La realtà delle mine in Turchia: due bambini morti a Şırnak

Stampa

Yusuf Ata (14) e Caner Sak (16), due bambini che stavano pascolando i loro animali in una zona rurale della provincia orientale della Turchia di Şırnak (Şirnex), sono rimasti uccisi domenica dopo aver calpestato una mina.

||||
|||| ||||

L’incidente mortale è avvenuto attorno alle 15:00 nel villaggio di Yemişli, nel distretto di Uludere (Roboski) di Şırnak.

Il governatore di Şırnak ha affermato in una dichiarazione scritta che i bambini sono stati “gravemente feriti” a seguito dell ‘”esplosione di munizioni” e successivamente hanno perso la vita nell’ospedale statale di Şırnak dove erano stati trasferiti da un elicottero successivamene all’incidente .

I corpi di Ata e Sak sarebbero stati portati a Şırnak all’insaputa delle loro famiglie. Entrambi i bambini hanno ricevuto l’ultimo saluto nel loro villaggio natale di Yemişli.

sirnak patlama

 

La realtà delle mine e dei bambini

La morte di Ceylan Önkol, uccisa il 28 settembre 2009 mentre pascolava animali vicino al villaggio di Şenlik, nella campagna di Diyarbakır (Amed), è stato l’incidente che ha rivelato l’entità del pericolo delle mine per i bambini. Gli abitanti del villaggio e i membri della famiglia hanno affermato che Ceylan è stata colpita dal fuoco dell’obice; forse è stata scambiata per una guerriglia curda. I militari, nel frattempo, avevano affermato che non c’erano state attività militari in quel particolare distretto.

Dopo un’autopsia del corpo di Ceylan, le autorità statali hanno affermato che l’esplosione è avvenuta quando Ceylan ha accidentalmente fatto esplodere una granata con una roncola per la potatura.

Secondo un rapporto medico indipendente, che sosteneva che la morte di Önkol non avrebbe potuto essere quella descritta dalle autorità statali, l’autopsia è stata condotta in modo errato, poiché le prove indicavano che non aveva “avuto contatti con alcun materiale” sul terreno al momento dell’esplosione.

La famiglia di Ceylan e gli altri abitanti del villaggio hanno aspettato quasi sei ore con il suo corpo smembrato, ma i militari si sono rifiutati di fornire al pubblico ministero l’accesso al luogo del reato per tre giorni, affermando che la regione non era sicura.

Circa un milione di mine antiuomo in Turchia

Secondo il rapporto del Landmine Monitor del 1999, si ritiene che una massiccia contaminazione da mine antiuomo (definita dall’ICBL-CMC in come più di 100 km²) esista in Afghanistan, Angola, Bosnia ed Erzegovina, Cambogia, Ciad, Croazia, Iraq, Tailandia, Turchia e Yemen.

Il rapporto ha documentato che 30 Stati in causa hanno “indicato di avere un numero significativo di vittime per le quali devono fornire assistenza, così come Algeria e Turchia, che hanno entrambe denunciato centinaia o migliaia di vittime nella presentazione di richieste di proroga della scadenza ufficiale per lo sdoganamento delle mine terrestri ( Trattato per la messa al bando delle mine- Articolo 5).

Secondo il rapporto:

Ci sono quasi un milione di mine terrestri in Turchia.

Il numero totale di campi minati in Turchia è 1.003.943.

Il numero di mine terrestri conosciute per essere localizzate intorno alle strutture militari in Turchia è 97.446.

Il numero di altri materiali esplosivi, come bombe a mano, mortai e razzi accumulati sottoterra, è sconosciuto.

Civili e bambini continuano a morire

Ayaz Güloğlu (8) e Nupelda Güloğlu (4) sarebbero morti nell’esplosione di una mina il 14 luglio 2019 nel pascolo di Çakılkaya del distretto di Ovacık a Dersim.

Un bambino di 14 anni, A.S, è rimasto gravemente ferito in un’esplosione di mine terrestri il 3 settembre 2019 nelle campagne del distretto di Kızıltepe a Mardin (Mêrdin) mentre pascolava animali. A.S ha perso entrambe le mani e gli occhi.

In un rapporto del 2020, l’Associazione dell’ordine forense di Diyarbakir ha riferito che nel 2020 almeno 180 cittadini sono stati “uccisi o feriti” a causa di “mine e scorte di attrezzature militari” .

Secondo l’Associazione dell’ordine forense di Diyarbakir, un terzo di questi 180 cittadini erano bambini. Secondo i dati delle Nazioni Unite, 97 civili, 26 dei quali erano bambini, hanno perso la vita in Turchia nel 2021 a causa di esplosioni causate da mine e attrezzature militari scartate.

AyazNupelda

 

Trattato di Ottawa

La Turchia è tra i firmatari della Convenzione di Ottawa, nota anche come “Trattato per la messa al bando delle mine”, che vieta l’uso, lo stoccaggio, la produzione e il trasferimento di mine terrestri antiuomo (APLs). La Turchia ha aderito al trattato di Ottawa nel 2003 e il trattato è entrato in vigore per la Turchia il 1° marzo 2004.

La Convenzione di Ottawa richiede agli Stati in causa di distruggere le loro scorte entro quattro anni ed eliminare tutte le aziende, comprese le mine attualmente piantate nel suolo, entro 10 anni. Ma i cittadini turchi, tra cui molti bambini, stanno ancora morendo e la Turchia non ha ancora adempiuto al suo impegno.

La Turchia ha tempo fino al 2022 per rispettare la sua scadenza e distruggere tutti gli APL accumulati.

Da Uiki OnlusUiki Onlus

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons