InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

da notav.info

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Veniamo infatti a conoscenza da giornali locali della zona della Savoia che il segretario del Partito Socialista della regione, Francois Chemin, ha dato le dimissioni proprio per disaccordo sulla questione tav. Questo è avvenuto a seguito dell’annuncio della candidatura di Daniel Ibanez (già citato in giudizio per le sue dichiarazioni contrarie alla mala opera da parte dei promotori del progetto e nei confronti del quale il movimento No Tav aveva espresso solidarietà) nella terza circoscrizione della Savoia in qualità di candidato per la France Insoumise che rappresenterà il Nuovo Fronte Popolare alle prossime elezioni legislative.

Francois Chemin, indiganto, dichiara infatti, come sia possibile che la France Insoumise “imponga con un colpo di mano inammissibile un candidato apertamente ostile alla realizzazione della linea Torino-Lione molto conosciuto per il suo attivismo”.

Non può che sembrarci una buona notizia il fatto che la questione tav diventi la leva per aprire contraddizioni in seno al Nuovo Fronte Popolare della sinistra costituitosi per arginare l’avanzata dell’estrema destra di Marine Le Pen, in quanto possa essere un tema in grado, da un lato di spingere ancora più a sinistra questa coalizione e, dall’alto, perché è evidente quanto sia un terreno emblematico nell’Europa in crisi. A questo punto non possiamo che augurarci che, se il Nuovo Fronte Popolare dovesse vincere, la fine del progetto tav assuma posizione centrale nell’agenda del nuovo governo.

I legami con i comitati e i movimenti francesi in questi ultimi anni si fanno sempre più stretti ed è proprio grazie alla costituzione di un fronte comune al di là e al di qua delle Alpi che pensiamo sia possibile mettere un freno a questa scellerata opera di propaganda e devastazione in grado soltanto di garantire la mangiatoia per i soliti noti. Proprio questo sabato si terrà un’iniziativa congiunta dai due lati della frontiera organizzata insieme ai comitati no tav francesi per ribadire la necessità di una corretta gestione delle risorse, per la messa in sicurezza della linea storica e per manifestare la contrarietà all’opera.

A maggior ragione in questo momento il tav diventa un ulteriore campo di battaglia in una fase storica e politica buia e complessa. Se all’interno dell’arco istituzionale rappresentato dalle anime mélanchoniste le promesse non dovessero essere da marinaio (come dalle nostre parti) sicuramente il tav dovrebbe stare in cima alle priorità del nuovo corso.. a buon intenditor!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

FranciamacronMELANCHONnotavnuovo fronte popolare

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torna il Festival Alta Felicità

Torna il Festival Alta Felicità! Dal 26 al 28 Luglio la Borgata 8 Dicembre di Venaus sarà di nuovo attraversata da migliaia di persone che, con entusiasmo, arriveranno in Val di Susa per tre giorni di musica, dibattiti, incontri e gite.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Maxi-striscione di Extinction Rebellion su una gru dentro il Politecnico: “Stop alla ricerca per il genocidio”.

Un grandissimo striscione è stato appeso questa mattina da Extinction Rebellion al braccio orizzontale della gru che affaccia su corso Castelfidardo: “Politecnico: stop research for genocide”, in solidarietà agli studenti in occupazione per la Palestina.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appello alla mobilitazione per la stagione 7 dei Soulèvement de la Terre.

Per consultare l’appello completo è possibile leggerlo in italiano direttamente sul sito dei Soulèvement de la Terre. Di seguito le prossime date da segnare in calendario..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ciao Silvano

Avremmo voluto avere un po’ più di tempo per salutarci come si deve, con un brindisi in più per salutare questo mondo che da quando eri ragazzo hai fatto di tutto per cambiare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: due contadini morti e centinaia di feriti per la repressione sui difensori dell’acqua nel Veracruz.

Città del Messico / Almeno due contadini sono stati assassinati e centinaia di persone colpite dai poliziotti del Veracruz durante un’operazione per sgombrare il picchetto indefinito che il Movimento in Difesa dell’Acqua..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Un suspiro de alivio, nada más

Más que la victoria a medias de la izquierda en Francia, lo que realmente podemos celebrar es la derrota de la Agrupación Nacional de Le Pen. Una derrota clara, una buena noticia a corto plazo pero que, después de haber suspirado de alivio, nos obliga a hacernos unas cuantas preguntas

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Un sospiro di sollievo, nient’altro

Più che la vittoria dimezzata, per quanto in parte sorprendente, della sinistra in Francia ciò che c’è possiamo festeggiare è la sconfitta del Rassemblement National. Una sconfitta chiara, ed una buona notizia nel breve termine, ma che, dopo aver tirato un sospiro di sollievo, ci costringe a porci diverse domande.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni in Francia: a che punto è la notte

Le elezioni francesi hanno confermato l’ascesa della destra del Rassemblement National e la fine del regno incontrastato della Macronie.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Le guerre per l’acqua: attualità in Francia, prossimo futuro in Italia?

Lunga intervista realizzata dal progetto Confluenza a un attivista della regione del Poitou dove, in Francia, da quasi dieci anni va avanti un’importante lotta per la difesa del territorio contro il progetto dei mega bacini idrici.