InfoAut
Immagine di copertina per il post

La rivoluzione di massa degli agricoltori indiani

Abbiamo tradotto da El Salto questo interessante reportage sulle proteste contadine in India a firma Joanna Giménez i Garcia. Buona lettura!

Un contadino indiano regge una grande bandiera rossa. La falce e il martello, simbolo dell’unità dei lavoratori, spiccano in bianco. Le iniziali recitano: “CITU”. “Operai e contadini si sono uniti per opporsi alle leggi anti-contadine e anti-operaie del governo!”, esclama l’agricoltore. “Non è previsto un salario minimo. E i suicidi degli agricoltori aumentano di giorno in giorno. Mentre la gente diventa sempre più povera, le aziende e i potenti diventano sempre più ricchi”, ha detto.

Nel settembre 2020, si accese una scintilla che si diffuse a macchia d’olio in tutti gli Stati della colossale India, diventando quella che oggi è nota come la più grande protesta della storia, con circa 250 milioni di manifestanti, conosciuta come la protesta dei contadini. Tre anni dopo, questa fiamma continua a bruciare sotto forma di manifestazioni di massa che continuano a chiedere diritti per i lavoratori ed esigono una soluzione dall’attuale governo suprematista indiano.

Tra il 1995 e il 2014 in India si sono tolti la vita circa 300.000 agricoltori. I dati indicano che l’incidenza dei suicidi degli agricoltori è rimasta elevata negli ultimi anni.

Il 5 aprile si è svolta una protesta di massa a Delhi, la capitale dell’India. Secondo il CITU (Centre of Indian Trade Unions), la più grande assemblea di lavoratori del Paese e una delle organizzazioni coinvolte, circa 100.000 manifestanti sono arrivati dai diversi Stati del Paese. Questa manifestazione non è altro che la continuazione dello Sciopero Agrario Indiano, che non molto tempo fa è stato un movimento che ha cambiato per sempre la società indiana e che continua ad alzare la voce contro le privatizzazioni e le misure neoliberiste dell’attuale governo. Gli altri organizzatori, oltre alla CITU, sono stati l’AIKS (All India Farmers’ Union) e l’AIAWU (All India Agricultural Workers’ Union), le cui sigle si potevano leggere sulle migliaia di striscioni portati dai manifestanti. Secondo la CITU in un comunicato ufficiale: “I lavoratori e gli agricoltori sono venuti a chiedere la fine dell’assalto in corso ai loro mezzi di sussistenza e l’adozione di politiche che garantiscano l’accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria e a una vita dignitosa per loro stessi e per i loro figli”. Anche i gruppi studenteschi e gli ambientalisti sono intervenuti a sostegno della manifestazione. I sindacati socialisti-marxisti, che hanno indetto la protesta, sostengono che “il successo della lotta dei contadini dura ormai da un anno” e che “hanno ottenuto molte vittorie recenti contro le politiche anti-popolari”. Ma cosa è successo in India che ha portato oggi a questa situazione?

Nel settembre 2020 sono state approvate tre leggi sull’agricoltura su mandato dell’attuale partito estremista indù BJP (Partito Popolare Indiano). Questa notizia ha scatenato il rifiuto di milioni di agricoltori e contadini, che secondo le Nazioni Unite rappresentano circa il 70% della popolazione indiana. Le tre leggi sull’agricoltura che hanno scatenato le proteste sono state presentate dal Primo Ministro Narendra Modi come una svolta che avrebbe migliorato la situazione economica dei lavoratori agricoli. Tuttavia, sono state definite dai sindacati “leggi anti-contadine”, che li lascerebbero alla mercé della volontà delle grandi imprese, data la loro natura deregolamentatrice e neoliberista.

Le disuguaglianze nel settore agricolo non sono una novità. Intorno al 1960, l’India appena indipendente stava cercando di combattere una grave carestia che stava devastando il Paese. Il governo, con l’aiuto degli Stati Uniti, si impegnò a fondo per modernizzare l’agricoltura, un processo che divenne noto come Rivoluzione Verde. In questo contesto, l’India sviluppò un sistema per garantire prezzi equi che è ancora in uso oggi. Il governo indiano stabilì dei prezzi di riferimento per la vendita e l’acquisto dei raccolti tra agricoltori e commercianti. Pur non essendo un sistema perfetto, proponeva degli standard minimi. Tuttavia, la Rivoluzione Verde, iniziata come una promessa di progresso, si è conclusa con una catastrofe che ha provocato migliaia di vittime, ancora oggi.

Circa 300.000 agricoltori si sono tolti la vita tra il 1995 e il 2014, secondo il NCRB (National Crime Records Bureau). I dati indicano che l’incidenza dei suicidi di agricoltori è rimasta alta negli ultimi anni. È stato negli anni ’70 che i lavoratori agricoli hanno iniziato a porre fine alle loro vite in modo massiccio, tra la disperazione delle loro famiglie. A seguito dell’industrializzazione forzata della Rivoluzione Verde, milioni di agricoltori non potevano permettersi il costo dei nuovi macchinari, dei pesticidi e degli altri mezzi che l’industria agricola richiedeva per rimanere competitiva sul mercato. Hanno iniziato a chiedere prestiti ai proprietari terrieri privati e alle banche che poi non sono stati in grado di ripagare. Infatti, i dati del Ministero delle Statistiche indiano mostrano che oggi più del 50% delle famiglie di agricoltori sono indebitate. Per Palagummi Sainath, giornalista dell’India rurale, la correlazione è chiara: “Gli agricoltori si sono uccisi negli anni in cui il raccolto è stato abbondante. E nelle stagioni in cui è mancato. Si sono tolti la vita in gran numero in anni molto diversi (…) Il monsone – la stagione delle piogge – ha un impatto molto reale sull’agricoltura. Ma non è affatto la ragione principale dei suicidi agricoli. I problemi di debito, l’iper-commercializzazione, l’esplosione dei costi delle risorse e i gravi shock e la volatilità dei prezzi vengono alla ribalta. Tutti questi fattori sono in gran parte determinati dalle politiche statali”.

Foto di Joanna Giménez i Garcia

Decenni di stanchezza sono serviti da terreno fertile per l’approvazione delle tre leggi sull’agricoltura, che hanno scatenato grandi mobilitazioni. Ognuna di queste leggi deregolamentava una parte del sistema. La prima ha creato spazi di scambio al di fuori dei mercati regolamentati, ponendo fine alla precedente regolamentazione dei prezzi e consentendo alle grandi aziende di giocare alle loro condizioni. In secondo luogo, ha creato un quadro per gli accordi tra commercianti e agricoltori senza alcuna supervisione, lasciando gli agricoltori in una posizione di svantaggio, con poche opzioni per evitare accordi sbagliati. Inoltre, avendo eliminato la regolamentazione, gli agricoltori sarebbero stati soli davanti alle condizioni delle grandi imprese o sarebbero stati costretti a uscire dal settore agricolo. Infine, la terza legge ha eliminato il limite di stoccaggio delle colture precedentemente fissato dal governo per controllare i prezzi. L’immagazzinamento illimitato avrebbe significato che i produttori con maggiori risorse materiali avrebbero spazzato via i piccoli agricoltori.

Lo sciopero agrario indiano è durato dal 2020 al 2021. Le proteste sono iniziate nel Punjab, un’area storicamente socialista con un’ampia partecipazione sindacale. Durante quell’anno di mobilitazione, 700 manifestanti sono morti e molti si sono suicidati per protesta, tra cui un sacerdote sikh che si è sparato nel bel mezzo della protesta. Ha lasciato una lettera d’addio scritta a mano, in cui scriveva che “non poteva sopportare il dolore dei contadini”. Il sostegno internazionale fu clamoroso, soprattutto negli Stati Uniti, dove si svolsero grandi manifestazioni della comunità indiana emigrata. Infine, dopo un anno di proteste sostenute, il 19 novembre 2021 Narendra Modi ha annunciato in un discorso televisivo che avrebbe abrogato le tre leggi.

“Chiediamo la cancellazione dei codici del lavoro che questo governo vuole introdurre per trasformare i lavoratori in schiavi. Metteranno fine al diritto di sciopero, al diritto di organizzazione. Non c’è un salario minimo per gli agricoltori”.

Dopo il trionfo delle proteste, l’industria agricola continua a essere duramente colpita e, secondo i sindacati, c’è un urgente bisogno di riforme per proteggere i diritti dei lavoratori. Per questo motivo, i sindacati, notevolmente rafforzati, hanno continuato a chiedere il miglioramento dei servizi pubblici, salari minimi e pensioni e la regolamentazione dell’aumento dei prezzi. Attualmente il salario medio di un agricoltore è di 18.000 rupie (200 euro) e chiedono un aumento a 26.000 rupie (300 euro). Inoltre, ora godono di un ampio sostegno pubblico e di figure autorevoli, come l’economista marxista indiano Prabhat Patnaik, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni al quotidiano The Hindu in merito alla protesta del 5 aprile: “Questa protesta serve a unire le classi lavoratrici per difendere i loro interessi materiali e impedire il loro impoverimento, imposto dalle politiche neoliberiste di questo governo neofascista”, ha dichiarato, aggiungendo che le conseguenze politiche di una tale manifestazione arriveranno solo con il passare del tempo.

Il contadino indiano, con in mano una grande bandiera rossa con falce e martello, continua: “Chiediamo salari minimi, chiediamo di eliminare i codici del lavoro che questo governo vuole introdurre per trasformare i lavoratori in schiavi. Metteranno fine al diritto di sciopero, al diritto di organizzazione. Non c’è un salario minimo per gli agricoltori”, è visibilmente esaltato, ma si capisce che conosce il suo discorso a memoria. “Ora i lavoratori e gli agricoltori si sono uniti su un’unica piattaforma. E chiedono al governo Modi: ‘O cambiate le vostre leggi e le vostre politiche, o noi cambieremo voi’ è lo slogan. Salvare le persone, salvare il Paese, salvare l’economia di questo Paese, questa è la nostra richiesta”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

agricoltoriCRISI CLIMATICAIndianeoliberismoscioperosfruttamento

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla mobilitazione in sostegno alla popolazione di Gaza ed alla resistenza palestinese

Ci appelliamo a tutt3 coloro che vogliono sostenere la resistenza del popolo palestinese per difendere una prospettiva universale di autodeterminazione, uguaglianza, equità e diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attacco iraniano a Israele: quali conseguenze per il Libano?

Lo Stato ebraico potrebbe intensificare la lotta contro Hezbollah, ma secondo gli esperti una guerra aperta sul territorio libanese è improbabile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il popolo mapuche convoca una marcia a Temuco contro un megaprogetto elettrico

Viene convocata anche per chiedere la fine della promulgazione e dell’applicazione di leggi che cercano di fronteggiare i genuini processi di rivendicazione territoriale che comunità e Pu lof portano avanti in attesa della ricostruzione e liberazione nazionale mapuche.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lavoro: maxi-sequestro a GS (Gruppo Carrefour). Quale futuro attende lavoratori e lavoratrici?

Si arricchisce di ulteriori dettagli il maxisequestro della Procura di Milano (65 milioni di euro) a Gs spa, il gruppo di 1.500 supermercati italiani di proprietà del colosso francese Carrefour.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: sostegno alle 17 persone arrestate dalla polizia antiterrorismo in seguito alla campagna di azione nazionale contro il mondo del cemento

Lunedì 8 aprile, 17 persone sono state arrestate in Normandia e nell’Ile de France in un’operazione condotta dalla Sottodirezione antiterrorismo. Alcuni di loro sono stati portati nella sede di Levallois-Perret e potrebbero rimanerci per 96 ore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

PFAS: tre domande per capire ogni cosa sugli inquinanti eterni

I PFAS sono oggetto di una proposta di legge ambientale esaminata il 4 aprile. Questi inquinanti eterni, onnipresenti nei nostri prodotti di consumo, sono tossici per l’uomo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello dei lavoratori palestinesi per la Giornata della Terra. Lottiamo per la nostra terra e per la nostra libertà

Il 30 marzo in Palestina è il Giorno della Terra, che ricorda i caduti negli scontri del 30 marzo 1976 quando l’esercito israeliano inviò le proprie forze in tre paesi (Sachnin, Arraba e Deir Hanna) allo scopo di reprimere le manifestazioni che ebbero luogo a seguito della decisione delle autorità israeliane di espropriare vasti terreni agricoli. 

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un anno dopo Sainte-Soline: solidarietà, rabbia e gioia per le strade di Nantes

Un anno fa, decine di migliaia di noi hanno marciato in mezzo ai campi delle Deux-Sèvres contro i megabacini, e siamo rimasti intrappolati dalla repressione militare, intrappolati sotto il rombo delle granate sparate a migliaia.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Uscita la legge europea sull’Intelligenza Artificiale: cosa va alle imprese e cosa ai lavoratori

Il 13 marzo 2024 è stato approvato l’Artificial Intelligence Act, la prima norma al mondo che fornisce una base giuridica complessiva sulle attività di produzione, sfruttamento e utilizzo dell’Intelligenza Artificiale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il socialismo climatico e il collasso del clima

Da un po’ di tempo i media riportano notizie allarmanti sulla possibile interruzione della circolazione meridionale atlantica (AMOC), un vasto sistema di correnti oceaniche, componente chiave della regolazione del clima globale di cui fa parte la Corrente del Golfo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Guardiani della terra maremmana per una transizione ecologica giusta

Cresce nella Maremma ed in Tuscia la resistenza dal basso all’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica, nuova frontiera del “landgrabbing”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7 energia, clima, ambiente a Venaria, prepariamoci insieme ad accoglierlo!

Durante il G7 si riuniranno le principali potenze economiche per discutere come disegnare i prossimi passi della cosiddetta transizione energetica ed ecologica.