Prigionieri ETA: concentrazioni e proteste di Etxerat in 14 spiagge basche

Stampa
Video

Il gruppo di parenti e amici dei prigionieri dell’ETA, Etxerat, si è concentrato questa domenica su 14 spiagge basche e due nel Paese basco francese per chiedere “la fine della dispersione” dei prigionieri dell’ETA.

||||
|||| ||||

Poco prima di iniziare, a mezzogiorno, la concentrazione sulla spiaggia di La Concha a San Sebastián, alla quale circa un centinaio di persone hanno preso parte con lo slogan “No alla politica delle eccezioni. Prigionieri a casa”, in euskera, il portavoce di Etxerat, Naike Díez, ha rilasciato dichiarazioni ai media nel cantiere navale di San Sebastián.

 etxe2

Díez ha sottolineato che questi detenuti devono essere avvicinati “non con un contagocce e a metà strada come sta accadendo in Spagna, non i soli alcuni come nello Stato francese”, ma che questi casi “devono essere affrontati tutti immediatamente! – spiega – Ancora di più ora, a maggior ragione, a causa della crisi sanitaria che comporta un maggiore rischio, incertezza, che ha comportato tagli e cancellazione dei nostri diritti e quelli dei prigionieri”, ha detto.

Il portavoce di Etxerat ha denunciato che “i prigionieri che soddisfano le condizioni per il rilascio provvisorio sono ancora in prigione”. “Dei 199 prigionieri baschi in Spagna, 144 rimangono nel primo grado, solo sei sono entrati nel terzo grado e solo sette sono stati portati nei Paesi Baschi”, ha ricordato. A ciò ha aggiunto che in Francia la Procura antiterroristica “continua a bloccare le proposte di libertà”.

 etxe3

Si rammarica anche che i prigionieri “gravemente malati” rimangano in prigione, nonostante “tutte le raccomandazioni per liberarli” e che anche i “prigionieri baschi di età superiore ai 65 anni” siano ancora in galera.

Inoltre, ha criticato che ci sono state “parole di speranza” da parte dei dirigenti francesi e spagnoli, ma “il tempo passa e la situazione è ancora più complicata”. Díez ha sostenuto che adesso “è abbastanza” e ha esortato “ad adottare misure per la risoluzione e la convivenza”.

“Sempre più di noi vogliono che questa situazione inaccettabile finisca per sempre”, ha concluso.

Da lesenfantsterribles

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons