InfoAut
Immagine di copertina per il post

Ecologia Politica Network. Quest’anno il primo campeggio della rete al Sud

Dall’ 8 al 10 agosto torna il Campeggio di Ecologia Politica Network!
Saranno tre giorni di dibattiti, condivisione e socialità in Sicilia, un’isola dove si sovrappongono vari livelli di sfruttamento e devastazione ambientale.


A fronte di un tasso di disoccupazione tra i più alti d’Europa, le poche opportunità di lavoro vengono offerte da impianti di morte: petrolchimici e raffinerie.
La stessa logica estrattivista che ha mosso la progettazione degli impianti legati all’industria fossile, oggi si ricicla sul settore delle energie rinnovabili, gli stessi attori protagonisti, le stesse modalità di dominio, con progetti da miliardi di euro ad alto impatto ambientale e sociale. Sono enormi le ripercussioni di queste giga-factory di fotovoltaico o eolico sugli ecosistemi e su settori produttivi locali come l’agricoltura.
Oltre al colonialismo energetico, l’isola subisce anche l’occupazione militare essendo costellata da basi e hub militari che sottraggono terre e risorse agli abitanti, rilasciando nocività e tumori.


A partire da questo posizionamento crediamo che parlare di ecologia politica in relazione agli abitanti, ai comitati e alle associazioni siciliane sia fondamentale e prezioso per inquadrare una prospettiva di lotta e liberazione per il futuro. Lo faremo ad Augusta, cittadina sacrificata alle impronta mortifera dell’industria petrolchimica e dalle esercitazioni militari della NATO. Ci ospiterà l’Associazione Piano Terra – Orti sociali, gestita da un gruppo di attivisti che negli ultimi anni ha seguito la vicenda di Punta Izzo, zona costiera sequestrata dall’esercito italiano e Nato per le esercitazioni militari.

Il Programma:
Martedì 8 Agosto
Mattina: accoglienza
Ore 16.00: assemblea di apertura
Ore 17.00: Tavolo “Crisi idrica, agricoltura e conflitti ambientali” – intervengono: Filippo Menga – università di Bergamo, Francesca Greco – autrice del libro l’acqua che mangiamo, Soulevements de la Terre, Balia del collare, Convocatoria Ecologista Taranto, Comitato milanese Olimpiadi, Associazione Via delle Rondini, Coordinamento campano acqua pubblica
Ore 21.30: Dj-set e bar lowcost

Mercoledì 9 Agosto
Ore 10.00: Assemblea nazionale di End Fossil
Ore 16.00: Assemblea “Patto per la difesa della Sicilia” – intervengono: Comitato Città-Porto per un futuro sostenibile, Comitato Identità e Sviluppo, Comitato di Lampedusa per la Salute Pubblica e Ambientale, Comitato “NO al mega-impianto eolico davanti le Isole Egadi”, Punta Izzo Possibile, Mareamico, Punta Bianca, MoviPer: Help Rigassificatore, Salviamo la Valle dei Templi
Ore 18.30: Passeggiata ad Augusta con il comitato Punta Izzo Possibile
Ore 21.00: Concerto del gruppo folk Makari Trio

Giovedì 10 agosto
Ore 10.00: Presentazione del dossier “Isole in guerra. Occupazione militare e colonialismo in Sicilia, Sardegna e Corsica” di Trinacria, A Foras e Core in fronte

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi Ecologia Politica NetworkTag correlati:

campeggioECOLOGIA POLITICAnotiziesicilia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Germania: manifestazioni ecologiste contro Tesla.

Un blocco anticapitalista, berretti blu per riconoscersi, una rapida avanzata per rompere le linee di polizia: questo è ciò che è avvenuto venerdì 10 maggio in Germania, intorno a una gigantesca fabbrica Tesla vicino a Berlino.

Più di mille manifestanti ambientalisti hanno poi nuovamente manifestato sabato 11 maggio contro i piani di Tesla di espandere la sua fabbrica di auto elettriche..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vicenza: il Tav vuole travolgere il bosco Lanerossi, rischia anche il CS Bocciodromo

A Vicenza il progetto del Treno Alta Velocità, all’interno del tracciato Brescia-Padova, oltre che ad impattare fortemente sulla città e sulla salute della cittadinanza, rischia di distruggere 11 mila metri quadrati di bosco

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il circo del G7: Extinction Rebellion occupa la tettoia della RAI.

Torino: Due attiviste di Extinction Rebellion hanno occupato la tettoia della RAI, mentre altre sette vestite da clown sono comparse in triciclo davanti all’ingresso. “G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.“G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Prati urbani e difesa del suolo: i casi di Settimo Torinese e Borgata Parella.

Due prati, due storie. In parte queste storie si specchiano, in parte divergono.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Obbligati a produrre rifiuti e a devastare i nostri territori: il caso di Valledora.

Oggi il sistema ci impone non solo di essere consumatori di prodotti, ma anche produttori di rifiuti: senza tregua e senza alcuna possibilità di sottrarci a questo ruolo quotidiano obbligato, per quanto frugali cerchiamo di essere.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Verso il G7 Ambiente e Energia a Torino: assemblea informativa sul mercato energetico.

Da prima dello scoppio della guerra in Ucraina siamo sottoposti a un continuo rincaro sui prezzi dell’energia, in particolare sul gas.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Dal modello del supermercato al modello della biblioteca pubblica: la necessità di nuove utopie.

La transizione ecologica che viene proposta dall’alto è iniqua. Anche perché è iniqua – l’ecologia, per definizione, non lo è – non è una vera transizione ecologica.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Chi ha paura dei cittadini attivi ?

In molte città italiane le motoseghe che abbattono alberate al riparo di barriere e di schieramenti di forze dell’ordine stanno producendo anche lacerazioni tra popolazioni e amministratori. A cosa porteranno queste fratture? E quali saranno gli effetti del rifiuto dei tecnici comunali di confrontarsi con gli agronomi che sostengono le istanze dei cittadini?