USA: scontri a Portland durante un tentativo di deportazione

Stampa

Decine di manifestanti hanno occupato una strada a Portland, in Oregon, circondata da barriere di fortuna, nel tentativo di evitare che una famiglia nera e indigena venga sfrattata dalla casa in cui vive da 65 anni.

||||
|||| ||||

La casa, nota come la Casa Rossa, si trova in un quartiere residenziale storicamente nero. È stata teatro di proteste per diversi mesi, dopo che un giudice ha autorizzato lo sfratto della famiglia Kinney a settembre.
Ma la situazione ha preso il sopravvento martedì mattina presto, quando Michael "Philo" Kinney, che attualmente vive nella casa, ha detto di essere stato svegliato dagli agenti delle forze dell'ordine con un ariete sulla porta.

Kinney ha detto al Guardian che è stato accusato di violazione di domicilio e trattenuto dalla polizia per diverse ore. Ma quando è tornato, i manifestanti avevano già allontanato le forze dell'ordine dalla casa.

Nei video condivisi sui social media, martedì si possono vedere i manifestanti che urlano alla polizia di lasciare la zona.

Kinney ha spiegato che per lui la sua lotta va oltre la protezione della sua famiglia, che non si limita a proteggere la sua famiglia da una pandemia e che una moratoria di sfratto in tutto lo Stato è una lotta contro il razzismo sistemico e la gentrificazione che va avanti da anni.

Martedì sera, il sindaco di Portland, Ted Wheeler, ha twittato che "autorizza la polizia di Portland a usare tutti i mezzi legali per porre fine all'occupazione illegale di North Mississippi Avenue e per ritenere responsabili coloro che violano le leggi della nostra comunità", dichiarando in oltre che non vi sarà mai una zona autonoma a Portland.

Wheeler ha riconosciuto il razzismo che sta dietro a molti "sistemi e strutture" del paese e la riforma necessaria, ma ha detto che in questa situazione "c'è stato un lungo e approfondito procedimento giudiziario che ha portato all'ordine di un giudice legittimo di sfrattare le persone che occupano illegalmente una casa".

Secondo il sito web Red House On Mississippi, la casa è stata costruita nel 1896 ed è oggi considerata la più antica casa del quartiere.

Portland sfratto 2

Dopo averla acquistata nel 1955, la famiglia Kinney ha chiesto un prestito ipotecando la casa all'inizio del 2000, che Julie Metcalf Kinney, la madre di Michael "Philo" Kinney, ha descritto durante una conferenza stampa di mercoledì come un "prestito predatorio". Il prestito è stato trasferito più volte tra le società, e nel 2018 Clear Recon Corporation ha avviato il processo di pignoramento della casa.

Secondo i registri immobiliari della contea di Multnomah, Oregon, la casa è attualmente di proprietà della Urban Housing Development LLC, una società di costruzioni di Portland.

A novembre, dopo una serie di battaglie legali fallite, la famiglia ha presentato una richiesta formale alla Corte Suprema degli Stati Uniti per esaminare il caso. La risposta della corte è prevista entro il 23 dicembre.

La casa oggi è circondata da attività commerciali e condomini, e Julie Metcalf Kinney ha detto di ricordare di aver visto sgomberare quelli che erano nel quartiere quando stava crescendo i suoi figli.


Coya Crespin, un organizzatore della Casa Rossa e  della Community Alliance of Tenants, ha detto durante la conferenza stampa del mercoledì che stavano assistendo alla gentrificazione del quartiere, ha riferito: "In tutta la nazione, questo sta accadendo alle famiglie e ci rifiutiamo di stare a guardare mentre i nostri funzionari eletti fingono di ignorare e permettono alla polizia, che è pagata per proteggerci e servirci, di continuare ad eseguire lo sfratto".

Il capo della polizia di Portland, Chuck Lovell, ha detto in una dichiarazione di mercoledì che sono molto preoccupati per la situazione, ma vogliono trovare una soluzione pacifica.
Questa non è la prima città del nord-ovest del Pacifico ad avere una zona occupata. Seattle è stata sede di una zona occupata nota come Capitol Hill Organized Protest, o "Chop", per circa due mesi durante l'estate. E' emersa organicamente in seguito a una serie di pericolosi scontri tra i manifestanti e le forze dell'ordine durante le marce contro la brutalità della polizia scatenata dall'uccisione di George Floyd, un afroamericano, da parte di un poliziotto bianco, a Minneapolis in maggio.

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons