InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cile: a 4 anni dalla Rivolta, centinaia di giovani hanno lottato contro i carabinieri di Boric e hanno ripreso Plaza de la Dignidad

Non sono state le moltitudini del 2019, ma ci sono stati scontri simili a quelli di quell’epoca, con gli “sbirri bastardi” del presidente Boric, questo grande usurpatore e arrivista che si è tenuto il reddito dell’indignazione popolare.

E lo ha fatto, grazie alla diserzione di molta “sinistra progressista” che ha preferito abbassare le bandiere e mettere un votino nelle urne, credendo che così avrebbe ottenuto la Costituente per la quale si era tanto lottato. Sono caduti nella trappola partitocratica: hanno immaginato, grazie ai canti di sirena dei propri dirigenti concertazionisti, di stare sconfiggendo il fascismo e si sono trovati con un governante che reprime i mapuche più di Piñera (non è dire poco), e si abbraccia con i carabinieri che hanno assassinato vari giovani e hanno perforato gli occhi ad altrettanti.

No, questo quarto anniversario non è stato come agli inizi ma nonostante ciò ci sono state decine di manifestazioni di quartiere in lungo e largo il paese, e a Plaza de la Dignidad, a Santiago, centinaia di giovani hanno lottato contro i gas e l’acqua con prodotti chimici dei carabinieri, e ad un certo punto si sono presi la Plaza, hanno cantato le loro parole d’ordine, hanno sventolato le bandiere mapuche e hanno sfidato la repressione, chiedendo la libertà “per i prigionieri che hanno lottato” che lo sono ancora dalla Rivolta, e anche per i leggendari rivoluzionari come il comandante Ramiro (Mauricio Hernández Norambuena) e altri come lui, che hanno combattuto tutta la vita per il socialismo, e il regime li tiene in ostaggio.

Questi giovani e altri come loro, sono il seme di quella Rivolta politica e culturale che in quel momento illuminò di speranza tutto il Cile e anche il Latinoamerica. È molto probabile che se la situazione non migliorerà (qualcosa che appare come improbabile), senza dubbio tornerà ad incendiarsi la prateria, giacché il Cile di Boric fa bene ai ricchi e no a quelli in basso. Perché a coloro che si ammassano nei centri abitati o sopravvivono con lavori mal pagati, nulla di buono sta succedendo con un governo che si definisce progressista e, a malapena, è uno zerbino sbiadito degli yankees, delle compagnie e ora anche dei sionisti.

In rivolta questo 18 ottobre

Le convocazioni continuano per commemorare i 4 anni da quando è iniziato il movimento politico-sociale più importante degli ultimi decenni.

Anche se gli opportunisti, i gialli e i progressisti, stravaccati nei loro ministeri e nelle loro istituzioni, cercheranno di smobilitarci, il gigante popolare continua nelle strade.

Mettere fine al sistema di oppressione capitalista

Convocazioni della Rivolta a Santiago per questo 18 ottobre

A OTTOBRE, commemorando i 4 anni dell’inizio delle gesta popolari più importanti degli ultimi decenni, scendiamo nelle strade in omaggio di tuttx i nostrx cadutx nella lotta.

Perché abbiamo dei compiti in sospeso.

Per la giustizia per gli assassinatx, torturatx e mutilatx. 

Per l’immediata libertà e senza condizioni di tuttx i prigionierx politicx.

Per la fine della repressione nei territori e la militarizzazione del walmapu.

Per la dignità, bisogna mettere fine al modello di dominio capitalista che sfrutta il Popolo lavoratore.

Solo il Popolo libera il Popolo.

Tutte le azioni si sommano, organizzati con i tuoi vicinx, amicx e compagnx.

La lotta continua

Il 18 ottobre finisce la pazienza

In commemorazione di tuttx i lottatorx popolari cadutx nella Rivolta Popolare.

18 ottobre 2023

Radio Plaza de la Dignidad/Resumen Latinoamericano

Traduzione di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Boriccilescontri

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il CAM in Sciopero della Fame dice che “Non ci può essere dialogo con militarizzazione, prigionieri politici e senza la restituzione delle terre”

Dal 13 novembre sono in sciopero della fame i prigionieri politici mapuche del CAM (Coordinamento Arauco-Malleco) reclusi nel CCP Biobío di Concepción, Ernesto Llaitul, Esteban Henríquez, Ricardo Delgado Reinao e Nicolás Alcamán, per chiedere l’annullamento della sentenza di condanna a più di 15 anni di reclusione che pesa su di loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: i prigionieri politici mapuche iniziano uno sciopero della fame fino ad ottenere l’annullamento del processo del razzista stato cileno

Facciamo un appello al nostro Popolo, alle comunità in resistenza, così come agli oppressi in generale, ad accompagnare questa mobilitazione con denunce, proteste e azioni contro lo stato cileno e principalmente contro i veri nemici, i capitalisti e i loro lacchè, responsabili di tante ingiustizie, così come del saccheggio dei territori ancestrali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popolo mapuche: accanimento giudiziario verso i dirigenti mapuche con condanne carcerarie eterne

La persecuzione verso le dirigenze mapuche non cessano, nemmeno dietro le sbarre, dove ultimamente abbiamo visto condanne di decine d’anni, una vita intera in carcere, un peso della legge che non cade così nemmeno sui violentatori di diritti umani di questo paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: rifiuto della condanna senza prove di 4 prigionieri politici mapuche del CAM

Queste azioni si iscrivono in un progressismo liberale che reprime i movimenti popolari, una tendenza che soddisfa le richieste dell’estrema destra e dei grandi imprenditori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Senegal: due morti in una manifestazione di disoccupati

Lunedì mattina sono scoppiati scontri tra i gendarmi e i giovani dei comuni di Khossanto e Mama Khono, che protestavano contro la modifica dell’ordinanza del prefetto del dipartimento di Saraya sull’assunzione di manodopera locale non qualificata da parte di un’azienda mineraria.