InfoAut
Immagine di copertina per il post

In Messico, nel 1968, tre film

Tre grandi film girati in Messico a cavallo del 1968: ri-visti da Francesco Masala (sono recuperabili online)

Da La Bottega del Barbieri

Fando y Lis (Il paese incantato) – Alejandro Jodorowsky

ad Acapulco alla prima del film ci fu qualche tumulto, era capitato anche per i primi film di Buñuel, capita.

fra i produttori del film c’è Juan Lopez Moctezuma (il regista di Alucarda), fra gli attori appare il grande scrittore messicano Juan José Arreola.

si legge da qualche parte che si tratta di un film surrealista, secondo me è più un film felliniano.

impossibile raccontare la storia, due amici-amanti, Fando e Lis, intraprendono un viaggio verso la mitica città di Tar (se esiste), e nel viaggio incontrano tante persone, hanno dei ricordi, o incubi, si mollano e si riprendono, il viaggio è un’avventura.

ma guardatelo, è proprio un gran film, nel Messico del 1968.

buona (strepitosa) visione – Ismaele

QUI il film completo, in spagnolo

https://markx7.blogspot.com/2022/10/fando-y-lis-il-paese-incantato.html

Canoa – Felipe Cazals

come in tutti gli horror che si rispettino la prima parte è simpatica, divertente, un gruppo di amici che vanno a vivere un fine settimana nella natura.

poche settimane dopo, il 2 ottobre 1968 nella Piazza delle tre culture a Tlatelolco, a Città del Messico, l’esercito avrebbe massacrato centinaia di persone, sopratutto studenti, che protestavano pacificamente contro l’occupazione dell’università da parte dell’esercito.

qualche settimana prima un gruppo di amici voleva fare un’escursione sul monte Malinche, arrivarono il 14 settembre, dopo qualche giorno dalla predica di un prete maledetto che preannunciava l’arrivo dei comunisti, con la loro “bandiera rossa come l’inferno e nera come il peccato”.

e il resto lo trovate nel film, potente e terribile, ma non si può non vedere questo piccolo capolavoro sanguinoso.

buona (dolorosa e necessaria) visione – Ismaele

QUI il film completo, in spagnolo

QUI la storia vera, la notte fra il 14 e 15 settembre del 1968

https://markx7.blogspot.com/2022/10/canoa-felipe-cazals.html

Rojo amanecer – Jorge Fons

il film è ambientato in un appartamento, fuori succede il finimondo, l’esercito compie un massacro di persone pacifiche, studenti sopratutto, che chiedevano che l’esercito abbandonasse l’università.

una famiglia come tante fa colazione, nessuno immagina lontanamente cosa sarebbe successo.

i ragazzi più grandi andranno alla manifestazione, e dopo la fine inizieranno ore di terrore per tutti.

gli assassini sono i soldati, ma anche i franco tiratori sui tetti dei palazzi intorno alla piazza e quegli agenti assassini che vanno a cercare casa per casa se qualche manifestante è sfuggito alla mattanza.

il film, censurato per molti anni (che coincidenza), riesce a far star male, e a far soffrire insieme a chi sta in quell’appartamento.

attori bravi (merito anche del regista, no?) riescono a coinvolgere chi guarda.

un piccolo grande film da non perdere.

buona (sofferta) visione – Ismaele

QUI il film completo, in spagnolo

https://markx7.blogspot.com/2022/10/rojo-amanecer-jorge-fons.html

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

1968filmmessico

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Per tutto il periodo natalizio, fino al 3 gennaio, Torino spiegherà ai suoi cittadini cos’è l’apartheid israeliano

Grandi schermi luminosi posti alle fermate dell’autobus mostreranno un messaggio chiaro e semplice sul sistema di oppressione messo in atto da Israele nei confronti dei palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Martino Taurino – A Guera…

Tutte le guerre sono combattute per denaro.
(Socrate)

Immagine di copertina per il post
Culture

Quarticciolo: Insieme tutto è possibile!

Regala un abbonamento sospeso alla Palestra Popolare Quarticciolo

Immagine di copertina per il post
Culture

Geopolitica della qualificazione del Marocco

Dopo aver sconfitto il Portogallo il Marocco è alle semifinali contro la Francia. Un match estremamente simbolico esattamente quanto quelli che l’hanno preceduto. Le ripetute vittorie hanno generato festeggiamenti in ogni angolo del continente africano e anche in molte periferie d’Europa.

Immagine di copertina per il post
Culture

Juventopoli e dinastia Agnelli: lo specchio del capitalismo italiota

E’ una banalità confortante e molto spesso falsa quella che afferma che “il pallone è lo specchio del paese”. E però quanto sta succedendo in casa Juve, al di là della telenovela familiare, è indicativo dell’identità del capitalismo italiano (e probabilmente non solo).

Immagine di copertina per il post
Culture

La resistenza del popolo valsusino

E sono i volti, scolpiti nella pietra delle montagne della Valsusa e allo stesso tempo dolci, di Nicoletta, Marisa e Paolo, mentre parlano nelle assemblee o discutono con gli “occupanti” oppure scrivono slogan con le bombolette spray sulle barriere del cantiere in Clarea, a rivelarci ancora quanta forza e quanta determinazione ci siano dietro a questa lotta.

Immagine di copertina per il post
Culture

Mondiale, Olimpiadi, Tour de France… L’overdose delle competizioni climaticide

Sci nel deserto, stadi monouso… La Coppa del Mondo in Qatar non è l’unico grande evento sportivo a distruggere l’ambiente. Si preparano nuove bombe climatiche.

Immagine di copertina per il post
Culture

Palestina: dovrei credere nella violenza?

Con il 2022 destinato a essere “l’anno più mortale” per i palestinesi in Cisgiordania, Mohammed El-Kurd rifiuta di essere costretto a giustificare il diritto del suo popolo di resistere all’occupazione israeliana, in particolare a coloro che approvano la violenza perpetrata su di esso.

Immagine di copertina per il post
Culture

Frammenti di vita di un comunista

L’autobiografia che segue è uno straordinario frammento di memoria su una militanza comunista esercitata quotidianamente negli anni Settanta all’interno dell’esperienza dei Collettivi politici veneti.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Messico: casa e dignità

L’OPFVII è un’organizzazione sociale che raccoglie sostanzialmente settori sociali con rivendicazioni legate alla casa come disoccupati, operai, professionisti, donne di casa e studenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La lunga lotta del ejido San Isidro

Questo 14 luglio, l’ejido San Isidro, Jalisco, ha raggiunto un traguardo storico nella sua lotta per la terra, recuperando finalmente la proprietà di 280 ettari (più della metà della terra dell’ejido), che rivendicava da più di 80 anni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Chi siamo? Per cosa lottiamo? come lottiamo?” L’Organizaciòn Popular Francisco Villa De Izquierda Independiente (OPFVII)

Da Il nodo solidale Le parole che seguono sono un importante strumento per iniziare a conoscere l’OPFVII attraverso il suo operato, il suo modo di organizzarsi e la sua storia; un’ introduzione che possa accompagnare il breve tour italiano in cui sarà possibile ascoltare di persona una delegazione dell’OPFVII ed il suo confronto con i […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Repressione contro le studentesse di Teteles che bloccavano una strada

Città del Messico / Le studentesse della Normale di Teteles, nel Puebla, hanno denunciato la repressione e la persecuzione di circa 500 granatieri per sgomberare il blocco che le normaliste tengono nell’Avenida Reforma, a Città del Messico, per chiedere che non si privatizzi la loro scuola, la destituzione delle autorità corrotte, giustizia per due studentesse […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Il patto della Quarta Trasformazione con l’esercito

Incredibile ma vero. A 4 anni dall’insediamento del governo di Andrés Manuel López Obrador ascoltiamo in una delle sue conferenze mattutine un esplicito riconoscimento del fatto che non pensa più come prima. “Sì, ho cambiato idea, vedendo ora il problema che ho ereditato, come affrontare il problema dell’insicurezza? Sapevo fin dall’inizio e sono assolutamente convinto […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: grandi opere e grande repressione.

Per il Tren Maya e gli altri megaprogetti il presidente Andrés Manuel López Obrador militarizza i territori. Le grandi imprese e le milizie private ringraziano, ma i popoli indigeni e i movimenti sociali proseguono la resistenza.    Sul Tren Maya il presidente Andrés Manuel López Obrador non intende tornare indietro. All’inizio di agosto, il giudice […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

Pubblichiamo la traduzione (divisa in tre parti) dei comunicati dell’Asamblea de Pueblos Indígenas del Istmo de Tehuantepec ed un’introduzione al testo a cura del Nodo Solidale. In solidarietà l@s comp@s dell’Asamblea de Pueblos Indígenas del Istmo de Tehuantepec (APIIT) riportiamo la traduzione dei loro comunicati sperando che ci aiutino a comprendere i livelli dell’attacco estrattivista in atto […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Da qui si può mirare il cielo

Condividiamo un documento del Nodo Solidale sull’esperienza dell’OPFVII nella periferia di Città del Messico (febbraio – marzo 2022). Entrare nella comunità di Acapatzingo è un’esperienza forte in un Messico contraddittorio come quello che amiamo esplorare, perché per la prima volta se si alza lo sguardo non c’è nulla che si frapponga fra il basso e […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Messico: Nel Guanajuato percuotono e arrestano le donne che protestavano contro i femminicidi

Città del Messico / Almeno 30 donne sono state arrestate arbitrariamente dalla polizia di Irapuato, Guanajuato, quando il 1 maggio protestavano contro la violenza femminicida nel municipio. Le donne sono state percosse e represse dalla polizia municipale e trasferite nel Centro Femminile di Reinserimento Sociale (Cereso) di Irapuato, dopo che la mobilitazione era giunta alla […]