InfoAut
Immagine di copertina per il post

Quasi 2 mila tzeltal contro la costruzione dell’autostrada San Cristóbal-Palenque

Durante un’assemblea straordinaria effettuata sabato, dalle ore 10.00 alle 14.00, nella comunità di Guadalupe Paxilá, gli ejidatari si sono accordati in modo unanime di non permettere il passaggio della strada attraverso le loro terre ed esigono dal governo, nei suoi tre livelli, di “rispettare” l’accordo.

“Una volta ottenuto il relativo conteggio da parte del tavolo delle discussioni e degli scrutatori, si è riscontrato che all’unanimità, a voce e con il voto, secondo gli usi e i costumi, è stata rifiutata la costruzione dell’autostrada”, hanno rivelato in un comunicato gli indigeni.

Hanno aggiunto che l’accordo è stato preso perché l’opera, che il governo progetta di iniziare alla fine di quest’anno con un investimento di dieci miliardi di pesos, “danneggerebbe le nostre terre di lavoro e di coltivazione, per la sopravvivenza, per i luoghi sacri e le aree di uso comune per far pascolare gli animali, tagliare la legna per la preparazione degli alimenti, per conservare i boschi e le acque, per fare coltivazioni di mais, conservare i costumi e la cultura come popolo indigeno”.

Hanno evidenziato: “Tutti e ciascuno dei partecipanti hanno manifestato e argomentato la necessità di conservare i propri lotti che lavorano e le proprie terre ejidali (campi comuni per il pascolo, ndt) nella loro totalità e integrità, conservandone l’uso come proprietà sociale secondo l’articolo 27 della Legge Agraria, così come della dichiarazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni e il paragrafo sulle terre del Trattato 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro”.

Hanno dichiarato che “le terre e il territorio del popolo tzeltal sono una rivendicazione storica, poiché i nonni raccontano che in epoche passate furono sfruttate e assoggettate dai proprietari terrieri e dai possidenti meticci e ora non permetteremo che ritorni questo sistema di schiavitù e di soggezione da parte del governo federale e statale e delle imprese costruttrici locali, nazionali e internazionali”.

Gli ejidatari di San Jerónimo Bachajón hanno richiesto che “i governi, federale, statale e municipale, che stanno agendo in modo repressivo, mettano fine all’aggressione, alla persecuzione e alle minacce contro le autorità del nostro organo ejidale”.

Esigono anche “l’immediata riassunzione nel suo posto di lavoro dell’ingegnere Juan Manuel Jiménez de la Cruz”, originario dell’ejido, che è stato “licenziato senza giustificazioni” dal suo incarico dal delegato della Segreteria dei Popoli e delle Culture Indigene che ha sede a Yajalón, Ramiro Miceli Maza, poiché non era d’accordo a convincere il proprio padre, Manuel Jiménez Gómez, che è presidente del commissariato ejidale, ad accettare la costruzione della via e a persuadere gli altri ejidatari.

Allo stesso modo hanno richiesto al locale deputato priista Carlos Jiménez Trujillo, originario della zona, di “pronunciarsi pubblicamente nel Congresso contro la costruzione della strada, se veramente sta con il popolo”.

31/08/2014

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

autostradamessico

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torna il Festival Alta Felicità

Torna il Festival Alta Felicità! Dal 26 al 28 Luglio la Borgata 8 Dicembre di Venaus sarà di nuovo attraversata da migliaia di persone che, con entusiasmo, arriveranno in Val di Susa per tre giorni di musica, dibattiti, incontri e gite.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Maxi-striscione di Extinction Rebellion su una gru dentro il Politecnico: “Stop alla ricerca per il genocidio”.

Un grandissimo striscione è stato appeso questa mattina da Extinction Rebellion al braccio orizzontale della gru che affaccia su corso Castelfidardo: “Politecnico: stop research for genocide”, in solidarietà agli studenti in occupazione per la Palestina.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appello alla mobilitazione per la stagione 7 dei Soulèvement de la Terre.

Per consultare l’appello completo è possibile leggerlo in italiano direttamente sul sito dei Soulèvement de la Terre. Di seguito le prossime date da segnare in calendario..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ciao Silvano

Avremmo voluto avere un po’ più di tempo per salutarci come si deve, con un brindisi in più per salutare questo mondo che da quando eri ragazzo hai fatto di tutto per cambiare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: due contadini morti e centinaia di feriti per la repressione sui difensori dell’acqua nel Veracruz.

Città del Messico / Almeno due contadini sono stati assassinati e centinaia di persone colpite dai poliziotti del Veracruz durante un’operazione per sgombrare il picchetto indefinito che il Movimento in Difesa dell’Acqua..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Per la violenza migliaia di persone sono obbligate a sfollare nella regione Sierra e a Frontera nel Chiapas

Migliaia di persone dei municipi chiapanechi di Chicomuselo, Socoltenango e La Concordia sono state obbligate a sfollare dalle proprie comunità per la violenza provocata da gruppi del crimine organizzato e dalle forze armate, dopo lo scontro tra cartelli del passato 15 gennaio e l’irruzione dell’esercito e della Guardia Nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chiapas: si concludono le celebrazioni per il 30esimo anniversario dell’insurrezione zapatista

Si sono tenute a cavallo del capodanno le celebrazioni per i 30 anni dell’inizio della rivolta zapatista in Chiapas.