli subito l’infame articolo 5!

Apprendiamo dalla stampa cittadina che la procura di Bologna ha aperto l’inchiesta contro il riallaccio dell’acqua all’occupazione abitativa di via Mario de Maria ordinata dal sindaco Merola lo scorso 23 aprile. Ricordiamo che le famiglie occupanti erano state private dell’acqua grazie all’applicazione dell’articolo fascista presente nel Piano Casa dell’ex ministro Lupi, il disgraziato articolo 5 che priva del diritto all’acqua, alle utenze, e alla residenza chiunque abiti all’interno di occupazioni abitative.

L’ex ministro Lupi con l’articolo 5 ha disposto che in Italia decine di migliaia di persone che vivono dentro una casa occupata siano private di acqua, luce, e di diritti fondamentali come salute, istruzione, maternità, infanzia, e l’accesso al rinnovo del permesso di soggiorno e contratti lavorativi. Quello che sta producendo nelle vite reali delle persone già afflitte dagli effetti della crisi economica e per questo costrette ad occupare sono sofferenze atroci ed inaudite.

Con una grande battaglia di giustizia sociale e per la dignità la nostra città è stata la prima in Italia a mettere concretamente in discussione l’articolo fascista del Piano Casa e a costituire un precedente importante e prezioso per rafforzare le lotte che nelle altre città puntano allo smantellamento dell’articolo. Solo poche settimane fa anche la vice-presidente Gualmini della regione Emilia Romagna, a seguito di un tavolo di contrattazione sulle nostre istanze di lotta, ha garantito pubblicamente l’indisponibilità a recepire l’articolo 5 all’interno del piano casa regionale.

Crediamo quindi che le iniziative della procura di Bologna fatte di inchieste e sequestri preventivi siano una vera e propria aggressione contro un movimento sociale che coinvolge decine di migliaia di persone nel nostro paese, sostenuto da ampie fasce della popolazione che nel destino degli occupanti o degli inquilini resistenti agli sfratti di oggi riconoscono il loro futuro prossimo, e che nella nostra città sta ottenendo primi importanti risultati come l’ordinanza per l’acqua in questione.

La procura della città aggiunge una nuova aggressione alle famiglie occupanti, e questa volta torna a colpire gli abitanti dei palazzi occupati di via Mario de Maria che sono tornati a godere di un diritto fondamentale come l’acqua. La crociata della procura contro il movimento per il diritto all’abitare e le occupazioni di case continua anche davanti al dato oggettivo che vede le occupazioni come l’unica vera soluzione all’emergenza abitativa. Tutto questo deve finire! La lotta per il diritto all’abitare non è argomento di tribunali, manette, celere, e manganelli!

Esigiamo in maniera forte e determinata l’immediata abolizione dell’articolo fascista del Piano Casa! Crediamo senza esagerare che togliere l’acqua e diritti fondamentali a parte della popolazione sia un gesto degno di una rappresaglia delle SS o di un gerarca fascista, ed esigiamo una presa di posizione chiara e concreta dal nuovo ministro delle infrastrutture Delrio: o dalla parte dell’articolo 5, o dalla parte del diritto alla residenza, all’acqua, alla salute, alla maternità, all’istruzione, all’infanzia e al lavoro anche per chi vive nelle occupazioni!

Per quanto ci riguarda anche il mese di luglio sarà dedicato alla nostra quotidiana resistenza agli sfratti e a al rilancio della campagna nazionale per l’abolizione dell’articolo 5 del Piano Casa. A proposito rinnoviamo l’invito a partecipare alla Prima Notte Rossa del diritto all’abitare dando appuntamento il 16 luglio alle 21:30 in via Fioravanti 27.

Dopo anni di lotte un sogno si realizzò a Bologna quando per prima la nostra città si è liberata dell’orrore dei CIE, ora è il momento di realizzare un nuovo sogno: che Bologna si liberi subito dell’infame articolo 5!

Assemblea Occupanti e Comitato Inquilini Resistenti con Social Log

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

acquaBolognasfratti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bologna: Studentessa colpita con un calcio al pube. I collettivi accusano polizia

E’ successo durante le proteste che mercoledì hanno risposto agli sgomberi di via Corticella e via Filopanti: è “una violenza sessuale praticata da un uomo, nel corso dello svolgimento di un’attività in divisa”, affermano Cua e Plat, annunciando l’intenzione di “denunciare questo poliziotto, il suo caposquadra, il questore ed il ministro”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

COP28: Extinction Rebellion tinge di verde i fiumi italiani. “I governi parlano, la Terra affonda”

Roma, Venezia, Milano, Torino, Bologna: i fiumi delle principali città italiane sono stati tinti di verde da Extinction Rebellion, con un colorante innocuo, per denunciare l’ennesimo fallimento politico della COP28 e dei governi mondiali nel contrastare la crisi climatica e la sesta estinzione di massa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Mondo Convenienza: rinviati a giudizio per ‘caporalato’ la presidente del CDA e i rappresentanti di 4 società in appalto

Rinviati a giudizio con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, il cosiddetto ‘caporalato’ i rappresentanti di 4 società che operano nei magazzini di Mondo Convenienza e la presidente del Consiglio d’amministrazione della holding Mondo Convenienza, Mara Cozzolino, difesa – tra gli altri – dall’avvocata e senatrice della Lega, Giulia Bongiorno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: Glitchousing Project – Nuovo spazio occupato nel cuore della città

L’ex Istuto Zoni, una residenza universitaria privata della fondazone R.U.I. da anni in disuso, è stata occupato questa mattina dal Collettivo Universitario Autonomo di Bologna. “Nasce Glitchousing Project”, scrive il CUA, “una piattaforma ibrida di immaginazione per un abitare nuovo e sociale”. “All’interno del Glitchousing Project”, prosegue il CUA, “si trovano gli Student Hostel: spazi […]