IRA responsabile del rapimento del direttore di Quinn Industrial Holding

Stampa

I repubblicani coinvolti nei recenti disordini al confine sono i responsabili del rapimento di un importante uomo d’affari nella Contea di Fermanagh.

||||
|||| ||||

Kevin Lunney, direttore di Quinn Industrial Holdings (QIH), è stato rapito martedì vicino alla sua casa di Kinawley.

Si è chiuso in macchina dopo essere stato speronato da quattro uomini mascherati che hanno rotto i finestrini, lo hanno trascinato fuori e lo hanno infilato nel bagagliaio di una Audi nera.

Il sovrintendente PSNI Clive Beatty ha dichiarato che Lunney stava tornando a casa dal suo ufficio di Derrylin alle 18.40 quando è stato preso di mira.

“Hanno guidato per un po’ verso una posizione sconosciuta, dopo di che Lunney è stato fatto uscire dal veicolo e picchiato selvaggiamente”, ha affermato.

Kevin Lunney è stato trovato sul ciglio di una strada nella Contea di Cavan da un passante, a 35 chilometri dal luogo del rapimento, dopo un calvario di due ore e mezza e portato d’urgenza in ospedale.

Beatty ha dichiarato: “Ha riportato ferite gravi e brutali alle gambe, al busto e al viso. Dopo questo attacco è stato poi portato in un altro veicolo e quindi scaricato sul lato della strada proprio fuori Cavan”.

Il dirigente era consapevole di essere stato minacciato e la PSNI ha confermato ieri che negli ultimi giorni era stata garantita la presenza della polizia nei locali dell’azienda durante una riunione del consiglio di amministrazione.

Entrambe le forze di polizia stanno indagando sul rapimento, l’ultimo di una lunga serie di attacchi e intimidazioni contro la gestione del Quinn Industrial Holdings. Fonti hanno riferito a The Irish News che uomini legati all’IRA di Fermanagh, insieme a elementi del gruppo armato di Cavan, sono stati coinvolti nel rapimento che si dice sia stato effettuato con “precisione militare”.

Lo stesso gruppo si è reso responsabile di aver fatto esplodere un ordigno vicino a Wattlebridge nella Contea Fermanagh il mese scorso, cui è seguita la rivendicazione dell’Irish Republican Army.

Lunney ha lavorato per molti anni con l’uomo d’affari Sean Quinn e gli è rimasto fedele durante i tentativi di riguadagnare il controllo del suo impero imprenditoriale, crollato nel 2012 dopo un fallimento degli investimenti nella Anglo Irish Bank.

Dopo che sei uomini d’affari locali hanno acquisito l’azienda nel 2014, Kevin Lunney era divenuto direttore mentre Quinn lavorava come consulente.

Quinn ha lasciato il ruolo nel 2016.

In una dichiarazione rilasciata ieri, la famiglia Quinn ha dichiarato: “Siamo assolutamente inorriditi nel sentire della vicenda subita da Kevin Lunney e i nostri pensieri sono con Kevin e la sua famiglia. Ormai non partecipiamo al gruppo Quinn da diversi anni e siamo profondamente frustrati e irritati dal fatto che la nostra ex proprietà di tali aziende sia stata associata in qualche modo a tali atti disgustosi. La famiglia Quinn ha ripetutamente condannato questo tipo di attacchi. Le persone che stanno compiendo questi atti spregevoli non lo fanno a nostro vantaggio e siamo totalmente contrari a questo tipo di attività”.

Negli ultimi 12 mesi si è verificata un’ondata di attacchi e intimidazioni, alcuni dei quali non sono stati resi pubblici ma hanno causato un considerevole aumento della gestione della loro sicurezza.

Adrian Barden, presidente del gruppo, ha dichiarato che il rapimento è stato “un attacco oltraggioso a un padre di sei figli, ma anche ai suoi 830 colleghi di QIH e alla più ampia comunità nella regione di Cavan-Fermanagh. Per diverse ore la sera scorsa la moglie, la famiglia e molti amici di Kevin hanno temuto il peggio. Come molti dei suoi colleghi, sono arrabbiato perché non è stato fatto di più per proteggere Kevin. Troviamo inspiegabile che non sia stato effettuato un solo arresto a nord o a sud, nonostante dozzine di attacchi”.

Michelle Gildernew, parlamentare dello Sinn Féin, ha dichiarato: “Questo non è solo un terribile assalto a Kevin e alla sua famiglia, ma al lavoro e alla stabilità di Fermanagh”.

Il leader del DUP Arlene Foster ha dichiarato: “Nessuno dovrebbe vivere nella paura degli attacchi o dei rapimenti a causa del loro lavoro. Spero che i responsabili affrontino i tribunali a seguito delle loro azioni”.

Il consigliere SDLP Adam Gannon ha dichiarato che le persone coinvolte devono essere consegnate alla giustizia, mentre il rapimento e il pestaggio sono stati duramente condannati anche da Stewart Dickson dell’Alliance Party e Rosemary Barton dell’UUP.

Da lesenfantsterribles.org

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons