Welcome to the Party: la sollevazione a NYC dopo la morte di George Floyd

Stampa

Continuiamo con la serie di traduzioni per comprendere meglio quello che sta capitando negli USA con il movimento sorto dopo la morte di George Floyd. Oggi vi proponiamo questo testo apparso su It's going down che offre una riflessione critica sulle dinamiche del movimento a New York e sottolinea alcune necessità e prospettive.

||||
|||| ||||

 Un report critico e un'analisi delle dinamiche sociali in atto nell'ambito della recente ribellione a New York City a seguito dell'omicidio della polizia di George Floyd. Discute della ribellione iniziale e di come sia stata cooptata e repressa sia dallo Stato che da elementi liberali.

Dall'inizio di marzo, New York è stata in paralisi in quarantena. Oltre 20 mila sono morti nella sola New York City, molti latini e neri della classe operaia, e centinaia di migliaia hanno perso i loro mezzi di sussistenza. Questa nuova realtà sconvolgente ha lasciato molti a chiedersi se la pandemia sarebbe stata il chiodo finale nella bara di una città in cui per decenni l'economia ha trionfato così brutalmente sulle persone.

Ma poi, in un attimo, abbiamo marciato tutti insieme all'aperto, ispirati dalle immagini dei primi giorni di rivolta a Minneapolis, con le sue folle senza paura che saccheggiano un Target e danno fuoco al 3 ° distretto. Alcuni di noi erano lavoratori essenziali, costretti a rischiare l'esposizione al virus per far quadrare i conti. Alcuni di noi hanno scelto di affrontare tali rischi per motivi di progetti di mutuo soccorso. Altri erano stati isolati per mesi. Tutti sapevano di rompere gli ordini di "shelter in place" per riunirsi in una folla che avrebbe potuto provocare un disastro per una città già la più colpita dall'epidemia. Il tempo ci dirà se mancava la nostra lungimiranza, ma con le infezioni in calo, sembrava che valesse la pena rischiare.

image copia

La prima manifestazione di solidarietà, che si è svolta giovedì sera a Union Square, era contenuta con le stesse tecniche di polizia che erano state efficaci nel ridurre lo slancio delle dirompenti marce di Black Lives Matter nel 2015. Una manifestazione della notte successiva è stata chiamata davanti il Barclays Center di downtown Brooklyn. La polizia ha circondato la piazza, spruzzando spray al peperoncino sulla folla e facendo arresti apparentemente arbitrari. Le barricate furono costruite su un viale vicino e un'auto della polizia venne incendiata, mentre altri marciarono per ricongiungersi in un vicino Fort Green Park.

Da lì un giovane gruppo multirazziale di manifestanti ha tentato di prendere d'assalto l'88° distretto, seguito da ore di combattimenti in strada in cui la folla ha lanciato bottiglie e mattoni e danneggiato tutti i veicoli della polizia in vista, alla fine incendiando un furgone - atti di resistenza praticamente inauditi a New York. La polizia ha reagito con cariche con il manganello e spray al peperoncino, respingendo alla fine la folla dalle porte del distretto, ma non prima che il loro messaggio disperato risuonasse attraverso la città: stavano perdendo il controllo.

Il giorno successivo le marce di massa in ogni quartiere hanno generato immagini della loro violenta disperazione. In pieno giorno, e di fronte ai media, la polizia ha risposto al vandalismo in corso dei loro veicoli spruzzando spray al peperoncino, arrestando e spingendo i manifestanti. In almeno un incidente, i poliziotti hanno guidato un'auto contro dozzine di manifestanti per rompere un blocco stradale. Queste tattiche furono progettate per disperdere, dividere o almeno paralizzare la marcia, ma la gente reagì e continuò a marciare sul ponte di Manhattan verso lower Manhattan. Al calar della notte, la folla costruì barricate e si scontrò con la polizia mentre marciava su SOHO, il quartiere del centro fiancheggiato da negozi di lusso, saccheggiando marchi di abbigliamento street e bruciando veicoli della polizia lungo la strada. Come accadde in gran parte del paese quella notte, l'incantesimo del controllo della polizia era stato interrotto. Nessuna forza sembrava in grado di fermare le folle gioiose che si facevano strada nei negozi di lusso e distribuivano vestiti, scarpe, telefoni, gioielli, liquori e skateboard tra la marcia e i passanti.

NYPD thumb 2

Domenica notte, la polizia ha tentato di bloccare una grande marcia a Brooklyn che voleva attraversare il Manhattan Bridge al crepuscolo, ma temendo l'ottica di uno scontro contro una folla ordinata, li hanno fatti passare. Una volta a Manhattan, si ripetevano tattiche simili a quelle della sera prima, solo che questa volta la città si era occupata di ripulire le strade da bidoni della spazzatura e altri potenziali oggetti da lanciare. Un segmento della folla è rimasto in contrapposizione a file di poliziotti antisommossa a Chinatown, mentre altri hanno marciato liberamente per Soho per Union Square per ore, prendendo e facendo ciò che gli piaceva, difendendosi a vicenda e cantando ad alta voce gli slogan: No Justice no Peace , Fuck the Police, Fuck 12, George Floyd, e NYPD Suck My Dick.

Fuori dallo Strand Bookstore, barricate fiammeggianti e raffiche di mattoni e bottiglie trattenevano un piccolo distaccamento di poliziotti in tenuta antisommossa mentre centinaia di persone danzavano in strada e condividevano bottiglie di whisky saccheggiate. Con la polizia sparpagliata in stallo, centinaia di giovani per lo più neri, organizzati in crews e vestiti di nero iniziarono tranquillamente a dirigersi verso il centro. Nel corso di quella notte, i negozi di lusso di Soho furono sistematicamente saccheggiati. Il ciclo di rivolta, dispersione e riconvocazione durò fino alle prime ore del mattino.

preview

Una domanda chiave che è emersa nel corso di queste notti era cosa fare del saccheggio da una prospettiva anticapitalista autonoma. Spesso seguiva schemi a noi familiari dalle descrizioni di Minneapolis o persino dai disordini di Watts nel 1965: tutto ciò che veniva preso era liberamente condiviso tra i presenti in un'atmosfera festosa, i saccheggiatori erano apparentemente intenzionati a rimettere in discussione il valore di un dato prodotto, e il mondo che sostiene quel valore. Al momento, sembravano interessati alla novità di ciò che stavano facendo tanto quanto a ottenere qualcosa per se stessi. Questi saccheggiatori sono emersi da un gruppo ibrido di "manifestanti pacifici" e rivoltosi che si sarebbero inginocchiati con la polizia un minuto e sarebbero scesi da un viale sfondando le finestre e accendendo la spazzatura il minuto dopo.

Domenica e lunedì è diventato chiaro che la polizia non stava affrontando seriamente i saccheggiatori, essendo stata respinta dalla "posta aerea" di gruppi disordinati e persino sparata o investita da veicoli che andavano e venivano a Manhattan per saccheggiare. Spesso organizzate in crews, queste centinaia o migliaia si estendevano da Soho all'Upper East Side, con gruppi emergenti anche nel Bronx e nel Queens, per ripulire metodicamente i negozi, portando via tutto il possibile, sia per loro stessi che per i loro amici o rivendita. Le immagini diffuse nei notiziari e sui social media dei saccheggiatori organizzati e la portata della distruzione che hanno lasciato sulla loro scia sembravano prestarsi all'idea che ci fossero "saccheggiatori professionisti" usando opportunisticamente le proteste come copertura.

c1 3650384

Sul terreno, questa distinzione sembrava molto meno chiara: alcuni dei saccheggi metodici erano sociali, fatti in folle abbastanza dense e mantenevano un'atmosfera festosa. Durante il fine settimana si potevano vedere scene di persone che lanciavano scatole di iPhone a chiunque passasse, distribuendo venti dollari da un registratore di cassa sfasciato, lasciando gioielli sul marciapiede o crews che si combattevano per erba, elettronica o abiti firmati. Mentre è allettante dividere i saccheggiatori in "politici" contro "opportunisti", senza un'intima conoscenza delle origini e delle dinamiche di queste crewa, non siamo in grado di trarre conclusioni valide.

Nonostante le chiare immagini comuni, entro martedì la distinzione tra "manifestanti" e "saccheggiatori" aveva preso piede nei media. Proprio come la narrativa di "comunità" vs "agitatori esterni" era riuscita a creare isteria cospirativa durante la ribellione nazionale, De Blasio e il NYPD hanno trasmesso una narrazione di ordinato contro disordinato, pacifico contro ribelle, buono contro cattivo, con una distinzione chiara come notte e giorno: il coprifuoco. La polizia sarebbe stata distante alla luce del giorno, la maggior parte delle loro forze a due isolati dalle marce. Di notte uscivano eccitati e facendo arresti arbitrari, con il procuratore distrettuale di Manhattan che prometteva di tenere indefinitamente sospetti rivoltosi in prigione. Pochi erano disposti a sostenere pubblicamente i "cattivi manifestanti" o ad attaccare gli attivisti professionisti che si affermavano dal nulla come "leader del movimento" per giustificare la violenza contro chiunque fosse disposto a continuare il momento di duro combattimento delle lotte di strada del fine settimana.

08vid newyork promo videoSixteenByNine3000 v2

Con un coprifuoco alle 20:00 e il raddoppio delle forze di polizia martedì notte, i manifestanti pacifici e gli aspiranti rivoltosi sono stati costretti a scontrarsi. Ora incapaci di conquistare il territorio da soli, crews ben mascherate di giovani neri potevano essere viste punteggiare i lati delle marce a Manhattan, aspettando il loro momento per continuare a saccheggiare. Mentre la notte andava avanti, si sarebbero staccati dalle marce più grandi insieme ai loro complici per una rivolta vagante su scala minore che spesso mirava nuovamente agli stessi negozi delle notti precedenti. Ma ogni notte si sono trovati più isolati.

Una azione militante annunciata nel South Bronx, incorniciata come la successiva in una sequenza di proteste "FTP" contro la polizia dell'MTA, è stata bloccata e quasi interamente arrestata nel momento in cui è iniziato il coprifuoco. Il NYPD non consentiva più alle marce di attraversare i ponti e strappando biciclette ai manifestanti ha creato un'aura di paura. Sebbene fosse ancora massiccio, popolare e disposto a rompere il coprifuoco, il peso del movimento si inclinò pesantemente verso i "buoni manifestanti", inondati dalla luce solare delle lodi del sindaco. Venerdì, una settimana dopo i primi scontri, i "cattivi manifestanti" hanno smesso in gran parte di uscire.

Le centinaia di giovani proletari neri e i loro complici che ogni notte brulicavano nella parte bassa di Manhattan o Midtown hanno fornito alla lotta la sua dinamica scintilla sulla colonna sonora di Pop Smoke. Non avevano interesse a formulare richieste oltre a "suck my dick". Invece di rimanere bloccati negli scontri con la polizia, il loro obiettivo è diventato quello di sfuggirgli attraverso i quartieri dello shopping che sono diventati i più alienati della vita a New York. Decenni di slogan di strada di sinistra come "diversity of tactics", "be water", "an injury to one is an injury to all" sono divenuti organicanici. Il costante ritorno al centro di Manhattan ha mostrato una certa deliberatezza strategica. Pochi erano disposti a difendere i negozi di lusso in quel buco nero dell'alienazione, e solo i politici si preoccupavano di mantenere le apparenze secondo cui Manhattan è una lussuosa comunità chiusa per un'élite bohomeniana borghese sempre più terrorizzata. Nonostante le speculazioni sul fatto che il NYPD abbia una sorta di pistola da ricatto puntata sulla schiena di de Blasio, questa è la vera ragione per cui tollera la loro brutalità: sono l'esercito che difende il mondo dei ricchi. Ma ora quel mondo sta morendo; da fattori sia oggettivi che soggettivi.

im 192910

Entro sabato 6 giugno, era chiaro che i disordini non sarebbero tornati. Tuttavia, New York ha mantenuto marce e manifestazioni di massa giornaliere distribuite nei cinque distretti in quasi tutti i quartieri, con quasi ogni tipo di attività (meditazione, marcia in bici, feste di strada). Il suono dei fuochi d'artificio poteva essere sentito in tutta la città ogni singola notte. In molti quartieri della classe operaia, ogni paio di isolati è possibile vedere un diverso display pirotecnico. Una recente indagine del New York Times ha confermato ciò che chiunque avrebbe potuto indovinare: i proletari della città stanno celebrando i disordini e sono sopravvissuti all'epidemia e mostrano consapevolmente la loro sfida.

Mentre l'energia è rimasta alta, sembra anche mancare una direzione. I bordi più acuti del movimento sono stati attenuati dalla violenza della polizia e dalla cattura ideologica "progressiva" da parte del governo neoliberale della città, e finora incapaci di sviluppare nuove tattiche per rimanere dinamici, il movimento si è trovato in una sorta di impasse. Non è ancora possibile vedere se questo modello di tenuta sarà interrotto da turbolenze inaspettate o se ci attende un atterraggio delicato.

Dobbiamo continuare a provare a spingerlo soggettivamente per sempre, o dobbiamo aspettare la prossima atrocità? Tra queste opzioni sembra possibile che i rivoluzionari trovino un nuovo ritmo e un nuovo modo di relazionarsi con il movimento di massa ancora vibrante, anche se non sembra più possedere un potenziale insurrezionale immediato. Allo stesso tempo, i rivoluzionari devono essere organizzati in modo duraturo per sostenere le loro capacità attraverso la valle per prepararsi al picco successivo - che sapremo dal fumo che sale da un distretto.

È improbabile che dovremo aspettare molto, anche se i quattro agenti di polizia di Minneapolis non saranno assolti. La situazione in America, e in particolare a New York, è particolarmente infiammabile. Con i massicci tassi di disoccupazione causati dalla pandemia e decine di migliaia di persone attivamente in sciopero degli affitti, ci sono già milioni di persone che sentono di avere poco da perdere. Cosa succederà quest'estate se non ci sarà un nuovo pacchetto di incentivi e le persone iniziassero a perdere il loro sussidio di disoccupazione?

im 192574

Non è un caso che questa rivolta abbia avuto luogo alla fine del distanziamento sociale obbligatorio mentre prende forma una crisi economica epocale, e l'unica soluzione dell'ordine neoliberista è quella di disciplinare i lavoratori "essenziali" irrequieti, trasformandola in una armata di riserva depauperata e declassata di lavoro. Il rifiuto dei politici di annullare l'affitto, porre fine all'incarcerazione di massa o smettere di perseguire i crimini di povertà sono un chiaro segno di questa strategia di reificazione delle gerarchie che trasformano la classe operaia contro se stessa: cittadini contro immigrati, lavoratori bianchi contro lavoratori neri e neri operai contro il sottoproletariato nero. Al centro del movimento per le vite nere, in agguato sotto le sue figure polemiche riformiste borghesi più lodate, c'è un profondo riconoscimento della natura superficiale di questi antagonismi.

Come le rivolte iniziali che si sono diffuse da Ferguson, questa ribellione è stata su una scala e un'intensità mai vista negli Stati Uniti dagli anni sessanta ed è la prova che siamo in un ciclo di lotte crescenti, ciascuna che riprende da dove si era interrotta l'ultima. L'occupazione dei campus universitari nel 2009 ha ispirato Occupy nel 2011. Nel 2014 le uccisioni di Trayvon Martin, Mike Brown ed Eric Garner hanno ispirato settimane di marce e blocchi in tutto il paese. Ma a parte le mobilitazioni antifasciste del 2017 e le brevi occupazioni al di fuori delle strutture dell'ICE, l'era di Trump era stata relativamente tranquilla fino alla fine del 2019. Ma, quando le lotte contro il neoliberismo autoritario si sono diffuse in tutto il mondo, dal Sudan al Cile e da Haiti a Hong Kong, tali ribellioni hanno ispirato le marce FTP di New York contro l'aumento dei costi, il declino della qualità e il controllo razziale delle metropolitane. Queste marce hanno contribuito a far coesistere uno strato di militanti orientati verso, e ora sperimentati, nell'azione diretta. Ma anche se quelle marce FTP sono diventate progressivamente più intense, non sono mai uscite dalla demografia degli attivisti. Quest'ultima ondata è stata la prima a coinvolgere non solo una sezione trasversale della città molto più ampia, ma ha portato alla ribalta una fazione che capisce anche che le vite nere non avranno mai importanza finché vivremo in una società definita dalla supremazia bianca e dal capitalismo, ed era disposto a sovvertirlo gioiosamente e senza paura notte dopo notte.

Per ora potremmo entrare in una fase di stabilizzazione, in cui i liberali raddoppieranno il loro impegno per stravaganti teorie della cospirazione e vuote riforme, è importante sostenere il coraggio degli insorti. Per fare ciò, alcuni tipi di retorica dovrebbero essere superati:

1 - La dicotomia dei manifestanti "buoni" e "cattivi". Sebbene siano immaginati opposti, uno ha fornito la corteccia del movimento di massa, mentre l'altro ha offerto il morso dell'azione diretta. Sono più forti quando esistono insieme nelle strade. Se c'è una parte che deve essere criticata, è quella di quegli elementi che cercano di separare l'unità per il bene della loro carriera.

2 - Pensiero cospiratorio. L'idea di singolari gruppi di cattivi attori, il meteo è un'élite pedofila satanica globale, agitatori esterni, infiltrati della polizia o "mele marce" di qualsiasi varietà soffocano l'espansione della solidarietà necessaria affinché il movimento continui a costruire potere. I lati sono più chiari nei momenti di confronto frontale: ribelli da una parte, polizia e proprietà dall'altra.

3 - Abolizione come obiettivo finale. L'abolizione delle istituzioni borghesi di polizia, carceri e frontiere sono certamente obiettivi rivoluzionari, ma possono essere raggiunti solo da una rivoluzione sociale che abolisce la società di classe, l'economia e lo Stato borghese. Le implicazioni del saccheggio possono essere difese come un gesto coerente di questa missione fondamentale: l'espropriazione della ricchezza della società e del mondo alienato da noi. I "cattivi manifestanti" odiano la polizia e lo dicono, ma bruciano solo macchine della polizia o distruggono distretti a loro piacimento. La logica di attaccare la polizia e saccheggiare i negozi non è un'illusione che la quantità di poliziotti o merci sarà ridotta, ma che la lotta contro di loro si sta muovendo verso una situazione in cui sono irrilevanti.

4 - Leadership. Riconoscendo che la gioventù proletaria nera ha agito come un'avanguardia in questo movimento, non intendiamo dire che si dovrebbe cercare un giovane leader nero e seguirli, né che il proletariato nero e latino sia l'unica frazione di classe con potenziale rivoluzionario. In ogni ondata di lotta, diversi strati della classe servono questa funzione d'avanguardia, spingendo il momento ai suoi limiti attraverso il coraggio, il riconoscimento dei propri interessi e l'auto-organizzazione. Storicamente, tuttavia, i proletari neri tendono a provocare la detonazione per disordini sociali molto più ampi. I ribelli che non provengono da questo contesto saranno compagni più forti nelle future lotte, qualunque sia la loro forma, sviluppando la loro fiducia, i loro obiettivi e le loro organizzazioni. Per quanto possibile, tuttavia, i rivoluzionari dovrebbero cercare di stabilire e mantenere i contatti con quegli insorti che dopo la morte di George Floyd hanno distrutto Manhattan per tre notti di fila resistendo a un'alleanza tra classi con attivisti professionisti.

-New York Post-Left

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons