InfoAut
Immagine di copertina per il post

In Senegal i giovani vogliono riappropriarsi del loro paese

||||

In Senegal continuano le tensioni contro il governo di Macky Sall. Le proteste, che hanno causato 14 vittime tra i civili, sono partite dalla capitale Dakar e hanno coinvolto tutto il paese. Si sono svolte in parallelo all’arresto, il 3 marzo, di Ousmane Sonko, oppositore e leader di Pastef (Patriots of Senegal for Ethics, Work and Fraternity). È stato denunciato per stupro e rilasciato su cauzione l’8 marzo; il suo partito e i sostenitori pensano che l’accusa faccia parte di una strategia per screditarlo. Sonko ha più volte denunciato la corruzione del governo in carica ed è molto popolare.

 

La vicenda di Ousmane Sonko è la scintilla ma non la causa delle proteste. Queste manifestazioni infatti si rivolgono contro un sistema, rappresentato dal presidente in carica, dall’Europa e dalle grandi industrie, accusate di sfruttare il paese e ostacolarne la crescita economica. Non è un caso che a essere bersagliati dai manifestanti siano stati catene di supermercati, distributori di benzina e cabine telefoniche di proprietà di imprese francesi.

Isak è un attivista senegalese: sui social network vuole essere conosciuto solo con il suo nome. Questo perché «voglio solo essere uno strumento: mi batto per avere risultati per il mio paese non nell’immediato, ma per le generazioni future». Ha vissuto per tanti anni in Toscana e ora si trova a Dakar per prendere parte alle manifestazioni e stare vicino alla sua famiglia d’origine. Fa parte di Y ‘en a Marre, un gruppo di musicisti, artisti e giornalisti molto attivo nel denunciare il malgoverno di Sall. Stando ad Amnesty International, sei attivisti del gruppo sono stati arrestati durante le proteste del 5 marzo, fra cui Thiat, rapper e fondatore di Y ‘en a Marre.

Isak spiega che le ragioni politiche della protesta sono marginali. «L’arresto di Sonko ha esacerbato una tensione sociale che c’era già. Noi attivisti abbiamo iniziato a indire manifestazioni pacifiche poco prima di questo fatto. Abbiamo sparso la voce e informato i cittadini tramite i social network, e il governo ha persino deciso di negare l’accesso al web. Abbiamo avuto contatti con Anonymous, che per fortuna ci ha fornito dei Vpn».

Il colonialismo “mascherato” delle grandi multinazionali

I giovani del paese reclamano la partecipazione attiva all’economia, ostacolata dal profitto e dagli interessi delle grandi multinazionali straniere. «La popolazione senegalese è composta per il 70% da giovani; questi ragazzi vogliono vivere e avere le stesse opportunità dei giovani occidentali nel loro paese», spiega Isak. «Hanno capito che ciò che gli permetterebbe di vivere bene in Senegal viene venduto ai paesi europei, o agli Usa».

Proprio per questo motivo, i manifestanti chiedono trasparenza. In particolare sugli accordi del governo di Sall con le grandi imprese: «noi cittadini non li conosciamo e se chiediamo conto veniamo arrestati. Ma li vogliamo vedere e renderli comprensibili a tutti».

 

La protesta ha avuto nel mirino i simboli dello sfruttamento del Senegal da parte dell’Occidente: «Non abbiamo colpito beni che appartengono al paese o ai cittadini, ma quelli di un sistema di appropriazione delle nostre risorse: i distributori di benzina Total, multinazionale francese alla quale è stata venduta gran parte del petrolio estratto qui, rappresentano le imprese che distruggono l’economia dal basso e che non producono alcuna ricchezza».

Ma con gli esempi si potrebbe continuare. Gli accordi di pesca, per esempio: «Quelli che guidano i barconi verso l’Europa sono per la maggior parte pescatori; se decidono di fare gli scafisti è perché non riescono a vivere del loro lavoro in Senegal. Ci sono mega navi che prendono tonnellate di pesce».

I posti di lavoro garantiti da queste grandi imprese non sono sufficienti ad assicurare benessere e affossano l’economia locale. Isak infatti spiega che «se Auchan garantisse anche qui lo stesso livello di ricchezza che produce in Francia, noi non l’attaccheremmo. Il problema è che vendono prodotti a prezzi stracciati, e quindi nessun senegalese è indotto ad aprire un suo supermercato, e se lo apre non potrebbe competere con il costo dei prodotti francesi. È inutile che assumano dieci persone se un altro milione fa la fame».

L’attivista denuncia la permanenza di un sistema coloniale, più subdolo rispetto a quello storicamente conosciuto perché non coinvolge gli Stati, ma i privati. Questi ultimi manovrano i politici con pratiche corruttive. «I nostri governi a partire dalla campagna elettorale fanno accordi per quando si insedieranno; le aziende li finanziano per ottenere, ad esempio, le proroghe dei contratti. Questo per continuare a sfruttare le nostre risorse».

E anche con questa consapevolezza – riappropriarsi della ricchezza che gli viene sottratta ancora oggi – i giovani africani affrontano i viaggi verso l’Europa. «Se io a casa mia ho fame, tu sei il mio vicino e ti appropri del mio cibo, io posso venire a casa tua a mangiare, perché quella è roba mia. È la stessa cosa che pensano i ragazzi africani quando decidono di affrontare un lungo viaggio, anche a rischio della vita».

Nonostante le proteste siano state sedate è forte il desiderio degli attivisti di continuare a tenere accesi i riflettori sul Senegal. Infatti il governo di Sall sta tentando di far passare le manifestazioni come atti terroristici. Isak spiega: «Gli attivisti attualmente vengono segnalati come terroristi. Un ragazzo senegalese con cui collaboriamo e che vive negli Stati Uniti è stato arrestato, su denuncia dello stato senegalese. Gli stessi problemi potrei averli io se decidessi di tornare in Italia; visto che ho partecipato a queste manifestazioni potrei essere segnalato come terrorista alle autorità». Ma per Isak la linea rimane chiara: «Continueremo a combattere e siamo pronti a correre questo rischio».

Da ilmigrante.org

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

AfricacolonialismoSENEGAL

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Senegal: rinviate le elezioni presidenziali. Le opposizioni chiamano alla piazza: “E’ un auto-golpe”

Africa. Tensione altissima in Senegal, dove il parlamento di Dakar ha rinviato le elezioni presidenziali, previste per il 25 febbraio, al prossimo 15 dicembre.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove siamo? Tra disordine e responsabilità – Parte 2

Chiunque abbia letto “Le vene aperte dell’America Latina”di Eduardo Galeano ha ben presente qual’è la relazione tra la concezione capitalista della natura ed il colonialismo, vecchio e nuovo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Una Gaza planetaria

Già nelle prime otto settimane dell’ultima terrificante escalation della guerra contro la popolazione di Gaza, Israele aveva ucciso più Palestinesi che nei 106 anni trascorsi dalla nota Dichiarazione di Balfour, quella in cui il ministro inglese si diceva favorevole a una “dimora nazionale per il popolo ebraico” in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il massacro di Gaza serve a creare un circolo vizioso finalizzato al genocidio dei palestinesi

Una delle pose più odiose e fasulle in merito allo spietato assedio e bombardamento della Striscia è quella di chi, come l’ineffabile Paolo Mieli, si dice contrito per le perdite ma al contempo, asciugandosi lacrime di coccodrillo, si domanda “cos’altro si potrebbe fare?”.