InfoAut
Immagine di copertina per il post

Tedesco arrestato su mandato di cattura della Turchia mentre era in vacanza in Italia

||||

Uno psicologo di Hannover è stato arrestato a Milano. Il retroscena sarebbe un mandato di ricerca della Turchia. L’uomo che era in vacanza in Italia è curdo e nel 1996 aveva chiesto asilo in Germania.

Di nuovo un cittadino tedesco è stato fermato all’estero, di nuovo la ragione è un mandato di cattura turco: Adnan Ö., che lavora come psicoterapeuta a Hannover, era in vacanza in Italia con la sua compagna, secondo quanto noto a WELT, il 21 settembre le forze di sicurezza lo hanno arrestato a Milano.

Il retroscena sarebbe un’indagine in Turchia, il Paese si è rivolto all’organizzazione internazionale di polizia Interpol chiedendone l’intervento. Di cosa di preciso sia accusato, ancora non si sa. Non è il primo caso di questo genere: critici lamentano che su queste liste di ricerca vanno continuamente a finire oppositori politici e persone innocenti. La Turchia, così l’accusa, starebbe usando l’istituzione di polizia per procedere contro persone sgradite. Adnan Ö. è curdo e nel 1996 ha chiesto asilo politico in Germania, che ha poi ottenuto. Ormai ha anche un passaporto tedesco. Ora Ö. È agli arresti in Italia.

Su domanda di WELT al Ministero degli Esteri, il caso è noto alle autorità. Il consolato generale di Milano sarebbe in contatto con l’interessato e avrebbe attivato assistenza consolare. Altre informazioni non sono state date per motivi di protezione della persona.

Mahmut Canbay, intendente del Mut!Theater di Amburgo è amico di Ö., al telefono racconta a WELT dell’arresto: „Sabato poliziotti sono arrivati nel suo albergo e lo hanno prelevato. È successo dal nulla.“ La sua compagna si troverebbe ancora in Italia e starebbe cercando di ottenere informazioni. Canbay stesso nell’agosto di quest’anno era stato arrestato al suo ingresso in Turchia. È stato interrogato per otto ore e poi gli è stato imposto un divieto di ingresso. Canbay era in viaggio con un gruppo di giovani per recarsi a un festival di teatro nella metropoli Izmir in Turchia occidentale.

Ö. ha studiato psicologia in Germania e poi ha lavorato a Amburgo e Hannover. L’uomo, originario di Malatya, ha nazionalità tedesca, ma ha ancora anche quella turca. Se questo fosse desiderio esplicito di Ö. non è chiaro. Ci sono molti racconti di persone di origine turca, in particolare critici del regime, che sono stati maltrattati nei consolati e che lo Stato turco considera ancora cittadini, che abbiano o meno un passaporto [turco].

Anche nel caso di Ö. il fermo è avvenuto con l’aiuto di Interpol. L’autorità di polizia pubblica liste di ricerca su richiesta dei Paesi membri. Se un Paese membro vuole avviare la ricerca di un sospettato, informa Interpol con una „red notice“ („notizia rossa“ o „notizia di urgenza“) e dirige la collaborazione transnazionale.

di Philipp Woldin

Fonte: Welt

Traduzione di Rete Kurdistan

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

arrestocurdierdogangermaniaturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La crisi nel centro: la Germania nell’epoca dei torbidi. Intervista a Lorenzo Monfregola

La Germania, perno geopolitico d’Europa, epicentro industriale e capitalistico del continente, sta attraversando senza dubbio un passaggio di crisi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: filmato di 70 minuti sull’operazione di guerriglia rivoluzionaria a Zap

Il 12 gennaio Gerîla TV ha diffuso un filmato di 70 minuti dell’operazione di guerriglia rivoluzionaria nella regione di Zap, nel Kurdistan meridionale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Proteste degli agricoltori in tutta Europa. In Francia una giovane donna investita durante un blocco

Dopo le mobilitazioni degli agricoltori in Germania il movimento si estende in Francia, in particolare nella regione dell’Occitanie. Bloccata la A64 a Carbonne, i blocchi si moltiplicano a macchia d’olio intorno a Tolosa nella Haute-Garonne, bloccata anche l’autostrada A20 di Montauban.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Germania, agricoltori in rivolta: occupate le autostrade, blocchi e cortei nelle città

È caos in Germania, dove è esplosa la protesta dei coltivatori contro il governo Scholz.