InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il FAME da oggi al 17 marzo a Marsiglia

comunque vada è già un successo!

 

http://www.fame2012.org/it/

 

Comunicato stampa:

 

Atto 1: Sarkò vattene

La maggior parte dei capi di stato previsti al FME hanno disertato l’evento, Sarkozy decide di non inaugurare il Forum Mondiale dei mercanti dell’acqua (FME).

 

Atto 2: I ratti abbandonano la nave.

Il presidente di Eau Vive, membro della Coalition Eau che raggruppa le ONG partner del FME dichiara su Libération che “Il FME è illegittimo, l’acqua deve essere posta sotto la responsabilità dell’ONU”.

Eau Vive ha un budget annuale di 6,5 milioni di euro di cui 4 milioni da finanziamenti statali ed i restanti dalle attività delle imprese, il suo presidente è membro del consiglio d’amministrazione del Consiglio Mondiale dell’Acqua che organizza il FME.

 

Atto 3: la celere francese (”CRS”) portatori d’acqua del FME.

Il giorno dell’inaugurazione del FME da parte di Francois Fillon (il primo ministro), una quarantina di giovani attivisti (del movimento Indignati) facendo un flash mob davanti alla stazione centrale con musica e cartelli, si fanno bloccare da 200 CRS; dei giornalisti indipendenti e dei curiosi sono fermati insieme.

http://www.fame2012.org/it/2012/03/12/galleria-foto-proteste-in-apertura-del-world-water-forum-12-marzo/
http://www.fame2012.org/it/2012/03/12/world-water-forum-arrestati-due-attivisti-italiani/

 

Atto 4: Portata principale

Il FME, che aveva preparato oltre 3.000 pasti per la giornata dell’inaugurazione, ne ha distribuiti solo 1.500! Un breve calcolo mostra che il costo di 1 partecipante al FME si avvicina ai 10 000 Euro. Non siamo proprio contenti di sapere che lo Stato (quindi il contribuente francese), le imprese di gestione dell’acqua (quindi i soldi degli utenti dell’acqua) e la città di Marsiglia (una tra le più povere della Francia) hanno sborsato fior di quattrini.

Atto 5: ciliegina sulla torta.

Più di 2000 persone si sono iscritte on-line per partecipare al Forum Alternativo Mondiale dell’Acqua che inizia il 14 marzo. Gli articoli sulla stampa che presentano il FME fanno quasi sistematicamente referenza al forum alternativo.

http://www.guardian.co.uk/global-development/2012/mar/12/world-water-forum-corporate-self-interest

Thierry Uso Attac Francia ,Aquattac, Coordinamento Infostreaming FAME. Traduzione Parasite Conspiracy e Comitato Umbro Acqua Pubblica.

 

Il FAME in Streaming all’indirizzo   
http://www.ustream.tv/channel/fame-extended

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

acqua pubblica

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Germania: manifestazioni ecologiste contro Tesla.

Un blocco anticapitalista, berretti blu per riconoscersi, una rapida avanzata per rompere le linee di polizia: questo è ciò che è avvenuto venerdì 10 maggio in Germania, intorno a una gigantesca fabbrica Tesla vicino a Berlino.

Più di mille manifestanti ambientalisti hanno poi nuovamente manifestato sabato 11 maggio contro i piani di Tesla di espandere la sua fabbrica di auto elettriche..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vicenza: il Tav vuole travolgere il bosco Lanerossi, rischia anche il CS Bocciodromo

A Vicenza il progetto del Treno Alta Velocità, all’interno del tracciato Brescia-Padova, oltre che ad impattare fortemente sulla città e sulla salute della cittadinanza, rischia di distruggere 11 mila metri quadrati di bosco

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il circo del G7: Extinction Rebellion occupa la tettoia della RAI.

Torino: Due attiviste di Extinction Rebellion hanno occupato la tettoia della RAI, mentre altre sette vestite da clown sono comparse in triciclo davanti all’ingresso. “G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.“G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Pfas: acqua potabile contaminata in città metropolitana e in Val Susa.

E’ uscito da pochi giorni il nuovo rapporto di Greenpeace in merito ai dati sui cosiddetti “inquinanti eterni”: i pfas, i quali contaminano le acque di ben più di 70 comuni nel territorio della città metropolitana di Torino e della Val Susa.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Allarme siccità: giro del mondo tra le lotte per l’acqua.

Di seguito proponiamo un approfondimento sull’acqua, sull’agricoltura e, di conseguenza, sulla siccità in una prospettiva transnazionale dal Messico, a Torino alla Francia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cronometro e secchiello, il Ministero dell’Ecologia francese denuncia i metodi rocamboleschi di Telt per misurare il rischio idrico del Tav

La grande sete che sta colpendo tutto il Nord Italia ha rimesso al centro una grande preoccupazione sollevata da sempre dal movimento No Tav: lo sconvolgimento del paesaggio idrico alpino che sarà causato dal raddoppio della Torino-Lione. Le stime avanzate recentemente dal Comitato acqua pubblica Torino a partire dai dati raccolti (male come vedremo) dai […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

MESSICO: SGOMBERATA LA CASA DEI POPOLI “ALTEPELMECALLI”. LANCIATO BOICOTTAGGIO DELLA DANONE

All’alba del 15 febbraio 2022 forze di polizia federale, guardia nazionale e polizia statale dello stato di Puebla (Messico), è stata sgomberata la casa dei Popoli “Altepelmecalli”, occupata, in difesa dell’acqua pubblica.  Dopo aver fermato l’attività di Bonafont a marzo le popolazioni Nahua hanno deciso, in agosto, di trasformare l’azienda in uno spazio collettivo che […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A2A. I PADRONI DELL’ACQUA

di Pino FABIANO* da Malanova.info La società lombarda A2A è la maggiore multiutility italiana, secondo produttore nazionale di energia, un colosso con circa 13.500 dipendenti e che opera nei settori dell’energia, ambiente, calore e reti. Nata il primo gennaio 2008, nell’anno successivo sbarca in Calabria acquistando da E.ON gli impianti idroelettrici. Ormai da 13 anni in […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Mezzogiorno: L’acqua pubblica gestita da una società privata

Giovedì 27 giugno è stato approvato al Senato, e dunque definitivamente convertito in legge, il cosiddetto decreto Crescita. Come abbiamo più volte denunciato l’art. 24 di tale provvedimento stabilisce la privatizzazione dell’EIPLI, l’ente che gestisce le grandi opere idrauliche come invasi, opere di captazione di sorgenti e centinaia di chilometri di reti di adduzione tra […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Blocchiamo Acea! Basta profitti sulle nostre vite, impediamo i distacchi dell’acqua!

Da mesi, infatti, ACEA ATO 2 sta intensificando la pratica dei distacchi idrici a danno di tante famiglie che per poche decine di euro di morosità vengono private di un bene primario ed essenziale, mentre Caltagirone e Suez si spartiscono dividendi milionari (64 milioni di euro nel 2012). Una brillante redditività, quella di ATO 2 […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Potabile per decreto

La denuncia dell’Isde: “Acqua contaminata potabile per decreto” Come accade ormai da decenni nel mondo che prescrive di “imparare a vivere con le nocività” la tossicità/velenosità di un alimento, di una merce o del sito in cui si vive varia a seconda dei parametri che “esperti” fissano come limite oltre cui non si può essere […]