InfoAut
Immagine di copertina per il post

Sicilia: tra cambiamento climatico e mancata prevenzione nei territori

||||

Dopo gli incendi di quest’estate la Sicilia ed una parte della Calabria meridionale vivono un nuovo disastro ambientale che sta causando morti, disagi e danni difficili da stimare. Quanto sta avvenendo è la combinazione tra gli effetti dei cambiamenti climatici all’interno del Mediterraneo, la strutturale assenza di investimenti nella prevenzione dei disastri ambientali ed il modello urbanistico estrattivista che tutt’ora domina tanto nelle province quanto nelle grandi città del nostro paese.

Difficile trovare dei precenti a quanto sta accadendo negli ultimi giorni in Sicilia: piogge senza precedenti, alluvioni, mareggiate, frane ed intere zone isolate. In particolare a Catania, dove al momento è impossibile fare una realistica stima dei danni con scuole, ospedali ed edifici pubblici allagati ed a volte soggetti a crolli e moltissime abitazioni private a rischio inagibilità. Ma le piogge anomale stanno creando disagi anche nelle province interne di Sicilia e Calabria, in alcuni casi negli stessi luoghi dove già avevano insistito gli incendi della scorsa estate, generando una certa preoccupazione anche per quanto riguarda frane e smottamenti. In 86 comuni dell’isola è stato emanato lo Stato d’emergenza.

Si parla di medicane, ossia un ciclone tropicale del Mediterraneo che sta creando un gigantesco vortice capace di portare venti di oltre 120 km orari e anche più di 500 millimetri di pioggia sulle coste dell’isola. Questo vortice si sta creando in mare aperto tra Sicilia e Malta e ricorda lo stesso fenomeno che vide qualche tempo fa la Grecia investita da un disastro inedito. Questo nuovo fenomeno sarebbe diretta conseguenza delle trasformazioni dovute al cambiamento climatico in combinazione con il caldo torrido che fino a pochi mesi fa aveva provocato morti e danni ingenti alle economie del Sud. Questo lembo estremo dell’Europa sta sperimentando sulla propria pelle quanto fino a pochi anni fa sembrava impossibile o perlomeno altamente improbabile se non a latitudini ben differenti.

E se è evidente che per affrontare la crisi climatica a partire dai suoi effetti è necessaria una trasformazione sistemica del modo di produrre e di organizzarsi delle nostre società, è altrettanto chiaro che nulla è stato fatto per mettere in campo dei piani di prevenzione dei territori che fossero in grado di rispondere a queste emergenze che, c’è da starne sicuri, si cronicizzeranno inevitabilmente. Gli investimenti nella tutela dei territori e nella loro messa in sicurezza continuano ad essere ridicoli, appaltati a società private, regolati secondo il principio del profitto. Questo perchè, molto spesso, alla prevenzione si preferisce la “ricostruzione” come modello di estrazione di valore dai territori devastati e allo stremo. Man mano che la crisi climatica avanza nella recrudescenza dei suoi effetti, la zona di sacrificio che è sottoposta a questa logica perversa si amplia coinvolgendo nuovi territori, distuggendo ricchezze, economie e vite. Un capitalismo di guerra (climatica) che rovescia la sua stessa categoria di frontiera.

Dunque mentre la crisi climatica allarga il suo spettro devastante ad essere coinvolte sono intere aree urbane. A Catania il combinato disposto tra l’assenza di prevenzione ed il consumo di suolo senza controllo stanno dimostrando la fragilità dei contesti cittadini di fronte a queste emergenze. La cementificazione selvaggia ai piedi dell’Etna ha impermeabilizzato il suolo provocando lo scivolamento dell’acqua a valle e dunque l’alluvione sulla città. Un’intera area di Catania è costruita sulla superficie di un fiume tombato ed a rendere ancora più complessa la situazione è la scarsa efficenza dei servizi di raccolta dell’immondizia che finisce per otturare tombini e canali di scolo. In questa condizione versano molte altre città d’Italia, tanto al Sud quanto al Nord.

L’evidente miopia della politica locale e nazionale e la sua complicità con un modello di capitalismo in cui la valorizzazione dei territori passa unicamente dalla loro devastazione stanno amplificando gli effetti di una crisi che già di per sè ha una portata imprevedibile ed in grado di sconvolgere la vita, le relazioni e le condizioni di milioni di persone nel nostro paese.

Eppure su questo modello di sviluppo si continua ad insistere, con il nuovo PNRR che invece di investire su un serio piano di prevenzione territoriale con una fuoriuscita dalla logica privatistica, continua ad incentivare grandi opere inutili e cementificazione al fine di tutelare ed ampliare l’estrazione di valore sacrificando quelle zone del paese che non sono considerate prioritarie o strategiche. Eppure questo è un gioco al massacro, i danni delle alluvioni (come già quelli degli incendi) non si interromperanno con il fermarsi delle piogge, ma continueranno a segnare il paesaggio economico e sociale delle zone colpite per anni. Gli effetti di questi disastri sull’indotto agricolo si misureranno a breve, le condizioni dell’abitare saranno ancora più drammatiche, non si sa se alcune scuole riusciranno a riaprire e la crisi insiste anche sul campo della sanità già fortemente sotto pressione. Una visione totale di quanto tutto sia collegato e della necessità, ormai divenuta urgenza, di cambiare questo sistema di sviluppo.

Di seguito alleghiamo la trasmissione di Radio Blackout su quanto sta accadendo:

CATANIA: I DISASTRI AMBIENTALI NON SONO UN FLAGELLO DI DIO 

 

In questi giorni la Sicilia e in particolare il catanese sta venendo investita da fortissime piogge che si trasformano in alluvioni devastanti per un territorio già di per sé vulnerabile e lasciato nell’incuria.

Si parla di medicane, ossia un ciclone tropicale del Mediterraneo che sta creando un gigantesco vortice capace di portare venti di oltre 120 km orari e anche più di 500 millimetri di pioggia sulle coste dell’isola. Questo vortice si sta creando in mare aperto tra Sicilia e Malta e ricorda lo stesso fenomeno che vide qualche tempo fa la Grecia investita da un disastro inedito. Pochissimo viene detto dai giornali, la notizia viene riportata allo stesso livello dei trafiletti di cronaca emergenziale mentre un’intera isola e la vicina Calabria potranno a partire da domani vedere un peggioramento importante delle proprie condizioni. Anzi, l’unica tendenza apparente è che la soluzione del disastro annunciato verrà delegata alla prossima Conferenza sul Clima che si terrà a Glasgow il 26 novembre, come se intanto si potesse attendere.

Dalle parole di chi sta vivendo in queste ore ciò che sta accadendo emergono alcuni punti chiari: da un lato, la responsabilità delle amministrazioni che per anni, nonostante gli incendi boschivi della più recente estate, nonostante le eruzioni del vulcano, nonostante le alluvioni passate, continuano a non occuparsi della messa in sicurezza dei territori e dall’altro, la violenza con cui chi abita quei territori deve fare i conti, dopo due anni di pandemia, di chiusure, di impossibilità di accedere a una sanità efficiente e garantita a tutti e tutte, rischiando di annegare in fiumi di fango e spazzatura.

{mp3remote}https://cdn.radioblackout.org/wp-content/uploads/2021/10/2021_10_28_catania.mp3{/mp3remote}

 

 

 

pubblicato il in Editorialidi redazioneTag correlati:

alluvioneCAMBIAMENTO CLIMATICOcataniasicilia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La manovra Meloni e la guerra ai poveri (nel solco di Draghi)

In merito al contenuto l’interpretazione è abbastanza semplice e non serba novità: non c’è nessun provvedimento volto a migliorare le condizioni materiali di vita delle decine di milioni di persone che sono schiacciate tra impoverimento e povertà nella perenne crisi del sistema-paese Italia.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Giocano sull’orlo del baratro

L’incidente al confine tra Polonia ed Ucraina per un momento ha aperto la finestra su un coinvolgimento diretto, sul campo, della NATO nel conflitto. E ci mostra quanto sia fragile la membrana che separa il presente da una guerra militare totale.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Cosa abbiamo visto nella piazza per la Pace del 5 novembre a Roma

Siamo “andati a vedere” con sguardo curioso la piazza per la Pace del cinque novembre a Roma: ne abbiamo tratto alcuni elementi interessanti, altri meno, ma che crediamo meritino un’ampia riflessione. Abbiamo provato a sistematizzare alcuni ragionamenti a caldo in questo breve reportage che condividiamo di seguito.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Si vis pacem para bellum — La nuova semantica di guerra

Questi giochi di capovolgimento semantico diventano pericolosi nel momento in cui si concretizzano nei piani di guerra NATO (vedi la nuova dottrina “first strike”), e in una generale fase di riarmo delle principali potenze globali.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Guido Crosetto: il ministro delle armi e la “pace” orwelliana

Guido Crosetto, ministro della Difesa e consigliere di Giorgia Meloni, è un politico di lungo corso, dalla Democrazia Cristiana, a Forza Italia, per approdare infine in Fratelli d’Italia, ma meno nota è l’altra sua carriera, quella nell’industria militare.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La norma anti-rave non è altro che l’ennesimo attacco al dissenso sociale

Il decreto legge del Governo Meloni non riguarda solo i rave-party, ma tra le casistiche che potrebbero rientrare al suo interno vi sono anche molte pratiche che fanno parte della storia della protesta e del dissenso sociale nel nostro paese, dalle occupazioni delle università e delle scuole, alle manifestazioni non autorizzate.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Fare informazione per il movimento, che significa oggi?

Esortiamo chi possa avere competenze o interessi rispetto ad ambiti specifici, chi fa parte di collettivi che hanno piacere a utilizzare un canale di informazione come InfoAut per diffondere i propri contenuti e iniziative, a contattarci per poter pubblicare nella sezione Contributi.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

E lo rifamo? Avoja!

Alcune considerazioni a caldo sulla manifestazione del 22 ottobre rivolte in primo luogo a compagn di Bologna. Per rilanciare un dibattito collettivo di cui ci pare ci sia urgenza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il nuovo governo e le contingenze del Cav.

Prende forma il governo Meloni, secondo governo “democraticamente” eletto dal 2018, anno terribile per la democratura italica, in cui i 5 stelle con la stampella leghista diedero l’assalto ai palazzi dei “poteri forti”, per poi uscirne decimati dopo poco.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Fare movimento per il movimento in un mondo complesso. Infoaut si rinnova!

Come avrete notato da qualche giorno Infoaut è cambiato. Non si tratta semplicemente di un restyling grafico per stare al passo con i tempi, ma di una trasformazione che è in diretta relazione con quanto sta succedendo nelle nostre vite, nella società e nel mondo per come lo conosciamo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Radura || Nona Puntata: La Sicilia in marcia dentro la crisi energetica

Seconda puntata sul tema dell’energia. Questa volta ci concentriamo su una vicenda specifica e di estrema attualità: cioè la diffusa mobilitazione spontanea e popolare contro il caroenergia che sta avendo luogo in diversi territori della Sicilia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

The Gangster Socialists of the Red State Beaches – La crisi climatica in riva al mare

Traduciamo questo interessante articolo di In These Times a firma Hamilton Nolan sugli effetti dei cambiamenti climatici nel mercato immobiliare degli stati costieri repubblicani USA. Una vicenda che riporta alla mente le lamentazioni di Briatore e Santanchè dopo la distruzione del Twiga di quest’estate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Agrigento: cittadini e comitati fermano le esercitazioni militari americane

L’esercito italiano aveva programmato addestramenti militari congiunti con le forze americane presso la base di Punta Bianca, in provincia di Agrigento, che avrebbero dovuto svolgersi da ieri, 17 ottobre, fino a fine anno.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte sullo Stretto: a volte ritornano

Per rilanciare la narrazione del Ponte, scrive Antonio Mazzeo su Pagine Esteri, si sfruttano la crisi socio-economica, gli alti tassi di disoccupazione generale, la precarietà delle vite di milioni di persone. Si tace sul fatto che la politica delle Grandi Opere è stata ed è caratterizzata in larga misura da progetti senza opera, senza cantieri, […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Con i piedi nel fango – Un’intervista sull’alluvione nelle Marche

Abbiamo intervistato Nicola dello Spazio Autogestito Arvultura sull’alluvione che ha colpito Senigallia ed i suoi dintorni. Il disastro è già passato nelle seconde pagine dei giornali travolto da questa assurda campagna elettorale, ma la scia di morte, devastazione e danni che ha lasciato presenta delle responsabilità precise che vanno comprese. Un intero territorio rischia di […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Marche, non c’è niente di “eccezionale”: la crisi climatica uccide qui e ora!

Riprendiamo la seguente riflessione di Rise Up 4 Climate Justice sull’alluvione che ha colpito le Marche e ha provocato almeno 10 morti e 50 feriti.   Stanotte nelle Marche una forte alluvione ha colpito le province di Ancona e Pesaro-Urbino. I comuni intorno al Mise sono stati sommersi e al momento si contano nove vittime […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Siccità e cambiamento climatico : esperienze di gestione del territorio e delle risorse idriche dal basso. Il caso degli ortolani sulle rive del fiume Sangone a Torino.

Proponiamo alcuni stralci di una lunga chiacchierata a proposito della siccità in una particolare zona della città, gli orti sulle sponde del Sangone.  Grazie a Olivier, ortolano di lunga data con un suo percorso di vita singolare, abbiamo approfondito alcune questioni relative alla crisi idrica. Ci sembra interessante, in una fase come questa, da un […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Per affrontare la siccità dobbiamo prosciugare la sete di profitto

Quando si parla della siccità che sta colpendo il nostro paese e in particolar modo la pianura padana ed alcune aree del centro-nord, bisogna fare una premessa: questo non è un fenomeno contingente, ma un fatto che diventerà strutturale. Non siamo più da tempo ormai nella fase in cui la materializzazione dei cambiamenti climatici sarà […]