Kurdistan: le famiglie dei rivoluzionari tedeschi inviano una lettera alla Merkel

Stampa

Le famiglie dei rivoluzionari tedeschi martirizzati in Kurdistan in diversi momenti della lotta di liberazione, hanno scritto una lettera alla cancelliera Angela Merkel per fermare la vendita di armi allo Stato turco e porre fine all'oppressione dei curdi in Germania. Uta Schneiderbanger è morta dopo un incidente stradale a Qalediz il 31 maggio 2005, Ivana Hoffman nella lotta contro l'ISIS a Til Temir il 7 marzo 2015, Jakob Riemer nell'attacco aereo dell'esercito turco a Çarçella il 9 Luglio 2018, Michael Panser nel Kurdistan settentrionale il 14 dicembre 2018 e Konstantin Gedig (Andok Cotkar) nel raid aereo all'ospedale Serêkaniyê il 16 ottobre 2019.

||||
|||| ||||

I genitori di questi cinque rivoluzionari tedeschi che sono andati in Kurdistan per sostenere la lotta per la libertà del popolo curdo e sono stati martirizzati lì, hanno inviato una lettera congiunta al Cancelliere Merkel. Nella lettera inviata firmata da Anne e Konrad Schneiderbanger, Michaela Hofmann-Umeh, Katharina Riemer, Hans-Ulrich Panser, Ute Ruß e Thomas Gedig, le famiglie hanno fatto importanti richieste al governo tedesco.

 "Sono morti combattendo per i valori dell'umanità"

Affermando che i loro figli sono andati in Kurdistan volontariamente e hanno perso la vita nella lotta per la libertà e la democrazia, valori comuni dell'umanità, le famiglie hanno chiesto la fine della cooperazione della Germania con lo Stato turco. Riferendosi al recente aumento delle violazioni dei diritti umani e dei crimini di guerra, le famiglie hanno chiesto alla Merkel di apportare cambiamenti radicali alla politica tedesca in Turchia. Le famiglie dei rivoluzionari tedeschi hanno dichiarato che dovrebbero essere imposte immediatamente sanzioni significative allo Stato turco e che la repressione statale contro i curdi residenti in Germania dovrebbe essere revocata. Nella lettera hanno anche ricordato alla Merkel la decisione della magistratura belga che il PKK non è un "organizzazione terroristica" e ha affermato che è tempo per la Germania di abbandonare l'ambiente politico degli anni '90 e cambiare la sua politica curda.

«Alziamo i monumenti dei nostri figli»

I genitori di Uta Schneiderbanger, Ivana Hoffman, Jakob Riemer, Michael Panser e Konstantin Gedig hanno recentemente chiesto al Primo Ministro tedesco di erigere monumenti in luoghi pubblici in modo che i loro figli martiri in Kurdistan non vengano dimenticati e per mantenere in vita i loro nomi.

Fonte: ANF

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons