Un clima... da paura! (lacrimogeni a Parigi su chi manifesta)

Stampa

Un clima... da paura! (lacrimogeni a Parigi su chi manifesta)

30/11 : sui principali media francesi si parla di 317 persone in stato di fermo.

22.00 : le persone tratte in stato di arresto sono state smistate in nell'intera regione parigina. Almeno in un caso l'accusa è "partecipazione a manifestazione vietata".

19.45 : rilasciati quasi tutti i bloccati a République, dopo una veloce perquisizione ma senza controlli d'identità. Alcune persone sono però state caricate sui mezzi.

19.15 : secondo il ministro degli Interni Bernard Cazeneuve, ci sono state 208 fermi di cui 174 portati in commissariato.

18.15: 200 persone sono ancora imprigionate a place de la République, arrestate una a una.

Una seconda diretta con Virginia, con un primo bilancio della giornata di lotta

17.30: centinaia di persone sono state caricate a forza e condotte in diversi commissariati. Un presidio si è concentrato di fronte al commissariato de l’Évangile, nel XVIII arrondissement.

17: controlli di polizia a Barbès, con diversi fermi. 150 persone sone ancora imbottigliate in place de la République.

16.45 : In Place de la République, 200 persone restano imbottigliate. Notizie dalla piazza parlano di lancio di granate stordenti ad altezza uomo.

16.30: la polizia conferma almeno un centinaio di arresti.

16: imbottigliamenti e cariche. La polizia cerca di disperdere. Centinaia di persone partono in manif sauvage.

15: Circa 2000 persone restano nella piazza. I poliziotti lanciano numerose granate offensive (molte ad altezza uomo!), i manifestanti rispondono gettando pietre. molte cariche, almeno un ferito per le granate stordenti.

14:45: ennesimo gasamento e cariche dopo il lancio di pietre, oggetti e numerose scarpe contro la polizia. Metropolitana chiusa. Scontri a margine della rue du Temple. Piazza sommersa dai gas lacrimogeni.

****************

Non più di due settimane fa, si è verificato in Brasile un disastro ecologico senza precedenti nella storia del paese: la diga di un gigantesco deposito di fanghi tossici prodotti dalle miniere (ferro, mercurio, arsenico...ecc) si è rotta  invadendo il corso d'acqua e i terreni circostanti di un'ampia regione, non lontana da Rio de Janeiro,  per giungere fino all'oceano. Qualcuno ha parlato di "Fukushima brasiliana", ultimo capitolo di una lunghissima lista di grandi disastri che costella come un ombra rimossa la storia lunga del sistema capitalistico: Chernobyl, Seveso, Bhopal, vari incidenti petroliferi, prima ancora la distruzione di interi ecositemi per l'impianto forzato di monoculture (rese possibili dalla parallela introduzione forzata dello sfruttamento schiavistico della forza-lavoro), prosciugamento di interi bacini idrici (fiume Giallo, lago Aral)...

Quest'immagine è la rappresentazione plastica del disastro quotidiano in cui viviamo, dove una parte consistente (destinata ad aumentare in termini assoluti e relativi) della popolazione mondiale si riproduce e si riprodurrà sempre più tra rifiuti, nocività e scarsità d'accesso alle risorse primarie per la vita.

"System Change Not Climate Change!" dicono da qualche anno i movimenti, individuando con metodo la sorgente del problema. In molte città del mondo si sono tenute e si stanno tenendo in queste ore mobilitazioni contro la Conferenza Globale sul Clima che quest'anno si tiene a Parigi, una delle città più iper-blindate e securizzate del mondo che, dopo gli attentati di due settimane fa, ha visto istituzionalizzare di fatto lo stato d'emergenza.

Nei giorni scorsi (fino alle ultime 24 ore) si sono svolte numerose perquisizioni, fermi  (gardes-a-vue) e arresti domiciliari ai danni di decine di compagn* e attivist*. Carovane giunte da diversi angoli della Francia (tra tutte, quella partita dalla zad di Notre-Dame-des-Landes) sono state ripetutamente fermate, ostacolate nella loro marcia.

Oggi nella capitale francese si stanno svolgendo più iniziative in un clima surreale, tra catene umane rigorosamente confinate sui marciapiedi e scarpe ammucchiate per simboleggiare le presenze vietate dalla Rèpublique.

Ma un assembramento meno propenso ad accettare i divieti si è comunque dato appuntamento in Place de la Repubblique per manifestare contro la gestione capitalistica globale del clima e contro lo stato d'emergenza varato da Hollande e Valls con il sostegno dei media e l'acquiescenza passiva e terrorizzata dell'opinione pubblica.

Almeno 3000 persone si sono concentrate nella e  ai bordi della piazza, sfidando un dispositivo di controllo poliziesco senza precedenti. Molto velocemnete (intorno alle 14.30) sono iniziati a piovere i lacrimogeni sui manifestanti indisponibili a vievere nel terrore del prossimo attentato o della prossima catastrofe climatica

 

Da Parigi, Place de la Rèpublique, una corrispondenza con Virginia, compagna che partecipa alle iniziative contro Cop21 e lo stato d'eccezione che da due settimane si è impiantato come norma nella Francia scossa dagli attentati del 13 novembre

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);