InfoAut
Immagine di copertina per il post

Messico: i prigionieri politici di Eloxochitlán

Lo scorso 20 dicembre ne è stato liberato uno, Isaías Gallardo, ma sono ancora in sei ad attendere giustizia. Sono vittime di un vero e proprio montaggio giudiziario per essersi difesi dai cacicchi e dagli attacchi della politica tradizionale dello Stato di Oaxaca.

di David Lifodi, da La Bottega del Barbieri

È stato scarcerato lo scorso 20 dicembre Isaías Gallardo, uno dei sette prigionieri politici di Eloxochitlán de Flores Magón (stato di Oaxaca, Messico), incarcerati a seguito dei fatti avvenuti il 14 dicembre 2014, quando Omar Hugo Morales, Alfredo Bolaños Pacheco, Jaime Betanzos, Herminio Monfil, Fernando Gavito e Francisco Durán, insieme a molti altri militanti delle organizzazioni popolari, furono attaccati nel corso di una vera e propria aggressione armata contro l’assemblea comunitaria che stava eleggendo el alcalde, una delle autorità tradizionali della comunità nella Sierra Mazateca de Oaxaca.

L’ex presidente municipale Manuel Zepeda Cortés, insieme alla figlia Elisa Zepeda Lagunas, attaccò l’assemblea comunitaria con colpi di arma da fuoco al termine di tre anni caratterizzati da una vera e propria persecuzione culminata, solo 20 giorni prima, con la presa violenta della comunità da parte dello stesso Zepeda Cortés e dei suoi uomini armati.

L’elezione dell’autorità tradizionale rappresentava una sorta di governo parallelo e alternativo da parte della comunità che non intendeva sottostare ai diktat di Zepeda Cortés. Negli scontri del 14 dicembre, i comuneros fecero prigioniero il figlio più giovane di Zepeda Cortés, Manuel, anch’esso in possesso di un’arma da fuoco, per condurlo di fronte al Pubblico Ministero di Huautla de Jiménez, a 45 chilometri da Eloxochitlán, ma all’arrivo, ad essere arrestati furono gli stessi esponenti dell’assemblea comunitaria, senza che ne venisse spiegato loro il motivo.

Il giorno successivo, il 15 dicembre, Manuel Zepeda venne trovato morto e, ad essere accusati di omicidio, furono i comuneros.

La liberazione di Isaías Gallardo, con l’evidente motivazione che il fatto non sussiste, rappresenta un primo passo verso la verità in un contesto caratterizzato da un vero e proprio montaggio giudiziario nei confronti dei comuneros, la cui persecuzione deriva dall’aver osato sfidare il poder caciquil. Sono stati decine i militanti sociali costretti a far fronte alle accuse e ad una vera e propria persecuzione politica della famiglia Zepeda a seguito di quanto accaduto quel 14 dicembre 2014, quando a sparare furono gli uomini prezzolati dei cacicchi.

Attualmente, Elisa Zepeda Lagunes (il cui partito è quello obradorista di Morena – Movimiento Regeneración Nacional) è addirittura titolare della Secretaría de Mujeres del governo di Salomón Jara dello stato di Oaxaca.

Come ha scritto la giornalista Gloria Muñoz Ramirez, i prigionieri politici di Eloxochitlán sono identificati come magonisti radicali e, ancora oggi, l’intera comunità è frutto di una costante persecuzione politica che ha costretto molti di loro anche ad abbandonare i luoghi dove hanno sempre vissuto.

La montatura si basa sul fatto che l’assassinio del giovane Manuel Zepeda sarebbe avvenuto alle 14 del 14 dicembre in una casa privata, secondo quanto rilevato dalla Procuraduría, ma in realtà la polizia ministeriale e statale, nel loro rapporto, non hanno riportato che l’omicidio sia avvenuto un un’abitazione privata di Eloxochitlán.

Oggi sono in molti a chiedere la liberazione dei prigionieri politici, vittime di quei cacicchi dei quali hanno sempre denunciato gli abusi di potere.

foto: https://www.educaoaxaca.org/

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

messicoPOPOLI INDIGENIprigionieri politici

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: Per la violenza migliaia di persone sono obbligate a sfollare nella regione Sierra e a Frontera nel Chiapas

Migliaia di persone dei municipi chiapanechi di Chicomuselo, Socoltenango e La Concordia sono state obbligate a sfollare dalle proprie comunità per la violenza provocata da gruppi del crimine organizzato e dalle forze armate, dopo lo scontro tra cartelli del passato 15 gennaio e l’irruzione dell’esercito e della Guardia Nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: Una guerra contro il movimento indigeno

Il decreto di Conflitto Armato Interno emesso dal governo di Daniel Noboa “si inscrive in modo diretto nella Dottrina dello Shock come condizione di possibilità per l’aggiustamento economico”, sostiene l’economista ecuadoriano Pablo Dávalos.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il CAM in Sciopero della Fame dice che “Non ci può essere dialogo con militarizzazione, prigionieri politici e senza la restituzione delle terre”

Dal 13 novembre sono in sciopero della fame i prigionieri politici mapuche del CAM (Coordinamento Arauco-Malleco) reclusi nel CCP Biobío di Concepción, Ernesto Llaitul, Esteban Henríquez, Ricardo Delgado Reinao e Nicolás Alcamán, per chiedere l’annullamento della sentenza di condanna a più di 15 anni di reclusione che pesa su di loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chiapas: si concludono le celebrazioni per il 30esimo anniversario dell’insurrezione zapatista

Si sono tenute a cavallo del capodanno le celebrazioni per i 30 anni dell’inizio della rivolta zapatista in Chiapas.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: i prigionieri politici mapuche iniziano uno sciopero della fame fino ad ottenere l’annullamento del processo del razzista stato cileno

Facciamo un appello al nostro Popolo, alle comunità in resistenza, così come agli oppressi in generale, ad accompagnare questa mobilitazione con denunce, proteste e azioni contro lo stato cileno e principalmente contro i veri nemici, i capitalisti e i loro lacchè, responsabili di tante ingiustizie, così come del saccheggio dei territori ancestrali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ministro israeliano chiede l’esecuzione di tutti i prigionieri palestinesi

Il ministro israeliano del Patrimonio, Amichai Eliyahu, ha chiesto l’esecuzione dei prigionieri palestinesi in modo che non vengano rilasciati in qualsiasi futuro negoziato con la resistenza palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popolo mapuche: accanimento giudiziario verso i dirigenti mapuche con condanne carcerarie eterne

La persecuzione verso le dirigenze mapuche non cessano, nemmeno dietro le sbarre, dove ultimamente abbiamo visto condanne di decine d’anni, una vita intera in carcere, un peso della legge che non cade così nemmeno sui violentatori di diritti umani di questo paese.