THAILANDIA: MIGLIAIA DI GIOVANI IN PIAZZA PER CHIEDERE LA FINE DEL GOVERNO E DELLA MONARCHIA

Stampa

Il 14 ottobre 2020 è il giorno in cui noi, il popolo, iniziamo a non essere in grado di tollerare i vari sistemi del paese. È il giorno in cui ci alziamo per combattere È un giorno in cui tutti sono venuti da paesi diversi. Per rivendicare i nostri diritti. Oggi non perderemo e non torneremo indietro se non avremo vinto. #whatshappeninginthailand

||||
|||| ||||

Migliaia di giovani nuovamente in strada in Thailandia per chiedere riforme politiche e la fine della Monarchia. La data della dimostrazione programmata è significativa. Nelle prime ore del 14 ottobre 1973, le forze di sicurezza thailandesi iniziarono una violenta repressione contro studenti e manifestanti pro-democrazia a Bangkok. I civili chiedevano il rilascio di 13 persone precedentemente detenute per la loro richiesta di una costituzione dopo quasi 15 anni di dittatura militare. Decine di migliaia di persone si erano unite alla manifestazione per diversi giorni prima della repressione. Più di 70 persone sono state uccise e più di 800 sono rimaste ferite nelle manifestazioni a cui era seguita la fine del regime autoritario di Thanom Kittikachorn.

Guidata dai giovani, la manifestazione di oggi potrebbe essere un momento decisivo per la politica thailandese dopo il colpo di stato nel 2014 di Prayut Chan-ocha. L’allora capo dell’esercito e attuale primo ministro avrebbe controllato la Thailandia per cinque anni, prima che le elezioni del 2019 avessero insediato il suo partito politico al governo. I manifestanti hanno tre richieste: la fine del suo governo, la riforma della monarchia e la modifica dell’attuale costituzione, che è stata redatta e approvata durante il governo militare di Prayut.

La manifestazione di oggi era originariamente prevista per l’inizio alle 14:00 presso il Monumento alla Democrazia in Ratchadamnoen Avenue a Bangkok. Ma questa mattina, i manifestanti antigovernativi hanno riprogrammato la manifestazione alle 8:00. Questo per impedire che le “magliette gialle” manifestanti pro-monarchia, prendano il controllo dell’area per ostacolare il loro movimento e hanno deciso di entrare per primi. Ciò è avvenuto dopo l’arresto di 21 manifestanti al Democracy Monument martedi 13 ottobre, quando la polizia ha usato la forza per disperdere il raduno.

Il movimento di protesta è guidato da una coalizione di gruppi giovanili di tutto il paese, noti collettivamente come Partito popolare. Il nome è un riferimento simbolico a un gruppo di rivoluzionari dietro la transizione della Thailandia dalla monarchia assoluta alla monarchia costituzionale nel 1932. “La manifestazione del 14 ottobre non appartiene a nessun gruppo in particolare ma a tutte le persone”, ha detto in una conferenza stampa la scorsa settimana Tattep Ruangprapaikitseree, membro del Partito popolare e segretario generale del gruppo Gioventù Libera. “Abbiamo così tanti problemi. Risolverli e cambiare questo paese secondo le tre richieste comporta grandi ristrutturazioni. Ecco perché abbiamo bisogno del sostegno di persone di tutti i gruppi, non solo studenti ma tutte le persone di qualsiasi età che sono d’accordo con noi “.

L’attuale costituzione thailandese del 2017 è stata criticata come antidemocratica. Autorizza i senatori sostenuti dai militari a selezionare congiuntamente il primo ministro con la Camera dei rappresentanti nel periodo iniziale. La costituzione afferma anche che il premier non deve essere un membro del parlamento, ma uno dei candidati alla carica di primo ministro elencati da un partito politico. Consente inoltre un processo che potrebbe installare un “primo ministro estraneo” che non deve necessariamente essere un candidato in elenco precedentemente noto agli elettori.

Terao Junko editor Asia per la rivista Internazionale Ascolta o scarica

Da Radio Onda d'Urto

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons