Roma, blocchi stradali a Cinecittà dopo le provocazioni della Polizia ad un'occupazione abitativa

Stampa

Staccata la corrente ad un'occupazione abitativa di Cinecittà. Probabilmente è in corso un tentativo di sgombero, data la presenza massiccia di Digos nella zona, le famiglie e i movimenti rispondono occupando via Tuscolana.

||||
|||| ||||


AGGIORNAMENTI IN CORSO:

-19.20: Dopo tre ore di blocco e di paralisi totale della Tuscolana è stato ottenuto un incontro con il capo di gabinetto del Prefetto. Le famiglie e i movimenti tornano nello stabile per fare assemblea.                      

-18.20:
Arrivano i blindati, ma le famiglie rimangono determinate a bloccare la Tuscolana.

-17.40: Nel frattempo una delegazione di attivisti ed occupanti dei movimenti per il diritto all'abitare è stata perquisita al Campidoglio mentre raggiungeva la manifestazione "Nessuna persona è illegale".

-17.00:
Le famiglie dello stabile e i solidali accorsi stanno bloccando la Tuscolana, diversi cassonetti sono stati messi in mezzo alla strada!

cassonetti cinecittà copia

-14.00: Dopo aver fatto saltare la corrente nella notte, c'è stato un tentativo di staccare anche l'acqua; la risposta è stata però immediata e l'allaccio è stato picchettato.

-13.00: La Digos è molto numerosa nei dintorni dell'occupazione. Stanno effettuando delle riprese sui solidali che stanno raggiungendo lo stabile.

Provocazioni nella notte del 12 Luglio quando all'occupazione abitativa di via Umberto Quintavalle di Cinecittà è stata staccata la corrente. Molti agenti Digos hanno presidiato la zona in mattinata probabilmente con l'intenzione di procedere con lo sgombero dello stabile. Immediata è stata la risposta dei movimenti per la casa che sono accorsi sul posto pronti a difendere lo spazio e a rispondere all'attacco portato avanti dalla questura contro chi si organizza per combattere l'emergenza abitativa.

Questo il messaggio fatto girare in mattinata dai Movimenti per il diritto all'abitare:

ATTENZIONE: dopo che questa notte è stata fatta saltare la corrente nel palazzo occupato di via Umberto Quintavalle 88 a Cinecittà, la situazione sembra ulteriormente peggiorata. La presenza massiccia della digos e la chiusura dei varchi di comunicazione con le vie adiacenti sembra alludere alla volontà di procedere allo sgombero degli oltre 80 nuclei familiari residenti nello stabile. NON CONSENTIREMO UN SIMILE SCEMPIO: ai militanti del Movimento per il Diritto all'Abitare, ai compagni e alle compagne di tutta Roma, alle persone di buona volontà e a chiunque è stufo di un ordine pubblico utilizzato dai padroni come una pistola puntata alla testa di chi si suda ogni giorno la vita CHIEDIAMO DI ACCORRERE IN VIA QUINTAVALLE 88: BASTA SGOMBERI!!!

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons