Irlanda del Nord: le lenti di un conflitto

Stampa

Quanto sta succedendo nelle ultime settimane in Irlanda del Nord, in particolare a West Belfast è di estremo interesse. Se da un lato, come in altri territori, l'incedere della crisi e delle dinamiche geopolitiche e sociali che questa ha generato hanno riacceso conflitti sopiti, ma mai veramente superati, dall'altro lato questi stessi conflitti assumono nuove sembianze, proprio perchè vanno collocati all'interno di un ciclo storico fortemente confuso ed incerto.

||||
|||| ||||

Le lenti con cui storicamente guardiamo alla vicenda irlandese possono essere adeguate per rintracciare le continuità, le invarianze di un dominio coloniale e di una lotta di emancipazione lunga secoli, ma da sole non sono sufficienti a restituire la complessità del momento. Dicevamo geopolitica perchè sì, la questione dell'Irlanda del Nord si situa su una faglia della storia recente ricca di contraddizioni di ogni sorta. La Brexit ha aperto ad una possibilità storica di riunificazione dell'isola, tutta da conquistare e allo stesso tempo ha proposto nuove sfide tutt'altro che residuali. All'origine della rivolta due vicende correlate, lo spostamento del confine sul mare e la partita sui vaccini tra UK e UE che ha dato adito ai timori di alcune compagini unioniste sul rischio di un rapporto più serrato con l'Unione Europea. Per una ricostruzione più accurata delle vicende all'origine della rivolta rimandiamo a questa trasmissione di Radio Onda d'Urto:

Allo stesso tempo è necessario aggiornare le categorie con cui guardiamo alle composizioni sociali del Nord Irlanda. Le dinamiche demografiche da un lato, che vedono una crescente popolazione cattolica che si prevede presto supererà quella protestante ed allo stesso tempo le trasformazioni nelle gerarchie di classe, dove alcune compagini cattoliche ormai hanno generato una propria borghesia con una sua forza e degli interessi specifici, mentre allo stesso tempo consistenti settori della componente protestante sono andati in contro a processi di declassamento e proletarizzazione. L'equazione cattolici = proletari e protestanti = borghesia non risponde più alla realtà da diverso tempo. Questo nulla toglie alla causa indipendentista, ma ripropone la questione di quale indipendenza, di quale riunificazione. Se è evidente che lo scontro sul destino del Nord Irlanda si può dare sempre di più come uno scontro intracapitalistico, tra due borghesie con interessi e relazioni divergenti, allo stesso tempo è il portato sociale, in basso, che sta dietro a questi conflitti a sostanziare una possibilità alternativa. Ciò è evidente come scrivevamo tempo addietro tanto nelle campagne paraistituzionali per la riunificazione che vedono sempre più spesso partecipi anche alcuni settori protestanti (rarissimo fino a poco tempo fa), quanto nel suo doppio opposto, cioè la sostanziale crisi del fronte unionista e l'emersione dei sussulti di questi giorni. Il conflitto si misura sull'immaginario legato ai modelli di welfare, di sanità, di distribuzione della ricchezza, per lo più chimere di un passato che tanto in UK quanto in UE è stato fortemente ristrutturato, ma che parla del fatto che a sostanziare queste tensioni, ancora una volta, c'è la necessità di una rottura con i modelli esistenti di organizzazione del vivere sociale e dell'impoverimento generale. Per i giovani unionisti si tratta di resistere al declassamento, per alcuni versi un disperato grido alla madrepatria che, nei loro pensieri, li sta lentamente lasciando andare. Dall'altro lato si apre uno spiraglio irrinunciabile, tra le contorsioni della Brexit, un presidente degli Stati Uniti di origine irlandese e cattolica, ma il problema rimane come costruire una propria via alla riunificazione che non sia vittima di giochi più grandi della piccola isola.

Abbiamo tradotto questo interessante articolo di Action Antifasciste Paris-Banlieue che ci sembra centrare alcuni punti della questione:

 

I LEALISTI NON HANNO NULLA DA PERDERE SE NON LE LORO CATENE

fireworks 02

Per più di una settimana abbiamo potuto vedere in diversi media immagini di rivolte notturne nelle sei contee dell'Irlanda occupata (chiamiamo sei contee la parte dell'Irlanda ancora occupata dall'Inghilterra oggi, l'altro termine Irlanda del Nord è un nome inglese, confutato da repubblicani).

Sia a Belfast che a Derry, i giovani stanno attaccando le forze dell'ordine, dando fuoco ai veicoli, esprimendo la loro rabbia e impotenza. Sebbene queste immagini siano relativamente comuni nel nord, due dettagli rendono questo evento piuttosto unico. Innanzitutto l'ampiezza della protesta, ma soprattutto i protagonisti. Questa volta sono i lealisti ad attaccare le forze dell'ordine (la popolazione protestante che vuole che l'Irlanda rimanga inglese si chiama lealisti e unionisti, i lealisti sono il ramo "estremo" di questa corrente politica). Per capire perché i "fedeli alla corona" attaccano i suoi rappresentanti e i suoi "protettori" dobbiamo ricordare una lettera passata inosservata alla stampa francese poche settimane fa. Il "Consiglio lealista" dell'Irlanda del Nord, che riunisce le principali organizzazioni paramilitari dall'UVF all'UDA, invia una lettera a Boris Johnson all'inizio di marzo indicando che vedono l'applicazione delle misure Brexit come una minaccia alla loro identità e al loro attaccamento alla corona. Non volendo infatti rischiare una ripresa dell'ostilità da parte repubblicana con il ristabilimento di un confine fisico tra nord e sud, gli inglesi hanno deciso di lasciare il nord nel mercato europeo. Il termine "repubblicano" si riferisce alla popolazione cattolica che desiderava un'Irlanda unificata, libera dal dominio britannico, i loro principali rappresentanti erano l'IRA e la sua ala politica Sinn Féin.

 

Vengono quindi effettuati controlli doganali tra l'Irlanda del Nord e l'Inghilterra, anche se si suppone che ne faccia parte. I lealisti vedono qui un primo distacco della corona alla loro causa e al territorio che rivendicano, coloro che hanno seguito i partiti politici unionisti e hanno votato per una "hard Brexit" vedono il loro voto ignorato. Il consiglio ha quindi annunciato che gli accordi di pace del 1998 sarebbero diventati nulli se il governo non avesse cambiato la direzione degli eventi (gli accordi del Venerdì Santo del 1998 hanno posto fine a 30 anni di guerra tra l'IRA e l'Inghilterra ei suoi alleati lealisti).

Dovresti sapere che i quartieri lealisti sono poveri, tanto quanto i quartieri repubblicani. Fino ad ora il risentimento dei lealisti di fronte alla povertà che vivono era contenuto solo dalla loro lealtà ai partiti unionisti e all'Inghilterra, lealtà che si sta sgretolando con la Brexit ma anche per un semplicissimo motivo demografico. Mentre fino a pochi anni fa erano la maggioranza al nord, ora sono in minoranza e i cambiamenti si fanno sentire in ambito politico. Il partito "repubblicano" Sinn Féin ha fatto una svolta nelle ultime elezioni e l'angoscia di un futuro referendum che vedrebbe la creazione di un'Irlanda unita non è mai stata più presente. Inoltre, una settimana fa un evento apparentemente innocuo ha gettato olio sul fuoco, i membri dello Sinn Féin che avevano organizzato un funerale coinvolgendo più di duemila persone in tempi di Covid per un veterano dell'IRA sono stati assolti dai tribunali. Vedono in questa assoluzione una provocazione e un cambiamento nel potere dell'Irlanda del Nord. L'Inghilterra si trova nella posizione che ha cercato di evitare a tutti i costi, tra il fuoco dei repubblicani che vogliono la riunificazione e quello dei lealisti che si sentono traditi. Resta da sperare che i seguenti eventi vedranno una rivolta da entrambe le parti per chiedere migliori condizioni di vita e non un nuovo confronto tra le due comunità.

Il progetto repubblicano ha un posto per gli unionisti nelle sue aspirazioni, se la riunificazione è un passo necessario nel loro progetto è solo l'inizio della strada. Un'Irlanda unita non apporterà alcun cambiamento significativo alla terribile situazione sociale nel nord se non sarà seguita dall'istituzione di una repubblica socialista. Questa è la battaglia dei nostri compagni nelle sei contee, e il progetto socialista ovviamente intende cambiare le condizioni di vita sia dei repubblicani sia dei lealisti e degli unionisti che vivono nella stessa regione, a condizione che vogliano partecipare.

Infine alleghiamo da Les enfants terribles la cronaca dell'ultima notte di scontri che ha visto scendere in piazza anche i repubblicani a West Belfast.

 

Ancora una sera di scontri a West Belfast

fireworks

 

Giovedì sera i ragazzi delle due comunità si sono nuovamente confrontati nella zona di West Belfast e la polizia ha utilizzato i cannoni ad acqua.

I giovani si sono radunati a Springfield Road intorno alle 16.30 e la PSNI, presente nell’area, ha avvertito di “disperdersi immediatamente o verrà usato il cannone ad acqua”.

I rivoltosi hanno lanciato oggetti, bottiglie incendiarie, mattoni e fuochi d’artificio contro la polizia e nel corso della sera è stato riferito che la PSNI ha avvisato dell’imminente utilizzo di “proiettili di gomma”.

Uomini e donne radunatisi ai cancelli dell’interfaccia vicino Lanark Way, dal lato di Springfield Road, hanno detto di non volere una nuova notte di violenze.

Il ministro delle Infrastrutture Nichola Mallon ha confermato che questa mattina si terranno ulteriori colloqui sulle recenti violenze nelle Sei Contee.

Ha detto: “È inquietante vedere un’altra notte di violenza e attacchi alla polizia da parte di giovani. In qualità di leader, abbiamo tutti il ​​dovere di ridimensionare questa situazione e dare a tutti i nostri giovani un futuro verso cui possono guardare”.

Il ministro della Giustizia Naomi Long ha lanciato un ulteriore invito alla calma dopo quelle che ha definito scene “deprimenti e spericolate”.

Ha detto: “Altri attacchi alla polizia, questa volta da parte di giovani nazionalisti. È assolutamente sconsiderato e deprimente vedere altra violenza nelle zone di interfaccia.

“I miei pensieri vanno a coloro che vivono tra paura e disordini. Tutto questo deve finire subito, prima che si perdano delle vite”.

Il deputato di West Belfast Paul Maskey era sul campo insieme agli attivisti della comunità e ha detto: “Chiedo calma e faccio appello alle persone affinché stiano lontano dalle aree di interfaccia”.

Gerry Carroll, parlamentare di People Before Profit, ha chiesto ai giovani di astenersi da attività violente.

Ha detto: “Questa sera [giovedì] e ieri, insieme ad altre persone, stiamo cercando di fare tutto il possibile per incoraggiare le persone a stare alla larga, a non farsi coinvolgere in rivolte spericolate, a non farsi coinvolgere in rivolte divisive.

“Quello che vogliamo vedere è l’unione tra le persone delle varie comunità”.

 

Mercoledì pomeriggio un autobus della Translink è stato dirottato e dato alle fiamme all’incrocio tra Lanark Way e Shankill Road a seguito di una manifestazione di protesta, durante la quale c’è stato un attacco contro i poliziotti e un fotografo.

Gli autisti degli autobus hanno protestato fuori dal municipio.

“A seguito dell’incidente di ieri sera che ha comportato un attacco contro un autobus, chiediamo a tutti coloro che hanno influenza all’interno delle comunità di utilizzarla per calmare la situazione attuale. Come sindacati la nostra prima priorità è la sicurezza e il benessere dei conducenti e dei passeggeri.

“A tal fine, abbiamo chiesto di rivedere il calendario delle corse per i prossimi giorni. Questo senza dubbio arrecherà disturbo al pubblico in generale, ma riteniamo che non ci sia altra opzione in questo momento”, hanno detto i sindacalisti di Unite e GMB.

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons