InfoAut
Immagine di copertina per il post

Offensiva in Cisgiordania: l’eterna guerra dei sionisti a Gerusalemme

Gerusalemme è diventata un secondo fronte nella strategia di controinsurrezione di Israele, spingendo Itamar Ben-Gvir a intensificare l’infinita guerra dello Stato israeliano contro la città e i suoi abitanti.

Fonte: English version
Di Mondoweiss Palestine Bureau – 20 febbraio 2023

Immagine di copertina: Forze di polizia di frontiera con militari della brigata Givati interrogano un ragazzo palestinese che indossa una felpa con l’immagine di un revolver(Foto: Nir Alon- Zuma Press Wire Immagine Apa)

Eventi cruciali (14-20 febbraio)

• Il diciassettenne Mahmoud Ayed è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nel campo profughi di Far’aa a Tubas.

• Il 25enne Harun Abu Aram è morto per le ferite riportate nel 2021 quando è stato colpito dalle forze israeliane a Masafer Yatta

• Le forze israeliane impongono punizioni collettive ai palestinesi a Gerusalemme Est, inclusi arresti di massa, chiusure di posti di blocco, molestie e aumento delle demolizioni di case

• I palestinesi a Gerusalemme Est intraprendono una campagna di disobbedienza civile di massa, annunciando uno sciopero generale in diversi quartieri e intensificando gli scontri con le forze israeliane.

• Le forze israeliane si preparano alla demolizione punitiva della casa di due palestinesi a Nablus, accusati di aver sparato e ucciso un soldato israeliano vicino all’insediamento di Shave Shomron nell’ottobre 2022.

• I prigionieri palestinesi si impegnano in campagne di disobbedienza di massa in risposta alla crescente repressione all’interno delle carceri israeliane.

• I coloni israeliani lanciano una serie di attacchi in tutta la Cisgiordania, inclusi Hebron, la Valle del Giordano, Betlemme e altri distretti.

• Almeno 85 palestinesi arrestati durante le incursioni dell’esercito israeliano in Cisgiordania e Gerusalemme Est.

Approfondimento

Itamar Ben-Gvir non demorde. Sebbene non sia riuscito a mantenere la sua promessa del 10 febbraio di lanciare una “Operazione Scudo difensivo 2”, a sua volta ridicolizzata dalle figure dell’opposizione come un vuoto sfoggio retorico, la scorsa settimana ha dichiarato guerra a Gerusalemme Est a seguito di una serie di attacchi contro i coloni israeliani compiuti dai gerosolimitani palestinesi. Nonostante tutte le misure repressive israeliane come parte della “Operazione Frangiflutti”, la strategia anti-insurrezionale israeliana in Cisgiordania non è riuscita a fare ciò che l’operazione si proponeva di ottenere, e ora Gerusalemme è diventata il secondo fronte di Israele, una bestia completamente diversa quando si tratta di sicurezza.

Per prima cosa, Gerusalemme non ha una “infrastruttura di resistenza” organizzata simile a Jenin e Nablus, nessuna organizzazione formale o centralizzata che possa essere efficacemente monitorata, mappata e collegata a una rete più ampia.

Invece, la maggior parte degli attacchi provenienti da Gerusalemme sono stati condotti da “lupi solitari” (a partire dalla “Intifada dei Coltelli” del 2015 a Gerusalemme e in Cisgiordania, e continuando con le successive rivolte popolari negli anni successivi). Spesso sono spontanei, con poca pianificazione preliminare e fanno affidamento su poche o nessuna rete. In altre parole, questi attacchi del “lupo solitario” sono impossibili da prevedere e prevenire, rappresentando un incubo per la sicurezza delle istituzioni israeliane.

Ciò ha significato che a seguito di un attacco, tutti i familiari stretti e i componenti degli stretti ambienti sociali del palestinese accusati dell’attacco vengono arrestati, in parte come forma sanzionatoria di punizione collettiva, e in parte come tentativo casuale e tardivo di raccogliere informazioni dopo il fatto, arrestando chiunque appartenga all’ambiente sociale dell’aggressore per cercare di mappare le loro vite e legami e costruire così un “profilo” dei futuri potenziali aggressori.

Questa politica si è rivelata inutile. Praticamente tutti i giovani di Gerusalemme rientrano in questo “profilo” di una generazione scontenta che vede il nemico per quello che è: un colonizzatore. Il risultato è che Gerusalemme è diventata una città altamente sorvegliata e militarizzata, in costante stato di guerra con i suoi abitanti, che a sua volta sono in costante stato di guerra con i propri colonizzatori. Ben Gvir ha intensificato una già aggressiva politica di polizia, trasformandola in un assalto totale alla presenza palestinese a Gerusalemme.

Ciò ha incluso l’accelerazione delle demolizioni di case, l’esecuzione di arresti di massa, l’istituzione di posti di blocco e barriere e frequenti incursioni nei quartieri di Issawiya e Silwan.

La popolazione di Gerusalemme non accetta questo passivamente. Domenica 19 febbraio, i palestinesi della città hanno annunciato una campagna di disobbedienza civile collettiva.

L’istitutivo israeliano ha espresso preoccupazione per l’aumento delle tensioni. Il direttore dello Shin Bet, Ronen Bar, ha fatto un raro appello diretto a Ben-Gvir, esortandolo a frenare la sua repressione, che temeva avrebbe causato una “recrudescenza”. Alle suppliche di Bar hanno fatto eco il Capo di Stato Maggiore militare e il commissario della polizia israeliana. La risposta di Ben-Gvir è stata sprezzante, affermando che queste figure dell’istitutivo sono diventate “prigioniere” del modello di sicurezza prevalente e che le azioni passate di Bar non hanno garantito la sicurezza a Gerusalemme.

Negli ultimi anni, le crescenti tensioni nella città hanno seguito direttamente le provocazioni israeliane relative alla Moschea di Al-Aqsa e le invasioni dei coloni nel suo complesso. Mentre Ben-Gvir ha certamente dato il suo contributo a queste provocazioni, ora, come Ministro della Sicurezza Nazionale, ha scelto di intensificare l’eterna guerra contro Gerusalemme e i suoi abitanti.

La repressione in cifre 

• 49 palestinesi uccisi nel 2023.

• 11 bambini sono stati uccisi nel 2023.

• La più alta concentrazione di palestinesi uccisi quest’anno proviene dal governatorato di Jenin, che continua a subire incursioni quotidiane.

• 173 palestinesi sono stati uccisi in Cisgiordania e Gerusalemme Est nel 2022, come parte dell’Operazione Frangiflutti, mentre 49 sono stati uccisi a Gaza.

Il Mondoweiss Palestine Bureau sono i membri della redazione di Mondoweiss con sede nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Gerusalemmeisraelepalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“La Palestina è un laboratorio: così Israele esporta la tecnologia dell’occupazione”

Armi, tecnologie della sorveglianza, droni, tattiche e repressione: Antony Loewenstein, giornalista australiano e nipote di ebrei tedeschi rifugiati, racconta come la Palestina sia diventata il luogo perfetto per gli affari dell’industria militare israeliana.