La Turchia rilancia attacchi contro la popolazione Kurda nell’Iraq del Nord

Stampa

Secondo il ministero della difesa turco sono almeno tre i soldati turchi uccisi durante una nuova offensiva contro i combattenti curdi nel nord dell'Iraq.

||||
|||| ||||

La Turchia ha lanciato mercoledì un'operazione, soprannominata "Claw-Eagle 2", contro i combattenti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) nella regione settentrionale irachena di Dohuk.

Si tratta quindi di 2 soldati turchi morti e altri due feriti mercoledì in scontri con i militanti nella regione di Gara, un altro soldato è stato ucciso giovedì, ha detto il ministero della difesa turco.

 

Il PKK, elencato come gruppo "terrorista" dalla Turchia e da gran parte della comunità internazionale, ha usato per decenni le zone montuose dell'Iraq come trampolino di lancio per i suoi attacchi contro posizioni all'interno della Turchia.
L'esercito turco conduce regolarmente operazioni transfrontaliere e raid aerei sulle basi del PKK nel nord dell'Iraq, propagandando le operazioni come facenti parte del suo "legittimo" diritto di "autodifesa".

Il mese scorso, il ministro della difesa Hulusi Akar ha visitato la capitale irachena, Baghdad e la parte settentrionale del paese da dove ha detto che la Turchia intende eliminare gli attacchi del PKK per garantire la sicurezza dei confini e la pace regionale.

Dopo che un processo di pace è crollato nel 2015, ponendo fine a un cessate il fuoco di due anni, il governo ha detto che non sarebbe tornato ai colloqui con il gruppo.
Da allora, la Turchia ha regolarmente preso di mira il PKK nel sud-est prevalentemente curdo e ha attaccato le posizioni del gruppo nel nord dell'Iraq.

Condividiamo di seguito la traduzione di un articolo apparso su ANF che riprende il comunicato delle HPG a riguardo.

 

HPG: Diversi soldati turchi uccisi durante l'operazione di invasione a Gare

Le truppe turche hanno subito pesanti perdite durante la loro operazione in corso nel tentativo di invadere l'area di Gare nel Kurdistan meridionale, secondo una dichiarazione pubblicata da HPG sull'ultima situazione sul terreno.

 

L'ufficio stampa delle Forze di Difesa Popolare (HPG) ha rilasciato un comunicato sull'aggressione militare turca nell'area Gare della guerriglia tenutasi nelle Zone di Difesa Medya nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale). Come l'HPG aveva annunciato in precedenza, l'operazione Gare è iniziata mercoledì sera con ampi bombardamenti da parte dell'aeronautica militare turca. "I primi scontri si sono verificati nell'area di Siyanê alle 5 del mattino del 10 febbraio dopo che lo stato turco ha bombardato pesantemente diverse aree nella regione di Garê e ha fatto atterrare soldati in mezzo ad attacchi di elicotteri alle 3 del mattino. A causa dell'effettivo bombardamento delle nostre forze qui, un gran numero le forze di occupazione sono state uccise, mentre alcune altre sono rimaste ferite. A seguito delle perdite, le forze d'invasione si sono ritirate gradualmente. L'area di battaglia e un campo con prigionieri di guerra sono stati bombardati intensamente da aerei da combattimento. Successivamente, le nostre forze hanno colpito nuovamente le forze di occupazione che nel frattempo si erano radunate. È stata registrata la morte di diverse decine di soldati. Dopo questo duro colpo, le forze di occupazione sono state costrette a ritirarsi dall'area di combattimento ". Mercoledì a mezzogiorno Siyanê è stata bombardata per un totale di sei volte da aerei da guerra turchi. Un'altra aggressione da parte di elicotteri d'attacco è stata prevenuta dall'intervento dei guerriglieri. Nel frattempo, i combattimenti nell'area continuano senza sosta. Aerei da ricognizione e caccia girano senza sosta sopra Gare.

 

Gli attacchi aerei dell'esercito turco sono continuati giovedì. Secondo il rapporto HPG, il villaggio di Sêdarê è stato bombardato sei volte. Cinque attacchi aerei sono stati registrati nella zona di Nêranê. La periferia dei villaggi di Museleka, Bilindbazê e Şkeftiyan è stata colpita in totale nove volte. Dalla sera dell'11 febbraio è stata osservata un'intensa attività aerea da parte degli elicotteri Sikorsky tra Akrê e Siyanê e nell'area di Qela Seddam.

Truppe lanciate in aria circondate dalla guerriglia

"Le forze di occupazione di stanza sulla linea tra Ergenê e Siyanê hanno cercato di espandere la loro area sul terreno. In tutta Gare si sono verificati tentativi di lanci, che sono stati impediti dagli interventi delle nostre forze. L'attacco dell'esercito turco a Gare è stato sventato dalla resistenza della guerriglia per la libertà del Kurdistan. Gli occupanti sbarcati nella regione sono stati circondati dalle nostre forze. L'esercito turco sta cercando di proteggere le loro forze con attacchi aerei intensivi ".

 

Situazione disperata per l'esercito turco

"L'esercito di occupazione turco si trova in una situazione disperata a causa dei pesanti attacchi delle nostre forze e sta usando una massiccia tecnologia bellica. Il campo di battaglia è stato bombardato intensamente. I nostri membri affrontano e frustrano la tecnologia del nemico attraverso le loro tattiche di nuova generazione e l'incrollabile volontà della guerriglia per la libertà del Kurdistan. Il nemico non riesce a ottenere un risultato contro i guerriglieri ed è stato inferto un colpo dopo l'altro ".

Dichiarazione del ministero della Difesa turco falsa

HPG ha anche sottolineato che le vittime nei ranghi delle forze di occupazione sono deliberatamente tenute basse dal Ministero della Difesa turco per ingannare il pubblico. "Solo nelle battaglie, l'esercito turco ha subito più di trenta vittime. Nel frattempo, il numero delle nostre vittime viene manipolato verso l'alto. Annunceremo i dettagli esatti delle nostre vittime insieme alle loro identità".

 

Nessuna informazione sul coinvolgimento di KDP

HPG ha affermato di non avere alcun vincolo per quanto riguarda la partecipazione delle forze KDP all'operazione Gare, aggiungendo; "Tuttavia, le truppe turche e gli elicotteri che stanno prendendo parte all'attacco sono stati trasferiti a Gare da Şırnak alla base di Bashika e da lì in poi attraverso il sottodistretto Bakirman ad Akra. Non ci sono state reazioni da parte del KDP".

Ibrahim Parim non è un membro del PKK

Infine, l'HPG ha negato ai media che un membro di spicco del PKK sia stato catturato durante un'operazione speciale dal servizio di intelligence turco MIT nel Kurdistan meridionale. HPG ha detto che Ibrahim Parim, presentato dall'agenzia di stampa ufficiale AA come "funzionario logistico" del PKK, era stato espulso dal movimento di liberazione curdo molto tempo fa; “Era una persona normale senza una posizione che si era arresa al nemico dopo essere stata espulsa dal PKK. La copertura mediatica di Parim non è altro che guerra psicologica e propaganda ".

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons