InfoAut
Immagine di copertina per il post

Casa pound Italia: il partito degli infami

||||

A Piacenza, durante un corteo antifascista, un carabiniere si è preso qualche mazzata. Cosa che succedono.

D’altronde non che manchino le ragioni per avercela con l’Arma. Per una volta, però, niente umiliazioni durante i fermi, niente torture, niente cariche ai picchetti, niente prepotenze allo stadio. Per una volta le botte le prendono loro. Gente sbagliata, nel posto sbagliato. Facevano da servizio d’ordine per conto di Casa pound, cercando alla bene e meglio di contenere centinaia di cittadini esasperati che proprio non ne volevano sapere che una sede del partitino neo-fascista apra in città. Gente senza fronzoli, quella del corteo antifascista di Piacenza. Tanti giovani, tanti facchini, spesso nordafricani, che in questi anni hanno conquistato a suon di scioperi migliori salari per tutti. Persone che ogni giorno resistono agli sbirri e alle squadracce dei crumiri, poco impressionate dalla cagnara mediatica intorno a chissà quale marea fascista montante e poco impressionabile con qualche camionetta di agenti in assetto anti-sommossa.

Le immagini della fuga del plotone e alla rovinosa caduta del carabiniere hanno strappato più di un sorriso in giro per l’Italia ma hanno anche subito fatto partire l’isteria dei benpensanti. Dal Salvini a Matteo Renzi, da Minniti a Gasparri passando per tutti gli editorialisti d’Italia, scioccati da cotanta violenza. Li avessimo sentiti quando i carabinieri hanno ammazzato di botte Stefano Cucchi, quando sono state rese pubbliche le torture sistematiche nei commissariati della provincia di Massa o quando qualche appartenente all’arma usa la divisa per stuprare delle studentesse. Com’è, come non è, al piagnisteo si è unita prontamente Casa pound, che ha cominciato a frignare all’unisono dietro al potere costituito. D’altronde non è forse lui che gli garantisce l’agibilità politica manu militari in giro per l’Italia, fornendo truppe e mezzi per la campagna elettorale? Per ringraziare le proprie guardie del corpo, i bravi ragazzi di CPI si sono quindi spinti un pò più in là.

Nella prima serata di ieri è apparso sull’account twitter di Nina Moric – essere mitologico, mezza soubrette mezzo ufficio stampa direttamente gestito dall’esecutivo di Casa pound – un messaggio che rappresenta bene la caratura dei viaglicchetti di Via Napoleone III e che riproduciamo qui sotto (dopo aver oscurato il volto del manifestante presente nel twit originale). 

27657665 10209665692033148 8848193536720140204 n

Dal profilo di uno dei portavoce ufficiosi dei fascisti del terzo millennio appare, insomma, una delazione con tanto di fotosegnalamento di una delle persone che, secondo loro, avrebbe colpito il carabiniere utilizzando in maniera creativa lo scudo impiegato nelle operazioni di ordine pubblico. 

Che i rapporti tra la questura e CPI fossero solidi e ben oliati è cosa nota fin da quando Casa pound era una delle sezioni romane di un partitino alleato con Silvio Berlusconi chiamato Fiamma tricolore. Qui arriviamo però a dei livelli di bassezza che repellono chiunque ha un po di dignità umana, ancora prima che politica. SPIA in fondo è il peggior insulto dal cortile della ricreazione fino a quello di qualsiasi casa popolare.

Gli spioni di Caserma pound, forse resosi conto dell’enormità, hanno cancellato qualche ora dopo il twit, anche se su alcuni account facebook dei militanti continuano a campeggiare le foto diffuse dalla showgirl, a riprova della morale introiettata da questi omuncoli dalla dirigenza fino all’ultimo pretoriano.

Meno male che c’è il carapace a non far vedere cosa c’è sotto: non tartarughe ma vermi. Casa pound = il partito degli infami.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

casa poundCORTEO ANTIFA PIACENZA 11/02/18

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis agli arresti domiciliari a Budapest. Accolto il ricorso degli avvocati.

Ilaria Salis può uscire dal carcere e andare agli arresti domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ignobile pestaggio di Chef Rubio a Roma

Gabriele Rubini, a tutti noto come Chef Rubio, è stato aggredito mercoledì notte davanti alla sua casa romana da almeno sei persone, che lo hanno pestato e insultato al grido di “Pezzo di merd*, così impari”.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

25 Aprile 2024: appunti di lotta dalla piazza di Milano

Condividiamo di seguito la cronaca della giornata del 25 aprile milanese e le indicazioni di lotta che arrivano da questa piazza, tutta a sostegno della resistenza Palestinese.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Puntata speciale 25 aprile: resistenze di ieri e di oggi.

In questa puntata del 25 aprile dell’informazione di Blackout abbiamo voluto sottolineare il legame forte e prioritario che ha la resistenza palestinese oggi con le possibilità che si aprono anche alle nostre latitudini.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Contro fascismo, sessismo, razzismo e guerra. Ora e sempre resistenza! Siamo sempre qua.

La facciata del centro sociale Askatasuna assume una nuova veste. In un presente senza storia rimettiamo al centro la Storia di ieri per guardare in avanti, in una prospettiva in cui c’è bisogno di tutta la capacità, le forze, le intelligenze di ognuno e ognuna per produrre trasformazioni .

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifa Budapest: Corteo a Roma né prigione né estradizione

Sabato 23 marzo a Roma c’è stato un corteo in solidarietà con Ilaria Salis, Gabriele e tutte le persone imputate per i fatti di Budapest. Il corteo è partito da metro Policlico, è passato nei pressi dell’ambasciata e poi è entrato nel quartiere di San Lorenzo dove si è concluso. Abbiamo raccolto diverse voci dal […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“Sorveglianza speciale” per Lorenzo, l’olio di ricino d’oggi contro gli/le antifa!

La procura di Bologna chiede la sorveglianza speciale per Lorenzo, compagno del Collettivo Universitario Autonomo, adducendo a motivazione i fatti accaduti a Piacenza lo scorso febbraio. Di seguito il comunicato del CUA. Solidarietà a Lorenzo! Pochi giorni fa è stato recapitato un “decreto di fissazione di udienza camerale” avente per oggetto la misura di “sorveglianza […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ieri olio di ricino, oggi ricina

Da Fascisti su Marte a Fascisti su Breaking-bad: proprio da lì hanno preso spunto i nostri cari fascisti di Casapound Torino, quando hanno deciso di eliminarsi tra di loro con la RICINA, veleno adoperato proprio nella serie televisiva. SPOILER ALERT: fanno la figura dei deficienti. STAGIONE 1 Tutto inizia nel lontano novembre 2018, quando un […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Aggressione fascista dopo il corteo anti-salvini. Mazze e bastoni contro i manifestanti

Al termine del corteo contro le politiche del min. dell’interno, Casa pound aspetta i manifestanti e li aggredisce con mazze e bastoni. La polizia interviene per difendere la sede fascista. Ieri sera più di un migliaio di persone sono scese in piazza, a Bari, contro le politiche di Salvini, al razzismo di stato e alla […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Video del pugno in faccia al leader di casa pound: c’è (solo) da ridere?

  In queste ore imperversa sul web il video di due fascisti che si picchiano tra di loro. C’è il tronfio segretario provinciale di un partitino dello zerovirgolaniente che convoca una manifestazione ma si ritrova con quattro amici (vedere le immagini per credere) a scattarsi selfie davanti a un palazzo dove abitano tanti giovani e famiglie […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Operazione contro gli antifascisti di Torino, arrestato Nicolò

È stato arrestato oggi Nicolò, il giovane falegname torinese coinvolto nell’operazione di polizia contro il corteo che aveva sfilato contro Casa pound fino ad arrivare a pochi passi del comizio del partitino neo-fascista nel febbraio scorso. Irrintracciabile il giorno dell’operazione in pompa magna portata avanti a favor di telecamere dalla questura torinese, aveva creato più […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Breve lettera di una delle antifasciste “marchiate” a Pavia

Dalla pagina FB di un’insegnante di Pavia la cui casa è stata “marchiata” con un adesivo “Qui vive un antifascista”. Stamattina, sotto casa mia, ho trovato questo adesivo. I fasci pensano di intimidire così gli antifascisti e le antifasciste pavesi. Che dire? A parte che l’accusa mi lusinga, che sono antifascista e ne sono fiera, […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Torino. I fascisti negli hotel, gli antifa nelle strade

In 800 sotto la pioggia e il freddo. Un tempo partigiano. E una Torino che è riuscita a dimostrare un’altra volta che l’antifascismo non si delega, ma si pratica con coraggio e determinazione. Il corteo è partito da piazza Carlo Felice e si è diretto verso l’hotel dove il candidato premier per Casa Pound, Di […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Affezionati alle lame. Ancora un’aggressione fascista in provincia di Perugia

ieri notte a Ponte Felcino una nuova aggressione fascista. Come al solito i valorosi prodi italici si muovono con le lame.  Alcuni militanti di Potere al popolo impegnati ad attaccare manifesti elettorali sono stati colpiti alle spalle ieri notte. Mario è stato raggiunto da diversi fendenti alla schiena e alla coscia, mentre un altro ragazzo […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Casa pound Italia: il partito degli infami

A Piacenza, durante un corteo antifascista, un carabiniere si è preso qualche mazzata. Cosa che succedono. D’altronde non che manchino le ragioni per avercela con l’Arma. Per una volta, però, niente umiliazioni durante i fermi, niente torture, niente cariche ai picchetti, niente prepotenze allo stadio. Per una volta le botte le prendono loro. Gente sbagliata, […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Squadrismo a Pavia. In 25 contro 5 ragazzi: “negri figli di puttana”

Pubblichiamo dalla pagina FB Movimento Pavia Alla vigilia della tentata strage fascista di Macerata, anche Pavia diventa teatro di un agguato fascista e razzista in stile paramilitare ai danni di giovanissimi figli di immigrati marocchini. Tutto parte come una aggressione in discoteca per tramutarsi nel giro di pochi metri in un incubo che si svolge sotto le […]