Le famiglie di Abdurrahman Er e Mazlum Dağ chiedono a Barzani l'annullamento della condanna a morte.

Stampa

Abdurrahman Er e Mazlum Dağ sono stati condannati a morte l'11 febbraio 2020 dalla seconda camera della Corte penale di Erbil (Hewler), nella regione autonoma del Kurdistan iracheno, governata dal governo regionale del Kurdistan (KRG). Recentemente la sentenza è stata confermata dalla corte d'appello. I due cittadini curdi, insieme ad altre due persone, sono accusati dell'omicidio del viceconsole turco Osman Köse il 17 luglio 2019 a Erbil. In Europa è stata lanciata una campagna per chiedere l'annullamento delle condanne a morte dei due cittadini curdi. La petizione può essere firmata inviando un'e-mail a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Le famiglie di Abdurrahman Er e Mazlum Dağ hanno parlato con ANF della situazione dei loro figli, che rimangono detenuti a Hewler. 

||||
|||| ||||

Possiamo ricordare dove furono detenuti Mazlum e Abdurrahman?

Mazlum e Abdurrahman sono stati arrestati il ​​20 luglio 2019 dalle forze del KDP a Hewler. Da allora sono in prigione.

Quali sono le condizioni della loro detenzione? Ci sono state segnalazioni di torture e una confessione forzata in seguito al loro arresto. Puoi condividere quello che sai su questo?

Dapprima dissero che erano detenuti presso la sede centrale dei servizi di sicurezza nazionale (Asayish) di Hewler. Noi, come suoi parenti, siamo venuti a Bashur (Kurdistan meridionale, Iraq settentrionale) non appena abbiamo saputo che i nostri figli erano detenuti. Volevamo capire la situazione della loro detenzione e abbiamo cercato di ottenere assistenza legale. Tuttavia, non siamo riusciti a riunirci con i nostri figli. Volevamo assumere un avvocato, ma l'avvocato doveva ottenere una procura per iniziare il suo lavoro e quando siamo andati al carcere delle forze dell'ordine dove erano detenuti, non hanno nemmeno ammesso che i nostri figli fossero lì. Lo hanno fatto in modo che non potessimo coinvolgere un avvocato. Li abbiamo visti per la prima volta dopo 6 mesi. Alla prima visita abbiamo scoperto che erano stati torturati. C'erano segni di tortura sui loro corpi. Ci hanno anche detto che erano stati sottoposti a torture molto severe e che erano stati costretti a firmare dichiarazioni. È stato terribile vederli così. Quando arrivarono nella stanza delle visite non indossavano nemmeno le scarpe. Sono stati tenuti rinchiusi con i mercenari dell'ISIS fino al momento in cui ci siamo incontrati. Non siamo riusciti a capirlo. Ci siamo chiesti cosa stava cercando di ottenere il PDK detenendo i nostri figli con i mercenari dell'ISIS.. La comunicazione con loro è molto limitata. Fino ad oggi li abbiamo visti solo tre volte. Ora, a volte, le autorità carcerarie consentono loro di avere una conversazione telefonica. Ci hanno detto che la tortura è cessata da quando sono stati condannati a morte.

Come è andato il processo?

Né noi né i nostri figli abbiamo notizie sul processo, il processo non è stato pubblico. Si è tenuto proforma per imporre la pena di morte, niente di più. I nostri figli hanno detto che c'erano persone affiliate allo Stato turco in tribunale. All'udienza, tenuta dopo mesi di torture, hanno chiesto solo i nomi dei nostri figli. A parte questo, non hanno chiesto altro. Siamo andati alla porta del tribunale il giorno dell'udienza. Volevamo assistere all'udienza, ascoltare. Ma non ci era permesso entrare. Volevamo assumere un avvocato. Molti degli avvocati che abbiamo contattato non hanno accettato perché temevano il PDK. Alcuni erano interessati, ma il loro destino era incerto. Infine, non hanno nemmeno permesso all'avvocato che abbiamo trovato di assistere all'interrogatorio o all'udienza. La realtà è che i nostri due figli sono stati torturati da quando sono stati presi in custodia, non sono stati portati davanti a un tribunale equo e non hanno avuto alcun aiuto legale. L'amministrazione Bashur e il PDK hanno deciso di condannare a morte i nostri figli dopo un'unica udienza per compiacere la Repubblica turca. L'obiezione a questa decisione è stata respinta anche dalla Corte suprema senza alcuna norma legale o umanitaria. E abbiamo appreso tutte queste decisioni dalla stampa.

Quando sono stati condannati a morte?

Per quanto ne sappiamo, la sentenza è stata emessa l'11 febbraio 2020. La notizia della sentenza è stata pubblicata sulla stampa dopo essere stata confermata dalla corte d'appello il 15 settembre 2020.

Siete riusciti a ricongiungervi con i vostri figli dopo la condanna alla pena di morte? Come hanno saputo di questa decisione?

Sì, parliamo con loro. Hanno detto che questo processo giudiziario era una farsa. Anche che la loro coscienza era in pace e che non avevano fatto nulla di male. Hanno detto di non aver commesso alcun crimine contro il popolo, che il loro arresto e il loro processo erano illegali e che il KDP ha preso una decisione come questa a causa delle pressioni della Repubblica di Turchia. Ci hanno detto che quando hanno letto la condanna a morte al processo, non hanno permesso loro di aggiungere una sola parola. Tuttavia, hanno espresso la loro fiducia nel popolo curdo e nell'opinione democratica locale e internazionale.

Qual è la vostra richiesta come membri della famiglia? Qual è il vostro appello alle istituzioni europee e all'opinione pubblica?

Un processo senza avvocato, a porte chiuse, segreto, che si conclude con una condanna a morte, non è un processo, è un ordine di esecuzione diretto. Per tutto questo il processo dovrebbe essere annullato. I nostri figli rimangono ingiustamente imprigionati. Vogliamo che vengano rilasciati. La pena di morte è definita un crimine nel mondo. Un'amministrazione che si definisce un'amministrazione curda non può imporre punizioni come queste ai giovani curdi. Ogni atto compiuto dal periodo di detenzione alla conclusione del processo ha costituito reato. I nostri figli sono stati torturati. Di fronte a un processo giudiziario così ingiusto e illegale, chiediamo in particolare alle organizzazioni per i diritti umani in Europa di adempiere alle proprie responsabilità e di fare tutto ciò che è in loro potere per fermare questa decisione. Inoltre, le istituzioni pubbliche devono portare avanti la lotta necessaria ovunque si trovino per annullare questa decisione sbagliata e liberare i nostri figli. La lotta del popolo e le istituzioni dovrebbero costringere le autorità a revocare questa sentenza sbagliata.

Vorresti aggiungere qualcos'altro?

Come famiglia, faremo del nostro meglio. Lavoreremo per la liberazione dei nostri figli. Ma in questa lotta, abbiamo bisogno del sostegno di tutti i curdi e delle istituzioni per i diritti umani. Ci auguriamo che rispondano in tanti alla nostra chiamata.

Di : Orsola Casagrande 

Fonte: ANF

Da: https://rebelion.org/las-familias-de-abdurrahman-er-y-mazlum-dag-piden-a-barzani-anular-la-sentencia-a-muerte/

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons