InfoAut
Immagine di copertina per il post

Dante e il ministro della propaganda

È stata cosa buona e giusta seppellire l’uscita del ministro della Cultura Sangiuliano su Dante («So di dire una cosa molto forte, ma penso che il fondatore del pensiero di destra italiano sia Dante Alighieri». E ancora: «quella visione dell’umano della persona la troviamo in Dante, ma anche la sua costruzione politica credo siano profondamente di destra») sotto una montagna di prese in giro, sfottò, irrisioni e meme di ogni tipo. Come reazione a caldo, non meritava molto altro. Ma, a qualche giorno di distanza e dopo la lettera autoapologetica che il ministro ha inviato al Corriere della sera, è invece il caso di tornarci su in modo serio.

di Tomaso Montanari da Volere la Luna

Sangiuliano definisce “provocazione”, la sua uscita. Ma a ben guardare è tutto tranne che un’uscita estemporanea, o campata per aria. Sangiuliano cita come prima fonte un saggio di Enrico Ghidetti sul Dante di Croce e Gentile, in cui si esamina la costruzione del mito dell’Alighieri come «epicentro ideologico della trattazione del principio di nazionalità». A seguire, una scarna antologia di citazioni relative al ruolo di Dante come padre della nazione. Infine, il sillogismo che sorregge tutto il ragionamento: «chi intende difendere l’identità nazionale, cioè i conservatori, non può non ritrovare in Dante Alighieri un antenato nobile».

Urgono tre considerazioni. La prima è che questo sillogismo è culturalmente falso. La seconda è che questo sillogismo è un’invenzione fascista, ed è dunque una spia che permette di tracciare senza equivoci la genealogia della ideologia del ministro. La terza è che, in bocca al ministro della Cultura della Repubblica italiana, esso è terribilmente improprio, abusivo, grave.

La prima. Ammesso (e per nulla concesso) che sia storicamente possibile individuare in Dante il padre di una idea di nazione italiana, si tratterebbe di una nazione per via di lingua, non certo per via di sangue, o di stirpe. E una nazione per via di lingua è, per definizione, aperta al meticciato tramite l’evoluzione della lingua. Come dimostra, per dirne una, l’enorme quantità di parole arabe, o francesi, impastate da Dante nel suo volgare. E senza dimenticare che l’idea di un Dante reazionario, pure presente (tra mille altre diverse) nella storia della critica, faceva perno proprio in una opposizione al decollo degli stati-nazione, in difesa di un’Italia plurale, e comunale. Tutto il contrario, dunque, della caricatura ipernazionalista odierna. D’altra parte, la difesa dell’identità nazionale, intesa come difesa di una presunta purezza etnica (culturale, religiosa, razziale…), si fonda su una costruzione dell’identità che violenta la storia, riscrivendola, tra parzialità e invenzioni, al servizio di una retorica del tutto contemporanea. Questa difesa è la continuazione peggiorativa – per così dire, la perversione – dell’invenzione di una «nazione come comunità naturale, fatta di legami parentali e di patrimonio territoriale, un retaggio che le appartiene da tempi immemorabili» (Alberto M. Banti) che fu funzionale alla lotta per l’unità nazionale. Una nazione per sangue e stirpe: etnica, insomma. Una nazione che rischia di non fare i conti con la storia (che è sempre incontro e mescolanza), o anzi di usarla ideologicamente. Quella descritta dall’inno di Mameli: intrisa di una retorica quasi razziale, e di una terribile mistica della morte. Un’idea di nazione che giunge al culmine distorsivo con il fascismo: «Oltre cinquanta milioni di italiani che hanno lo stesso linguaggio, lo stesso costume, lo stesso sangue, lo stesso destino, gli stessi interessi: una unità morale, politica ed economica che si realizza integralmente nello Stato fascista: ecco la nazione» (così La dottrina fascista, 1929). Per Mussolini, «l’Italia è una razza, una storia un orgoglio», e per il Manifesto della razza (1938) non ci sono dubbi: «Esiste ormai una pura razza italiana».

Come si vede, siamo decisamente arrivati alla seconda considerazione: quella sul Dante fascista. Qui c’è solo l’imbarazzo della scelta: nell’equivalenza totalitaria nazione-fascismo, Dante diventa il padre di entrambi. Fin dal 1921 Mussolini promette: «noi fascisti faremo in modo che tutti gli italiani abbiano l’orgoglio di appartenere alla razza che ha dato Dante Alighieri». Manterrà la parola, almeno quella, strumentalizzando il poeta con infinite citazioni, glorificazioni, monumentalizzazioni, tutte funzionali all’autoesaltazione. Si sprecano i libri intitolati alla coppia Dante e Mussolini, e la Società Dante Alighieri stampa manifesti con il ritratto del poeta, e con la frase del Duce: «La Dante riassume ogni idealità nazionale». Scrive Fulvio Conti (in Il Sommo italiano. Dante e l’identità della nazione, Roma, Carocci Editore, 2021): «Il fascismo ebbe gioco facile nell’ascrivere il poeta fiorentino fra i massimi simboli identitari della nazione e del regime stesso. Fin dal 1921 con la marcia su Ravenna degli squadristi guidati da Italo Balbo e Dino Grandi, in occasione delle celebrazioni del settecentesimo anniversario della morte, il movimento mussoliniano dimostrò inequivocabilmente di voler mettere le proprie mani su Dante e su tutto ciò che egli incarnava. E non è privo di significato che nell’aprile 1945, quando la Repubblica di Salò era prossima al crollo, Alessandro Pavolini, uno dei gerarchi rimasti più fedeli al duce, abbia addirittura coltivato l’idea folle di dissotterrare le ossa di Dante per portarle nel “Ridotto alpino repubblicano” della Valtellina e farne il nume tutelare dell’estremo sacrificio delle camicie nere». Di recente, il modesto catalogo di una mostra a … Predappio (Dante. Il più italiano dei poeti, il più poeta degli italiani, a cura di Franco Moschi e Piero Casavecchia, con contributi di Giordano Bruno Guerri, Vittorio Sgarbi, Marcello Veneziani…), con in copertina i profili di Dante e di Mussolini, ha riproposto il mito fascista, con toni scopertamente apologetici: «Per completare questa opera di sacralizzazione mancava solo la costruzione del “Danteum” un grande tempio dedicato al Sommo Poeta a Roma nel cuore della zona imperiale da realizzare in occasione dell’E42, l’Esposizione Universale del 1942. Questo ambizioso progetto avrebbe simbolicamente consacrato il fascismo a religione politica e sancito definitivamente il ruolo di Dante come nume tutelare della Nuova Italia. La Seconda guerra mondiale non consentì la realizzazione di questi progetti, ma ormai l’Alighieri era diventato un simbolo sacro del regime e la sua figura ne pagò le conseguenze in un lungo Dopoguerra che solo da pochi anni, grazie ad analisi e a riletture dell’opera e del mito di Dante prive di paraocchi ideologici, sembra essere finito». Mette appena conto notare che, naturalmente, la fortuna di Dante non si è affatto appannata in questo «lungo Dopoguerra», vale a dire nell’Italia liberata della Repubblica: ad essersi appannata, almeno finora, è invece la sua strumentalizzazione fascista. Ma è evidente che è questa la linea culturale, inconfondibilmente e fieramente fascista, che è riemersa nelle parole, solo apparentemente frutto di una improvvisazione, del ministro della Cultura del primo governo di matrice fascista nella storia della Repubblica.

E qua veniamo alla terza, e ultima considerazione. Quando nacque il governo Draghi (febbraio 2021), ebbi modo di notare che «una novità c’è: il nome del Mibact cambia, passando da “Ministero per i Beni e le attività culturali e il turismo” a “Ministero della Cultura”. Non è un cambiamento irrilevante. Nel momento in cui si tornava a scorporare il Turismo (ottima cosa, questa: anche se dovuta alla fame di dicasteri di un governo pletorico), ci si è ben guardati dal lasciare lo spazio al patrimonio culturale, così bisognoso di cura e attenzione. E si è preferita una dicitura suggestiva, quanto pericolosa: che lasciasse in ombra la tutela e promuovesse la retorica della cultura. In Italia, infatti, l’abbiamo avuto un Ministero della Cultura (Popolare): lo volle Mussolini nel 1937, e fu cancellato, grazie alla Liberazione, nel 1944. Era il simbolo del controllo del fascismo sulla cultura, sull’espressione, sul pensiero. E fu contro quella stagione orribile che la nostra Costituzione proclama che “Le arti e le scienze sono libere” (art. 33). Quando, nel 1974, Spadolini volle il Ministero alla cui poltrona è oggi incollato Dario Franceschini, lo chiamò (echeggiando riflessioni di Norberto Bobbio) «per i beni culturali» e non «dei beni culturali»: proprio contro quel genitivo che esprimeva un’idea di possesso e direzione della cultura. Ma oggi siamo nell’epoca della Netflix della Cultura e dell’Arena del Colosseo: l’epoca del Ministero DELLA Cultura DI Franceschini. Chiamiamolo pure Ministero della Propaganda». Mi sono permesso questa lunga citazione di me stesso, solo per dimostrare quanto fosse facile prevedere che quel nefasto cambiamento di nome avrebbe aperto la strada alla nascita di un Ministero non al servizio della cultura, ma che mettesse invece la cultura al servizio di un disegno politico, o ideologico. Il PD ha assolto, una volta in più, la sua tragica funzione di apripista della peggior destra, e quel rischio si è avverato fin troppo presto: il ministro Sangiuliano intende ora il suo ruolo come quello di un catechista ideologico al servizio di una dottrina ben precisa. Non c’è giuramento sulla Costituzione (antifascista) che tenga: il ministro – e, per quanto, gli riuscirà di orientarlo, il Ministero – non lavora per una cultura che favorisca il pieno sviluppo della persona umana, ma per l’egemonia culturale di una destra la cui matrice è fin troppo ostentata. Bene prendere atto per tempo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

culturadantegoverno melonisangiuliano

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

La cartolina di Zero Calcare in solidarietà ai detenut*

Pubblichiamo la cartolina realizzata da Zero Calcare pensata per essere inviata in carcere come gesto di solidarietà e di vicinanza a chi viene privato della propria libertà. Uno dei pochi strumenti a disposizione per oltrepassare simbolicamente le mura che dividono i detenuti e le detenute dall’esterno è la possibilità di mandare lettere, cartoline e qualche […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Un contadino nella metropoli di Prospero Gallinari

Dieci anni fa, il 14 gennaio 2013, Prospero Gallinari moriva a Reggio Emilia. Colpito dall’ultimo e definitivo malore cardiaco, venne trovato nei pressi della sua abitazione, riverso al volante dell’automobile.

Immagine di copertina per il post
Culture

A prescindere dal risultato, l’avidità dei padroni batte la sicurezza dei giocatori di football

I tifosi e i giocatori di football sono rimasti sconvolti il 2 gennaio quando Damar Hamlin, 24 anni, safety dei Buffalo Bills, è andato in arresto cardiaco dopo aver effettuato un placcaggio di routine in una partita trasmessa a livello nazionale contro i Cincinnati Bengals.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il marxismo secondo Bloch, una mappa del mondo che contiene il paese Utopia

Per il filosofo tedesco, infatti, il futuro autentico, l’avvenire propriamente utopico, è ciò che non è accaduto mai e in alcun luogo. Allo stesso tempo, “non tutto ciò che è scomparso è ciarpame, perché c’è del futuro nel passato, qualcosa che non è stato liquidato, che ci è dato in eredità”.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Fabu – Carbone

La vignetta di Fabu – Carbone

Immagine di copertina per il post
Culture

I fumetti di Mao

Chi è che mette sotto accusa i fumetti occidentali (indipendentemente dalla ideologia specifica che veicolano)? Di solito è l’intellettuale di tradizione umanistica che vi vede un depauperamento di quelle possibilità educative che dovrebbero essere realizzate dai libri, dalla scuola, dal teatro.

Immagine di copertina per il post
Culture

Per tutto il periodo natalizio, fino al 3 gennaio, Torino spiegherà ai suoi cittadini cos’è l’apartheid israeliano

Grandi schermi luminosi posti alle fermate dell’autobus mostreranno un messaggio chiaro e semplice sul sistema di oppressione messo in atto da Israele nei confronti dei palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Martino Taurino – A Guera…

Tutte le guerre sono combattute per denaro.
(Socrate)

Immagine di copertina per il post
Culture

Quarticciolo: Insieme tutto è possibile!

Regala un abbonamento sospeso alla Palestra Popolare Quarticciolo

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lo stato di salute della sanità – Intervista a Chiara Rivetti

A poco meno di due anni dall’inizio della pandemia di Covid19 abbiamo posto alcune domande a Chiara Rivetti di Anaao Piemonte sulla condizione della sanità nel nostro paese.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il governo Meloni e noi. Appunti per la militanza..

Dopo i primi mesi di legislatura “democraticamente” eletta, cerchiamo di fotografare una prima parziale, ma quanto mai necessaria, analisi dei paradigmi, vecchi o nuovi che siano, su cui le istituzioni cercano di costruire la loro attuale legittimità di governo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Rincari: il 2023 si apre con una vera e propria stangata per le famiglie

Aumenta la bolletta del gas per le famiglie ancora in tutela, con un +23,3% a dicembre. Lo rende noto l’Arera, secondo cui la spesa per il gas della famiglia tipo nel 2022 si è attestata a 1.866 euro, in crescita del 64,8% rispetto al periodo del 2021.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

I “vigliacchi” del clima

Ieri gli attivisti di “Ultima Generazione” hanno imbrattato con della vernice lavabile Palazzo Madama, sede del Senato, contro le politiche climaticide del governo italiano al sesto posto tra i finanziatori di energie fossili. Apriti cielo: condanna bipartisan di tutto l’arco costituzionale, tre attivisti sono stati arrestati e due denunciati, il governo di Fratelli d’Italia si […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Una domanda di futuro su cui farsi molte domande

Tra tensioni millenaristiche, depressioni croniche e chiusura nel privato, l’epoca che stiamo vivendo a prima vista assomiglia ad un vicolo ceco. Eppure è lapalissiano a sempre più persone che il modo in cui si è organizzata la società umana negli ultimi secoli è insostenibile e dovrà per forza di cose mutare in una direzione o nell’altra.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Manovra antisociale: la dignità del rifiuto

La questione del reddito di cittadinanza è uno dei temi centrali all’interno della manovra di bilancio del neo governo Meloni. Nel ritardo più assoluto nel chiudere la manovra entro l’anno il governo, tra uno strafalcione e l’altro, inizia a porre alcuni elementi sul tavolo, dichiarando quali sono le priorità e cosa sacrificare sull’altare della suddivisione della torta. Entro domattina all’alba la votazione dovrà essere conclusa.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

L’eterna bufala del Ponte sullo Stretto

“Facciamo il Ponte”: sono tre parole, semplici, chiare e vistose anche per chi guarda distrattamente i media.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo: mobilitazione a difesa del reddito di cittadinanza.

Una delle prime mosse del governo Meloni è stata quella di attaccare, inizialmente su un piano di propaganda e, in un secondo momento, tramite la legge di bilancio, il dispositivo del reddito di cittadinanza, decidendo di abolirlo a partire dal 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Fabu – Abboccano?

La vignetta di Fabu – Abboccano?