InfoAut
Immagine di copertina per il post

Strage nel carcere Modena: chiesta archiviazione per 120 agenti della polizia penitenziaria

La procura di Modena ha chiesto l’archiviazione per i 120 agenti della polizia penitenziaria che sono accusati di reato di tortura e lesioni personali aggravate in concorso in relazione al fatti avvenuti l’8 marzo del 2020, quando all’interno del carcere Sant’Anna di Modena scoppiò una rivolta legata alla diffusione del Covid.

da Osservatorio Repressione

Pubblichiamo a seguire un contributo di Alice Miglioli, del Comitato verità e giustizia per la strage del Sant’Anna di Modena. 

Siamo in tanti e tante davanti al pc a fissare la pagina vuota. Tanti e tante attiviste del Comitato verità e giustizia per la strage del Sant’Anna di Modena che devono reagire all’ennesima batosta. Da tre anni ci battiamo con tutte le nostre forze perché venga fatta luce sulla più sanguinosa strage carceraria del nostro paese e su quel maledetto 8 marzo 2020 quando, a seguito della rivolta scoppiata per la scellerata non-gestione dell’emergenza Covid, hanno perso la vita dentro e fuori il penitenziario modenese nove persone.

Le loro morti sono già state archiviate due anni fa. Sembra non sia stata colpa di nessuno, come se abbandonare un carcere per poi sparare da fuori alla cieca, ad altezza uomo, fosse una cosa normale; come se fosse vero che, in quel contesto, si possa morire di overdose da farmaci, magari “andandosela a cercare”. Non è di overdose, invece, che si è morti, in quel carcere, lo fa capire con chiarezza la testimonianza del dottor Conserva nell’inchiesta Anatomia di una Rivolta, di Giulia Bondi e Maria Elena Scandaliato: se non avessero trasferito i detenuti, se li avessero curati, se li avessero visitati prima di portarli in un blindato in giro per l’Italia, non sarebbero morti. Eppure tutti quelli che hanno contribuito a lasciar spegnere quei nove giovani corpi oggi si lavano la coscienza, con l’appoggio della procura che decide di rinunciare a quello che dovrebbe essere il suo ruolo (o forse lo assolve perfettamente…) per mantenere più intatto possibile lo status quo.

La procura di Modena si è presa in questi anni ogni proroga d’indagine possibile, non per approfondire, come avevamo a tratti ingenuamente creduto, ma per ragionare al meglio su come raccontare storie. Nelle due paginette scarse che relazionano la richiesta di archiviazione per i reati di tortura e lesioni a carico di centoventi agenti della penitenziaria, si legge che il motivo della richiesta risiede nella scarsità di referti medici che possano confermare le dichiarazioni di nove detenuti-testimoni, implicitamente accusati di menzogna.

Che quel giorno le persone non fossero state adeguatamente visitate, o non visitate per niente, lo dicono i medici stessi nell’inchiesta mandata in onda dalla Rai. Che fossero state trasferite senza visita medica era già un’anomalia sufficiente a fermare le archiviazioni delle inchieste sulle morti, e invece, in un magico ribaltamento della realtà, questa mala gestione diventa un’arma per archiviare di nuovo, questa volta le singole condotte degli agenti. Che i detenuti, dopo essere scampati al fuoco, al fumo, alle botte, essere stati trasferiti chissà dove, scalzi, gettati in una cella d’isolamento, non abbiano creduto necessario, possibile e utile farsi refertare le contusioni è umanamente comprensibile.

Ma la procura supera sé stessa, asserendo che un altro dei motivi che motiverebbe le archiviazioni sarebbe l’assenza di video di sorveglianza. Video che in tre anni non ci sono, poi ci sono, poi non ci sono di nuovo. Non ci sono perché i detenuti hanno distrutto le telecamere – ah, no, scusate…! –, non ci sono perché i secondini hanno staccato la corrente. Video di cui la procura non vuole parlare e che, ci sarebbe poco da stupirsi, potrebbero comparire magicamente nel momento in cui ci sarà da accusare di devastazione e saccheggio i detenuti ritenuti responsabili della rivolta.

È questa beffa forse la cosa più grave a cui stiamo assistendo: le morti, le botte e le ingiustizie, lo Stato le sta imputando ai detenuti stessi, nell’operazione di capovolgimento tra vittima e colpevole di cui è maestro. In questo gioco perverso, più si è impossibilitati ad agire, più in basso si è tra i gradini della scala sociale, più si è facili vittime di accuse, mentre i veri responsabili si allontanano sempre più dal luogo del fatto.

Da tre anni a Modena esiste un comitato che si batte per avere verità e giustizia, restituzione di una narrazione che non incolpi le vittime e restituisca dignità alle parole di quelli che restano umani. Le carte dicono che delle parole di nove coraggiose persone non ci si può fidare; noi invece diciamo che proprio di chi ha subito, di chi non ha nulla da guadagnare né da perdere da questa situazione, ci fidiamo. Ma questa lotta non è finita, ci sono ancora settanta imputati per rivolta da difendere e una verità da rivelare. Noi saremo ancora qui, coscienti che la lotta per l’emersione di ciò che è successo in quei giorni al Sant’Anna è una lotta per l’emersione della violenza intrinseca e non occasionale, dell’inumanità e dell’insensatezza del carcere e di tutte le istituzioni totali.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

archiviazionecarcereModenapolizia penitenziaria

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Le ragazze di Torino in sciopero della fame

Da martedì 6 febbraio al carcere di Torino nella sezione femminile è iniziato un nuovo sciopero della fame.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Per un aumento delle liberazioni anticipate. Lettera dal carcere femminile di Torino

Sta circolando in rete questa lettera-appello da parte delle detenute del carcere Lorusso-Cotugno di Torino. Le detenute ancora una volta cercano di attirare l’attenzione sulle condizioni di vita all’interno dei penitenziari.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I pm dispongono l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso

Finalmente la Procura di Oristano ha acconsentito sulla base di una nuova testimonianza l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso. Per sette volte avevano detto di No. Ma un audio accusa: il detenuto è stato ucciso. Cambia il capo di imputazione provvisorio: da omicidio colposo a volontario

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

“Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello”

Stefano Dal Corso era stato trovato senza vita nella sua cella ad Oristano, gli restavano 7 mesi da scontare. La famiglia non ha mai creduto che si fosse impiccato. Un testimone afferma: «Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello». La Procura non ha mai voluto effettuare l’autopsia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: intervista a Khaled El Qaisi, rientrato in Italia tre mesi dopo l’arresto arbitrario da parte di Israele

Radio Onda d’Urto ha avuto la possibilità di intervistare Khaled El Qaisi, lo studente e ricercatore italo-palestinese dell’Università La Sapienza di Roma, fondatore del Centro documentazione palestinese, arrestato senza alcuna accusa formale dalla polizia israeliana lo scorso 31 agosto 2023 al confine tra i territori palestinesi occupati e la Giordania.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Su Cesare Battisti e Alfredo Cospito il terrorismo dell’antiterrorismo

Repressione senza sovversione fatta da persone in mala fede che mistificano la realtà odierna al fine di sentirsi più importanti.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’anomalia giudiziaria modenese

Alla luce delle centinaia di imputazioni che nel giro di pochi anni hanno coinvolto militanti, lavoratori e lavoratrici nel modenese, pubblichiamo la segnalazione ricevuta di una iniziativa pubblica che si terrà sabato 25 novembre a Modena per richiamare l’attenzione sul livello repressivo a cui si è giunti in città.