Pablo Hasél esclude l’esilio e attende il carcere. Previste manifestazioni il 4 luglio in tutta la Spagna

Stampa

Il rapper catalano di Lleida, Pablo Hasél, ha denunciato le ritorsioni giudiziarie dello stato spagolo che ha affrontato nelle ultime settimane – lasciandolo de facto con nuove pesanti accuse – e ha detto che le sentenze che sta accumulando dimostrano che lo stato vuole “punirlo” in modo esemplare per i tanti anni di lotta dalla musica e dalle strade “. L’avvocato di Hasél ha chiesto la sospensione della sua prigionia, che potrebbe essere ordinata da un giudice a causa del rigetto della Corte suprema spagnola di un appello contro una seconda condanna per testi di canzoni e dichiarazioni sui social media che “glorificano il terrorismo”.

||||
|||| ||||

Se il pubblico ministero spagnolo gli ordina di andare in prigione, Hasél ha spiegato che non si presenterà volontariamente. Ma nemmeno andrà in esilio, ha detto, né chiederà scusa, poiché non si rammarica dei tweet per i quali è stato condannato che, dice, “hanno denunciato e combattuto contro le ingiustizie”. Una piattaforma che chiede il suo rilascio, Llibertat Pablo Hasél, sta organizzando raduni di supporto per il musicista in tutto lo stato spagnolo il 4 luglio.

 

L’8 giugno, la Corte Suprema ha respinto gli appelli del rapper contro una sentenza di 9 mesi e un giorno di prigione per glorificazione del terrorismo “con la circostanza aggravante della recidiva” e per insulti e calunnie alla corona spagnola, nonché alla polizia e alle forze di sicurezza spagnole . Hasél è stato condannato per aver incluso nei suoi commenti sui social media, sotto forma di tweet,  video che la corte afferma incitavano alla violenza, con commenti che “glorificavano” e “molestavano” la monarchia e altre istituzioni spagnole.

Questa è stata la sua seconda sentenza per aver glorificato il terrorismo, poiché nel 2014 era stato condannato a due anni di prigione per alcuni dei suoi testi delle canzoni. Secondo la sentenza, i testi di Hasel “lodano le azioni e i membri di  gruppi terroristici come GRAPO, ETA e Terra Lliure, oltre a “giustificare la loro esistenza”. Inoltre, ha affermato che Hasel chiedeva il ritorno di questi gruppi e presentava i loro membri come vittime della democrazia. Questa prima sentenza è stata ratificata dalla Corte Suprema nel 2015, ma il tribunale ha quindi deciso di sospendere l’entrata in prigione nel 2019, a condizione di non recidiva per tre anni di Pablo.

Ora, l’avvocato di Hasél ha chiesto lo stesso approccio da adottare per la seconda condanna di glorificazione del terrorismo. Come ha spiegato venerdì il rapper di Lleida, il giudice non ha ancora deciso. Se gli viene infine ordinato di entrare in carcere per un secondo reato, Hasél dice che non proverà a lasciare la Spagna, ma sarà lui a presentarsi” – sottintendendo che aspetterà le forze di sicurezza per venire a prenderlo. Non andrà in esilio, ha detto, perché crede che la prigione “sia un altro fronte per la lotta, da cui la mia lotta potrebbe finire per essere più costosa per lo stato che se fossi in esilio. L’ho fatto, lo sto facendo ora e lo farò di nuovo”, ha concluso.

Hasél ha fatto queste dichiarazioni durante una conferenza stampa nel fine settimana a Lleida, accompagnato da una quindicina di attivisti. A questo evento è stato annunciato che sono state indette manifestazioni per il 4 luglio in tutto il territorio spagnolo.

Intanto, anche il rapper maiorchino Valtònyc, condannato con accuse simili in relazione al testo della sua canzone, è stato condannato al carcere per iniziare una pena detentiva nel 2018. Invece, ha cercato l’esilio in Belgio, da dove ha resistito con successo alle richieste di estradizione della Spagna per due anni.

 

Oltre alle due ultime sentenze per glorificazione del terrorismo, Pablo Hasél è stato condannato il 4 giugno da un tribunale penale a Lleida a sei mesi di prigione per aver aggredito un giornalista televisivo durante un sit-in all’Università di Lleida nel 2016. Secondo il giudice, è stato dimostrato che Hasél ha spinto, insultato e spruzzato un giornalista con un liquido detergente e per questo motivo, oltre alla pena detentiva, gli è stato ordinato di risarcire la vittima con un pagamento di 12.150 euro. Il giudice, tuttavia, ha escluso di imporre un ordine restrittivo a Hasél, poiché “ora” non rappresentava alcun pericolo per la vittima.

La sentenza ha anche condannato il rapper e altri tre imputati per un crimine di coercizione e imposto una multa di 5.400 euro a ciascuno per impedire ai giornalisti di registrare, coprendo le telecamere con mani o vestiti, insultandoli e impedendo loro di entrare in ufficio.

 Pablo

Inoltre, il 15 giugno, un altro tribunale penale di Lleida ha condannato Hasél a due anni e mezzo di carcere e una multa di 2.400 euro per aver aggredito un uomo che ha testimoniato nel caso di un presunto assalto da parte di un ufficiale di polizia su un minore nel 2017 , in cui è stato assolto l’agente. Secondo il denunciante, Hasél lo ha preso a calci e minacciato mentre lo accusava di “falsa testimonianza” nel processo tenuto settimane prima. Tuttavia, il rapper ha affermato che quest’uomo lo stava aspettando e lo ha aggredito.

Hasél conferma di aver fatto appello contro entrambe le accuse.

Pablo Hasél ha altri due processi in corso. Uno di questi per aver scritto un tweet che esprimeva il suo desiderio che l’aereo della squadra di calcio Betis si schiantasse perché il giocatore ucraino Roman Zozulya, che Hasel accusa di essere un “neonazista”, stava viaggiando su di esso. “Se non fosse per il fatto che i piloti e gli assistenti di volo sarebbero morti, vorrei che l’aereo del Betis si schiantasse”, ha scritto.

L’altro processo che attende è per incidenti durante una protesta a Lleida contro l’arresto di Carles Puigdemont in Germania il 25 marzo 2018. È accusato di disordine pubblico e aggressione contro le autorità.

 

Da lesenfantsterribles

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons