InfoAut
Immagine di copertina per il post

Taranto: “Daspo fuori contesto” per i supporters dell’Ardita Due Mari

||||

“Daspo fuori contesto” per i supporters dell’Ardita Due Mari che lo scorso febbraio avevano contestato la visita di Salvini a Taranto. Tali decreti, adottati dalla digos di Taranto, vanno a colpire dritto al portafoglio dei denunciati.

Erano i primi giorni di febbraio, quando il leader della Lega Matteo Salvini continuava il suo continuo tour elettorale. «Vado in Puglia a parlare di lavoro, infrastrutture e Xylella». Così, a Potenza, il leader della Lega, Matteo Salvini, rispondendo a una domanda sulla scelta del candidato per le Regionali pugliesi.

«Non ho titoli io per andare a promuovere o bocciare qualcuno: per quello che riguarda i nomi e i cognomi dei candidati della squadra si tratta di avere qualche giorno di pazienza e poi ci arriviamo. L’importante sarà mandare a casa Emiliano che ne ha combinate di cotte e di crude».

L’arrivo a Taranto è stato caratterizzato, come nella maggior parte delle città del Sud d’Italia, da un’accoglienza non propriamente benevola. Centinaia di attivisti e attiviste il 19 febbraio si sono dati appuntamento in centro città per far sentire al leader quanto leghista quanto non fosse ben accetto a Taranto. Nonostante la militarizzazione della città tante e tanti sono scese in strada. Durante la serata si sono registrati scontri con le forze dell’ordine. Un mese dopo sono arrivate, puntuali le denunce.

Qualche giorno fa, a sorpresa, sono arrivate delle misure alquanto bizzarre: 5 daspo “fuori contesto” per altrettanti supporters dell’Ardita Due Mari di Taranto. Ancora una volta il mondo dello sport popolare viene colpito dalla repressione.

Di seguito pubblichiamo il comunicato dell’Ardita Due Mari.

«Era il 15 febbraio quando allo Spazio Yashin parlavamo del tema repressione e giustizia sociale con compagni e compagne di Napoli, Torino, Catania, Melendugno.
Quella sera il dibattito cadde inevitabilmente sulle misure repressive adottate dai decreti sicurezza. Da Minniti a Salvini abbiamo assistito ad una progressiva e pericolosa militarizzazione dei territori e criminalizzazione dei dissensi. Inasprendo l’efficacia di misure amministrative come il Daspo.

Dopo solo 4 giorni, il 19 febbraio, il capo dei leghisti si è presentato a Taranto. Immagini e cronache di quel giorno ci restituiscono un clima surreale da G8: un tratto di città – arteria che collega anche l’ospedale al centro cittadino – completamente bloccato transennato e presidiato da un dispiegamento di forze dell’ordine che non si vedeva da anni. Il tutto per permettere ad un senatore di poter fare la sua passerella tra una caserma dei Carabinieri e un hotel con pochi sostenitori al seguito.

Quel giorno, nonostante la militarizzazione del territorio, la città ha risposto presente, opponendo da subito una presenza stabile nei pressi dell’hotel e subendo diversi fermi preventivi oltre che inviti poco amichevoli a lasciare la zona.

All’uscita dall’hotel del leghista, tutti i presenti e solidali hanno provato a cacciare dalla città l’esponente maggiore del partito che da sempre ci denigra, e che ha detenuto fior di mila euro di azioni di ArcelorMittal SpA.

Il resoconto di quella giornata di lotta, allo stato attuale ci restituisce 5 daspo “fuori contesto”.

In un momento difficoltoso economicamente e socialmente come questo, tali decreti, adottati dalla digos di Taranto, vanno a colpire dritto al portafoglio dei denunciati. È palese infatti l’utilizzo strumentale di una sanzione amministrativa e preventiva come il daspo – specie se fuori contesto.

Simbolico il fatto che mentre ai compagni venivano notificati i primi avvisi di avvio del procedimento, proprio il procuratore di Taranto, Capristo, sia finito al centro di una inchiesta giudiziaria per corruzione.

O lo stesso Salvini che con i suoi decreti criminalizza il dissenso, ma sulla questione Open Arms si fa salvare sfuggendo a quella giustizia che tanto difende.

Resta la soddisfazione di aver dimostrato che Taranto non si Lega e che non ci sarà mai accoglienza diversa per i leghisti che vorranno venire a fare qui campagna elettorale.
Che la nostra azione sia stata doverosa oltre che legittimata da anni di abusi e soprusi subiti.

Il 19 febbraio c’eravamo tutte e tutti».

Davide Drago

da Sport alla Rovescia

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

ARDITA DUE MARIdaspotaranto

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Seconda edizione della Convocatoria Ecologista a Taranto

Chiamata da Taranto per la seconda edizione della Convocatoria ecologista che avrà luogo dall’1 al 3 settembre. Tre giorni per affrontare le lotte ecologiste attraverso una chiave intersezionale: il discorso decoloniale e transfemminista sarà cardine del confronto proposto durante le giornate tarantine.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

TARANTO: NUOVO OMICIDIO SUL LAVORO. MUORE UN OPERAIO AL PORTO, SCHIACCIATO DAL TELAIO

Nuovo omicidio sul lavoro. A Taranto Massimo De Vita, 45 anni, è morto mentre lavorava questa mattina, intorno alle ore 8, al quarto sporgente del porto di Taranto, schiacciato da un pesante telaio metallico. Sembra che il telaio si sia improvvisamente sganciato mentre veniva spostato da una nave che trasportava pale eoliche, nel corso delle […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Taranto: eppur si chiude

Alessandro Marescotti spiega “dati causa e pretesto, le attuali conclusioni” della vicenda Ilva, a seguire link ad articoli di Marina Forti, Antonia Battaglia, Gruppo di Intervento giuridico, Medicina Democratica, un documentario di Arte.tv, un articolo del quotidiano Domani, vignetta di Staino Da La bottega del Barbieri Anatomia di un disastro ambientale – Alessandro Marescotti Questa condanna […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ex-Ilva: tragedia sfiorata nell’acciaieria a pochi giorni dalla sospensione di due lavoratori per “eccesso di diritto di critica”

Ennesimo incidente, ennesima tragedia sfiorata allo stabilimento siderurgico AcerlorMittal di Taranto. Ieri alle 7:30 nel reparto di CCO/2 (colata continua dell’Acciaieria 2) è avvenuta un’esplosione in paniera che ha causato la fuoriuscita incontrollata di acciaio liquido, ed ha fatto spostare i pulpitini presenti sulla linea, senza per fortuna causare feriti tra i lavoratori presenti nel […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Arcelor Mittal: è sciopero contro l’arroganza padronale

Dall’altro ieri 18 maggio lavoratrici e lavoratori di Arcelor Mittal di Genova e Novi Ligure sono in stato di agitazione, contro l’improvvisa (a dir poco) decisione dell’azienda di ricorrere alla cassa integrazione: gli operai sono arrivati in fabbrica come tutti i giorni, ma il loro badge era disattivato, la cassa integrazione è partita e nessuno […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Da Taranto – Non sui nostri corpi!

Ripubblichiamo dal portale del C.U.A. di Bologna alcune considerazioni di uno studente tarantino fuorisede iscritto all’UniBo, riflessioni pensate a partire dal primo caso di Coronavirus registrato nello stabilimento ex Ilva-ArcelorMittal (TA). CHIUSURA IMMEDIATA DELL’EX ILVA E DI TUTTE LE FONTI CHE PRODUCONO SFRUTTAMENTO E PRECARIETA’, SOLIDARIZZANDO CON TUTTA LA COMUNITA’ SUBALTERNA, BASTA LAVORARE E MORIRE! […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Daspo e denunce per decine ultrà Torino. Per il questore è un “esperimento sociale” di repressione

 Daspo e denunce per tutti gli appartenenti al gruppo dei Torino Hooligans, di stanza in curva Primavera, dopo gli arresti di qualche giorno fa Blitz della Polizia contro gli ultrà granata appartenenti agli ‘ Torino Hooligans ‘: gli uomini della Digos stanno notificando il Daspo a tutti e 75 i membri del gruppo, 71 dei […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ilva: No alla licenza di uccidere

Per capire a pieno, e misurare, la dose d’”istinto criminale” che guida le grandi transnazionali corsare che navigano con spirito predatorio nel gran mare della globalizzazione, quello dell’Ilva di Taranto è davvero un caso esemplare. Di Marco Revelli per volerelaluna.it Lo “scudo penale” che pretende “l’Acquirente”, come condizione per restare è una vera e propria […]