InfoAut
Immagine di copertina per il post

I fumetti di Mao

Chi è che mette sotto accusa i fumetti occidentali (indipendentemente dalla ideologia specifica che veicolano)? Di solito è l’intellettuale di tradizione umanistica che vi vede un depauperamento di quelle possibilità educative che dovrebbero essere realizzate dai libri, dalla scuola, dal teatro.

da Machina

E in un certo senso costui ha ragione: siccome formalmente ogni cittadino della società borghese ha diritto di andare a scuola, a leggere Stendhal o Goethe, ad ascoltare Bach, il vederlo leggere Superman o ascoltare le canzoni di San Remo rende evidente la truffa che la cultura di massa perpetra ai suoi danni, impedendogli, attraverso messaggi «facili», di adire a esperienze più nutritive. Che poi questo cittadino sia discriminato fin da piccolo in modo che non vada a scuola; che (se ci va) non possa arrivare a capire Goethe o Bach; e che (se arriva) non abbia più il tempo ed energia per frequentarli, questo è un altro problema: l’indignazione culturale non si cura di queste miserie e lavora sugli assoluti.

La pedagogia cinese rivoluzionaria ha dovuto però fare, evidentemente, un altro calcolo. Le enormi masse che aveva da educare arrivavano appena allora alle soglie dell’alfabetizzazione; e la cultura precedente si era sviluppata in modo tale da riuscire loro del tutto estranea. Quindi il tipo di cultura trasmesso e realizzato dai fumetti è, sia pure a livello più basso, la cultura vera, l’unica possibile e realizzabile. Che poi sia desiderabile e ovvio che un militante cosciente anziché leggere i fumetti legga i classici del marxismo-leninismo, mi pare fuori discussione, ma è chiaro che in questa fase la cultura dei fumetti non costituisce una perdita rispetto a qualcosa che c’era già, ma una fase di passaggio, una base indispensabile. E quindi la loro diffusione non appare più come da decisione puramente empirica e spregiudicata di usare ogni mezzo possibile, anche negativo, pur di veicolare un’ideologia. È invece la coscienza del fatto che, là dove è necessario, pensare a «fumetti» è una fase positiva per un popolo che non può più pensare da mandarino.

La storia a fumetti, allora, l’avvilimento di una Scrittura già assestata: è la fondazione elementare di un Alfabeto (Umberto Eco, 1971).

*L’editore resta a disposizione per gli eventuali aventi diritti

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

cultura popolarefumettimao

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Zerocalcare diserta il Lucca Comics per il patrocinio di Israele

Zerocalcare non andrà al Lucca Comics & Games. A dare la notizia è stato lo stesso fumettista sul suo profilo social. Il motivo, ha spiegato, è il patrocinio alla manifestazione dell’ambasciata israeliana in Italia.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Martino Taurino – La stagione dei Meloni

“Pensate a tutti i vecchi in giro per le strade senza pensione. Non
sottovalutiamolo. Il debito pubblico può tirarci giù come una piovra
gigantesca. La gente andrà a dormire nei cimiteri. E nel frattempo, in
cima a tutto il marciume c’è una crosta di ricconi (…) I ricchi sono
sempre lì. Trovano sempre il modo per mungere il sistema.” Charles Bukowski

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La Rivoluzione Culturale come “scoppio generale della crisi premoderna” in Cina – Una recensione de “Il Sorgo e l’acciaio”

Il libro si pone come una storia dello Stato, cercando di rispondere alla domanda “come si è formata la Cina (moderna)”, per raccontare la storia di come si è formato uno Stato-nazione come unità di produzione industriale. Partendo dal periodo coloniale alla fine della dinastia Qing, si arriva agli anni Settanta.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Fabu – Carbone

La vignetta di Fabu – Carbone

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Martino Taurino – Sia Gloria a Certi Nonni…

Onore a chi, un secolo fa, pensava con la propria testa…

Immagine di copertina per il post
Culture

Medio Oriente. Il fumetto per raccontare le storture della guerra

“Marmellata con laban” della fumettista libanese Lena Merhej raccontato da Maria Rosaria Greco, curatrice dell’edizione italiana e della rassegna Mediterraneo Contemporaneo: “Il fumetto diventa lo strumento ideale per esprimere con leggerezza e ironia il disagio più intimo, la memoria individuale e collettiva, ma anche la militanza, il dissenso” di Maria Rosaria Greco* Roma, 26 novembre […]