Mentre molti studenti e università sostengono il BDS , le università americane mantengono legami con l’apartheid israeliano

Stampa

Nonostante i crescenti appelli degli studenti attivisti affinché le loro scuole sostengano il Movimento BDS, le università americane continuano a collaborare con Israele.

||||
|||| ||||

Fonte: english version

Di Jessica Buxbaum – 31 maggio 2022

TEL AVIV, ISRAELE — Questo mese, la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università della Città di New York ha approvato all’unanimità una risoluzione che approva il Movimento per il Boicottaggio, il Disinvestimento e Sanzioni (BDS), unendosi a un coro di università americane che si battono per i diritti dei palestinesi. Il quotidiano Crimson dell’Università di Harvard ha approvato il Movimento all’inizio di quest’anno, con 50 docenti della scuola che hanno sostenuto la decisione. E a marzo, anche l’Associazione di Studi sul Medio Oriente ha votato a favore del Movimento BDS.

Man mano che i campus universitari negli Stati Uniti crescono nel loro sostegno alla Palestina, le loro amministrazioni, molte che hanno ancora rapporti con le principali università israeliane complici dell’occupazione israeliana della Palestina, sembrano meno propensi a concordare. In quest’ottica, gli attivisti del BDS esortano i sostenitori a boicottare le istituzioni accademiche israeliane.

La complicità delle università israeliane

Come illustrato da Visualizing Palestine, un progetto basato sui dati che crea grafici sulla questione israelo-palestinese, diverse importanti università israeliane assistono lo Stato nel mantenere l’oppressione dei palestinesi. L’Università di Tel Aviv, l’Università Ebraica, l’Università di Ariel, l’Università di Haifa, l’Università Bar-Ilan, l’Università Ben-Gurion del Negev e l’Istituto Tecnologico Technion contribuiscono tutte alla violenza coloniale in corso.

Academia Serving Apartheid

 technion edited

Ad esempio, l’Università di Tel Aviv invita i produttori di armi come Elbit Systems alla sua annuale Fiera del Lavoro Tecnologico e invita gli studenti agli eventi di Elbit Systems ai fini dell’assunzione. L’Università ha anche svolto un ruolo nello stabilire le dottrine militari e i codici etici dell’esercito israeliano e nella formazione degli studenti a fornire difesa legale attraverso il suo programma di riserva dell’esercito. L’Istituto Nazionale di Medicina Legale Greenberg all’interno dell’Università sta attualmente conservando 63 cadaveri palestinesi nel congelatore di un laboratorio medico come parte della politica israeliana di trattenere i corpi da utilizzare come merce di scambio nei negoziati futuri.

L’Istituto Technion lavora anche con sviluppatori di armi, collaborando con Elbit Systems e Rafael Advanced Defense Systems su progetti di ricerca. Technion, Ben-Gurion e Bar-Ilan hanno tutti partecipato alla costruzione di un robot umanoide con i finanziamenti forniti dai Dipartimenti della Difesa israeliano e statunitense. Bar-Ilan e Technion collaborano anche con l’esercito israeliano per sviluppare attrezzature utilizzate per eseguire demolizioni di case.

L’Università Ebraica si coordina con la polizia israeliana per monitorare e sorvegliare le comunità palestinesi vicine. L’Università di Haifa ospita un programma di formazione degli studenti su come diventare “sostenitori digitali per Israele”. E l’Università di Tel Aviv, l’Università Ebraica, l’Università Ben-Gurion e l’Università di Haifa hanno offerto indennità e borse di studio agli studenti che hanno partecipato all’assalto militare a Gaza nel 2014.

Queste università sono profondamente legate all’Apartheid di Israele, rendendo indirettamente complici anche i loro partner americani.

Accademia americana e apartheid israeliano 

Nonostante i crescenti appelli degli studenti attivisti affinché le loro scuole sostengano il Movimento BDS, le università americane continuano a collaborare con Israele.

“L’università si sta mettendo a rischio di importare le politiche razziste dello Stato israeliano nei campus universitari a causa della stretta collaborazione”, ha detto Nasreen Abd Elal, progettista presso Visualizing Palestine. Abd Elal si riferiva al programma di doppia laurea dell’Università Columbia con l’Università di Tel Aviv, lanciato nel 2020. È stata coinvolta nella campagna studentesca contro il programma alla Columbia.

Tuttavia, la Columbia non è l’unica università americana collegata alle università israeliane complici. Molte delle principali università statunitensi si coordinano con le istituzioni israeliane. Le seguenti scuole hanno programmi di scambio di studio all’estero o partenariati di ricerca con l’Università di Tel Aviv, oltre alla Columbia e l’Università della Città di New York:

US colleges aparthied 2048x2048

Technion e Cornell hanno collaborato insieme per creare l’Istituto Jacobs-Technion-Cornell nel 2011. L’Università di Washington di St. Louis collabora con Technion attraverso la sua Accademia Internazionale degli Studiosi McDonnell. L’Università dell’Illinois collabora sia con Tel Aviv che con l’Università Ebraica attraverso il suo centro di ricerca, Discovery Partners Institute, un’organizzazione progettata per lo sviluppo della forza lavoro tecnologica applicata alla ricerca e sviluppo a Chicago. Nel 2019 l’Università Ariel, che si trova in un insediamento israeliano illegale nella Cisgiordania occupata, ha annunciato una collaborazione con l’Università Atlantica della Florida.

Molte di queste istituzioni accademiche hanno anche fortemente investito in società israeliane, tra cui Columbia, Tufts, UNC e Urbana-Champaign. L’Università di Harvard è finita sulle prime pagine dei quotidiani ad aprile quando il suo giornale ha approvato il Movimento BDS, ma l’Università mantiene investimenti in diverse società elencate nella banca dati delle Nazioni Unite delle società coinvolte nell’impresa di insediamenti illegali di Israele. Questi includono Bookings Holdings, Expedia, General Mills e Motorola.

Mentre le campagne BDS nei campus universitari hanno acquisito slancio, attualmente nessuna università americana ha effettivamente disinvestito da Israele.

Non solo il mondo accademico

Le università non sono le uniche ad associarsi con le università israeliane. Anche diverse aziende americane hanno legami.

Technion ha collaborato con le società americane Google, IBM, Intel, Nvidia, KLA, Amazon, Medtronic, Cisco, Marvell e Cadence Design Systems. IBM ha anche partecipato a eventi con l’Università Ariel, secondo il centro di ricerca Chi Trae Profitto dall’Occupazione. La società di programmazione PTC ha iniziato a collaborare con Technion sulla creazione di un centro di ricerca e sviluppo nel 2021.

BGN Technologies, la società di trasferimento tecnologico dell’Università Ben-Gurion, ha fondato il suo Parco di Tecnologie Avanzate. I fruitori del Parco includono le aziende americane dbMotion e Oracle. BGN Technologies collabora anche con entità americane l’Istituto di Tecnologia della Georgia, Nexant, Delek US, Duquesne Light Company, Schweitzer Engineering Laboratories e MITRE Corporation, attraverso il suo consorzio congiunto relativo allo sviluppo di infrastrutture di protezione informatica.

La Cleveland Clinic Foundation, un centro medico accademico americano senza scopo di lucro con sede a Cleveland, Ohio, ha stipulato un accordo di cooperazione accademica con l’Università Ebraica nel 2017.

Soppressione della libertà accademica palestinese 

Le risoluzioni BDS nel mondo accademico non stanno passando a un ritmo veloce e nemmeno significativo, ma Abd Elal afferma che la reazione amministrativa a quelle che sono state approvate dimostra che il Movimento sta funzionando:

“Gli amministratori rispondono istintivamente opponendosi affermando: “Non ci impegneremo mai a disinvestire”. Ma il fatto che si sentano obbligati a rispondere sta provocando quel confronto. Studenti e docenti stanno vedendo come l’università eliminerà il mandato democratico a causa del loro interesse a mantenere buoni rapporti con i propri investitori”.

Abd Elal ha aggiunto che queste campagne sono riuscite a raccogliere un’ondata di sostegno che, di per sé, è potente. “Ci sono stati progressi significativi nella costruzione della solidarietà nel campus e nel convincere le persone a impegnarsi ad andare in queste istituzioni e fare pressione sull’amministrazione per porre fine agli accordi”, ha affermato.

L’appello al boicottaggio accademico va però oltre il livello istituzionale. “Lo Stato e l’occupazione israeliani emarginano gli studenti e le università palestinesi e limitano l’accesso di studiosi e studenti internazionali alle università palestinesi, il che è una minaccia significativa alla libertà accademica”, ha affermato Abd Elal.

A febbraio, il Coordinatore delle Attività Governative nei Territori (COGAT) del Ministero della Difesa israeliano ha pubblicato nuove regole sull’ingresso di stranieri in Cisgiordania. Queste linee guida includevano una serie di nuove restrizioni per le persone che desiderano studiare o lavorare nelle università palestinesi. I docenti stranieri devono essere in possesso di un dottorato e possono insegnare solo in determinati campi. COGAT consentirà solo 150 studenti stranieri nelle università palestinesi ogni anno e può limitare i campi di studio a loro aperti.

Come descritto sopra, molte università americane hanno accordi accademici con università israeliane. Tuttavia, la promozione di un libero scambio di idee tra accademici israeliani e americani tende a ignorare la presa paralizzante che Israele ha sull’istruzione palestinese.

Abd Elal ha spiegato che la grafica di Visualizing Palestine non intendeva solo descrivere come le università israeliane siano complici dell’Apartheid, ma anche come lo Stato israeliano abbia interesse a sopprimere la libertà accademica palestinese. “L’occupazione separa davvero i palestinesi dalla comunità accademica”, ha detto. “Quindi, per questo motivo, il boicottaggio accademico è un modo fondamentale per essere solidali con i nostri colleghi accademici”.

Jessica Buxbaum è una giornalista corrispondente da Gerusalemme per MintPress News che copre Palestina, Israele e Siria. Il suo lavoro è apparso su Middle East Eye, The New Arab e Gulf News.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons