Milano: corteo per la liberazione di Vincenzo Vecchi

Stampa

Ieri sera un corteo numeroso e determinato ha attraversato le vie del centro di Milano per chiedere la liberazione di Vincenzo Vecchi, compagno arrestato lo scorso 8 agosto a Rochefort en Terre per i fatti del G8 di Genova. Vincenzo è ancora rinchiuso nel carcere di Vezin-le-Coquet, e, se la corte di Rennes ha sospeso l’estradizione in Italia, è tutt’ora al vaglio la sua richiesta di scarcerazione.

||||
|||| ||||

Qualche centinaio di persone ha fronteggiato l’ingente dispositivo repressivo messo in campo, arrivando fino al carcere di San Vittore: petardi, cori e fuochi d’artificio hanno accompagnato il saluto ai detenuti. Dal di qua delle grate sono piovute esultanze e grida. Il corteo si è poi nuovamente diretto in centro, per poi sciogliersi in serata.

A distanza di 18 anni dalle giornate del G8, continua a calare la mannaia della vendetta di Stato: l’infame condanna ad undici anni e sei mesi per devastazione e saccheggio si inserisce in un quadro di repressione e deterrenza. I toni apocalittici degli articoli usciti in mattinata ne sono la conferma e l’estrema propaggine.

In un mondo in cui una vetrina infranta pesa sulla bilancia più di un assassinio, c’è chi non si rassegna e non sottostà alla pacificazione sociale. Tutt* liber*!

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);