InfoAut
Immagine di copertina per il post

Pisa: Libreria popolare Paulo Freire, perché e come funziona

Pubblichiamo di seguito il testo di presentazione della Libreria Popolare Paulo Freire che verrà inaugurata venerdì 24 marzo allo Spazio Antagonista Newroz.

da Riscatto

Da qualche tempo gli spazi del Newroz sono in trasformazione, e chi ha avuto modo di attraversarli ha potuto notare un nuovo utilizzo e una nuova conformazione delle stanze. Pareti imbiancate, nuovi quadri e nuovi mobili.

Tra questi una libreria, ma perché? 
La libreria Paulo Freire nasce da un’esigenza che nell’ultimo anno si è concretizzata nel percorso della casa della formazione. Ci siamo chiestə insieme quali fossero i saperi fondamentali su cui porre le basi delle nostre lotte, come riuscire a socializzarli e a far sì che il processo formativo fosse un’esperienza collettiva e non scissa dall’organizzazione, ma in profondo e costante dialogo con essa. Da questa esigenza anche il nome: Paulo Freire. Dal Brasile degli anni ‘60, Freire ha messo in pratica una nuova pedagogia, quella da lui chiamata “della libertà”. In costante dialogo con le classi oppresse, il pedagogista brasiliano ricorda come un percorso rivoluzionario debba partire da queste, anche nella sua teorizzazione: “Chi è preparato – infatti- più degli oppressi, a capire il significato terribile di una società che opprime? […] Chi, più di loro, può capire la necessità della liberazione?”. La necessità della pedagogia non è quindi insegnare un’ennesima verità sul mondo a chi ha perso la capacità di esprimersi proprio a causa dell’oppressione cui è sempre statə sottopostə, ma è piuttosto la ricerca comune di una nuova coscienza, che restituisca a tuttə la capacità di analizzare e agire sulla realtà che ci circonda.

Sulla stessa spinta di creare uno sguardo e una prassi diversi rispetto ai processi formativi, il primo passo che abbiamo pensato è stato quello di mettere a disposizione di tuttə alcuni testi che riteniamo fondamentali. Rendere la formazione un processo collettivo, sganciarla dall’esperienza di consumo individuale cui è sempre soggetta, significa innanzitutto creare uno spazio collettivo in cui essa possa avere luogo. Uno spazio che non sia un solo recipiente di saperi, ma che di quelli faccia strumento per organizzare e nutrire le lotte. Uno spazio, quindi, che non veda utenti o fruitori di un servizio erogato da altrə, ma che viva con il contributo di chi lo attraversa.

Nella costruzione della nostra libreria vogliamo vedere il sapere come qualcosa che non sia astratto, separato o parallelo rispetto alla realtà. Non ci interessano processi cumulativi, in cui pochə sanno molto e il sapere ristagna nei perimetri della conoscenza individuale; vogliamo invece che sia una sorgente che alimenti la nostra prospettiva trasformativa della realtà.

Nel guardare alla formazione come qualcosa di profondamente connesso al reale e alle lotte, è fondamentale anche non percepire la responsabilità di formarsi come qualcosa di individuale. In poche parole: non dover ricercare, nella quotidianità, uno spazio e un tempo in cui formarci individualmente, ma crearci uno spazio ed un tempo collettivi in cui farlo.

Come funziona?

Sugli scaffali della libreria non ci saranno libri casuali: sempre presenti saranno i libri che reputiamo le radici della nostra organizzazione. Ci saranno poi testi inseriti nella programmazione culturale del nostro spazio, un piano di formazione che va di pari passo ai bisogni dettati dall’organizzazione delle lotte.

I libri e le riviste potranno essere consultati in occasione di aperture regolari, che permetteranno proprio l’esperienza collettiva di formazione che riteniamo necessaria.

Il progetto libreria è possibile solo con la partecipazione di tuttə, a partire dalla sua costruzione: ognunə potrà contribuire donando uno dei libri che abbiamo inserito nella lista delle prime esigenze del progetto!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

Libreria popolare Paulo Freirenewrozpisasaperi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Da Torino a Pisa continuano le mobilitazioni per la Palestina.

Le mobilitazioni a sostegno del popolo palestinese continuano, in particolare nei luoghi della formazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lo scandalo della Torre e il senso di Giustizia

Venerdì 17 novembre, a Pisa, un partecipato corteo composto da un migliaio di studentə e lavoratorə in sciopero ha attraversato determinato e rabbioso le strade della città, è arrivato in Piazza dei Miracoli e ha occupato per un’ora uno dei monumenti più famosi del mondo, la Torre di Pisa, calando dalla sua cima una gigantesca bandiera della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Pisa: calata la bandiera palestinese dalla Torre in piazza dei Miracoli

Alla fine di un partecipatissimo corteo studentesco e cittadino a Pisa, che chiedeva il cessate il fuoco immediato, la fine del genocidio a Gaza e la liberazione della Palestina, lə manifestanti sono riuscitə a salire sulla Torre, sfidando il blocco delle forze dell’ordine, per calare una gigantesca bandiera Palestina. L’obiettivo era quello di mostrare ancora […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare l’Escalation: invasa base militare CISAM – Cronaca del corteo

Il corteo Fermare l’Escalation ha attraversato sabato, 21 ottobre, l’hub militare tra Pisa e Livorno e arrivato al Cisam ha invaso la base militare piantando le bandiere della pace.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Giornata di mobilitazione contro la guerra sabato 21: manifestazioni a Pisa e Palermo per fermare l’escalation. A Ghedi un altro corteo

In tale prospettiva “Fermare l’escalation” nasce come processo di mobilitazione di diverse realtà di lotta politica, sindacale, sociale, ecologica, transfemminista, dell’associazionismo, del mondo antimilitarista, pacifista e di quello della giustizia climatica, dei nodi territoriali contro le grandi opere, i disastri ambientali ed il fossile.”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Pisa: la nuova base militare ottiene l’ok del parco di San Rossore. 21 ottobre Mobilitazione Nazionale

La nuova base militare a Pisa, che verrà costruita anche utilizzando un’area del Parco di San Rossore, ha ottenuto ieri l’ok del Comitato del Parco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Una breccia per fermare l’escalation bellica

Si è concluso positivamente il campeggio “Fermare l’Escalation”, tenutosi in località “Tre Pini” dal 13 al 16 Luglio, che è stato attraversato da centinaia di persone di realtà associative, collettive, sindacali, sociali e politiche, provenienti dalle città, dallo stivale e dalle isole.

Immagine di copertina per il post
Culture

Un nuovo territorio dell’estrattivismo: l’editoria scientifica

Non che i legami fra ricerca scientifica e profitto siano una novità (basti pensare alla vicenda dei vaccini), ma qui c’è una novità: è l’attività di comunicazione dei dati e dei risultati all’interno della comunità dei ricercatori che diventa fonte da cui estrarre valore.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pisa. Il ruolo dell’università nell’escalation militare

Divulgati gli accordi tra Università di Pisa e settori militari