InfoAut
Immagine di copertina per il post

Roma, un’obiettrice come primaria di Ginecologia e Ostetricia al San Camillo

||||

E’ di pochi giorni fa (21 luglio) la notizia dell’insediamento della nuova primaria di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale San Camillo-Forlanini di Roma, Maria Giovanna Salerno.
La Salerno è una risaputa obiettrice di coscienza che si è formata al Policlinico Gemelli di Roma, uno dei tanti ospedali cattolici della città eterna dove, di fatto, non viene applicata la 194; in altre parole, dove non si può abortire.
E solo questo basterebbe a chiedersi: perché proprio lei? Proprio un’obiettrice a dirigere il reparto di Ginecologia?

Il direttore del San Camillo sembrerebbe sicuro che la risposta giusta sia nel metodo democratico-meritocratico: la Salerno è stata selezionata su base concorsuale pubblica e ha vinto “per merito” della sua formazione, specializzazione, curriculum eccellente…
Ebbene caro direttore la risposta di metodo non ci basta, anzi, ci fa un pochino incazzare.

Innanzitutto è piuttosto inquietante che questa assunzione sia stata fatta proprio al San Camillo: l’ospedale romano che effettua il maggior numero di interruzioni volontarie di gravidanza, 2.180 nel 2015, poco meno di un terzo di tutte quelle praticate nello stesso periodo nella Capitale, e dove esiste un sempre affollatissimo centro antiviolenza e “sportello donna” dove si recano ragazze da tutta Roma e provincia; non proprio un’avanguardia ma quantomeno un punto fermo, considerato il totale vuoto capitolino e la violenza che ogni donna deve subire quotidianamente a tutti i livelli in questa città, che non trova luoghi di sfogo e di aiuto.

Inoltre proprio in vista dell’assunzione della Salerno, il San Camillo era stato protagonista delle proteste delle donne di Non Una di Meno, che hanno fatto irruzione nelle stanze del direttore per chiedere conto dei criteri di reclutamento del personale e per ribadire che tale scelta (perchè ricordiamocelo, si tratta sempre di una scelta!) non sarebbe passata inosservata.
Oggi però, purtroppo, anche il San Camillo inizia ufficialmente la riconversione alla “norma” bigotta e violenta, a cui sono stati adeguati tutti gli ospedali capitolini.
Eppure tutto questo non ci stupisce affatto, in un momento storico in cui l’ex premier Renzi parla di riorganizzare il partito creando un nuovo “dipartimento mamme”, perchè “spesso la maternità è un desiderio negato”, ci sembra che la questione di chi decide sul corpo delle donne sia più che mai interpretata come un affare di Stato.
Sta a noi tutte dunque far capire, a Renzi e alla Salerno, che la direzione che invece molte stanno prendendo, dal basso, è tutt’altra e che la violenza e l’arroganza delle istituzioni non resterà impunita.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

obiettori

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.